La pesca nel ghiaccio

Il Giornale dei MARINAI NewsLa pesca nel ghiaccio
0
(0)

La pesca bianca, conosciuta anche pesca nel ghiaccio, ha un origine che si perde nei secoli. Il primo a parlarne e a descriverla però fu un certo Paul Le Jeune, gesuita francese e missionario in Canada, il quale, il 27 gennaio del 1635 in un’escursione nelle zone di Trois- Rivières, portò dei coloni Francesi a pesca.

Arrivando sul lago però si accorsero che non vi era la possibilità di poter gettare le lenze in acqua dato che il lago era totalmente ghiacciato. I francesi si accorsero però di un gruppetto di nativi americani, che a poche centinaia di metri da loro, stavano in qualche maniera pescando sul ghiaccio.

Avvicinatisi ai pescatori, i coloni francesi si accorsero della mossa astuta fatta dagli americani, cioè quella di forare il ghiaccio con una piccola trivella e li “calare” la loro esca per la cattura del pesce.

Le tecniche per la pesca nel ghiaccio sono prevalente due, la pesca a fondo o in superficie. Per la pesca a fondo si utilizza un galleggiante che rimane a visibile dal foro scavato, li se il galleggiante fa un movimento, si può’ issare la canna e catturare il pesce. Altra tecnica è quella della pesca a fondo,  calando la lenza sul fondale con piccolo  piombo e gli ami a cui viene innescato solitamente o il gambero o il fegato di maiale, ghiotta esca per i pesci di lago. L’accortezza dei pescatori quindi sta veramente nel saper forare il ghiaccio, spesso si è sentito di pescatori che la troppa foga utilizzata nel bucare hanno spaccato la coltre di ghiaccio e sono finiti in acqua con temperature glaciali. Oggi la pesca bianca è diventata una pesca tradizionale in Quebec, dove la giurisdizione regola quando questi tipo di pesca può’ essere praticata, in base anche allo spessore della coltre di ghiaccio (intorno ai 30 cm). E ‘praticata in diversi comuni , tra cui Sainte Anne de la Joliette, famosa per la pesca grossa nell’Oceano Atlantico. Esiste anche un’ importantissimo concorso di pesca che si svolge a Saguenay, che vede ogni anno più di 5000 iscritti. Le specie target di questa pesca sono salmerino, trota, temolo, coregone, pesce persico, rombo e luccio.

Fai clic su una stella per votare il post!

Voto medio 0 / 5. Conteggio voti: 0

Nessun voto finora! Sii il primo a votare questo post.

Miglioreremo questo post!

Dicci come possiamo migliorare questo post?

Iscriviti alla newsletter del GDM

 

Loading
Categories:
Web Editor : Marcello Guadagnino, biologo marino ed esperto di pesca professionale. Autore del Giornale dei Marinai

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi anche

siluro giallo Curiosità : Uomo pesca un siluro di colore giallo in Olanda
3.7 (6) Eccezionale cattura per un pescatore olandese che ha portato fuori dall’acqua un pesce
Primo avvistamento di squalo balena in Mediterraneo
4 (45) Una notizia che sprima o poi sarebbe arrivata, uno squalo balena è entrato
spada israele cavalieri crociate templari Un subacqueo israeliano trova una spada appartenuta ad un crociato
3.6 (8) Un subacqueo israeliano ha scoperto una spada ancora intatta appartenuta a un cavaliere
Abusi nel campo della miticoltura: scattata all’alba l’operazione “Oro di Taranto”.
4 (18) Continua, senza sosta, l’attività della Guardia costiera di Taranto, delle Autorità locali e
plancton Il cambiamento climatico influenzerà negativamente le comunità planctoniche
5 (1) Le simulazioni suggeriscono che le interazioni tra le comunità di plancton (la miriade
Studio: 3.760 tonnellate di plastica ricoprono il Mar Mediterraneo
3.8 (4) Circa 3.760 tonnellate di plastica galleggiano attualmente sulla superficie del Mar Mediterraneo, una