I rettili marini del mediterraneo

I rettili marini del mediterraneo
Marcello Guadagnino

La tartaruga liuto – Dermochelys coriacea

La tartaruga liuto, nota anche come Dermochelys coriacea, è una delle sette specie di tartarughe marine esistenti al mondo ed è la più grande tra di esse. Queste tartarughe sono note per la loro incredibile abilità di navigazione e per il loro ruolo ecologico nel mantenimento dell’equilibrio degli ecosistemi marini. La tartaruga liuto può raggiungere una lunghezza di oltre 2 metri e pesare più di 900 kg. La loro caratteristica distintiva è il guscio molle e flessibile, ricoperto di scaglie cornee, che li rende diversi dalle altre tartarughe marine. Il colore del loro carapace può variare dal marrone

Leggi Tutto »
I rettili marini del mediterraneo
Marcello Guadagnino

La tartaruga marina – Caretta caretta

La tartaruga marina, o tartaruga comune (Caretta caretta), è presente in tutti i mari del mondo, sia temperati che tropicali, tra il 40° parallelo sud e il 60° parallelo nord, mantenendosi costantemente a distanza dalla costa ma mai in pieno oceano. È stata occasionalmente osservata anche nelle acque canadesi al largo di Terranova e Nuova Scozia, e alcune fonti segnalano la sua presenza addirittura a nord di Murmansk, in Russia, e a sud dell’Argentina. Nel Mediterraneo, è la tartaruga più comune. I principali siti di nidificazione della tartaruga marina sono in Florida, Colombia, Brasile, Messico, Grecia, Sud Africa

Leggi Tutto »

Nel Mar Mediterraneo, i rettili marini sono rappresentati principalmente dalle tartarughe marine. Le specie più comuni includono la tartaruga Caretta e, occasionalmente, la tartaruga liuto. La tartaruga Caretta è la più diffusa e nidifica in diverse spiagge mediterranee. La tartaruga verde è più rara e nidifica soprattutto nell’area orientale del Mediterraneo. La tartaruga liuto è una visitatrice sporadica. Questi rettili sono cruciali per l’ecosistema marino e spesso sono oggetto di programmi di conservazione a causa delle minacce che affrontano, come la perdita di habitat e l’inquinamento