Cosa é il punto Nemo

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Email
Punto Nemo

Il punto Nemo o Polo dell’inaccessibilità è il punto più isolato dell’oceano sulla Terra, situato a circa 2.688 km dalla costa più vicina.

Le coordinate esatte del punto Nemo sono 48°52.6′S 123°23.6′W, e si trova nell’oceano Pacifico, tra l’Australia e l’America del Sud.

Perché si chiama Punto Nemo

Il nome “Nemo” deriva dal protagonista del romanzo di Jules Verne “Ventimila leghe sotto i mari”, il Capitano Nemo, che significa “nessuno” in latino. Il punto Nemo è stato così chiamato perché rappresenta un luogo così isolato che potrebbe essere il luogo perfetto per nascondersi dalla società.

Dove si trova il Punto Nemo

Una delle caratteristiche più interessanti del punto Nemo è che si trova al centro dell’oceano più grande del mondo, ed è circondato da un vasto deserto oceanico. In questa zona le correnti marine si incontrano e creano un ambiente molto difficile per la vita marina.

Coordinate Punto Nemo

48°52.6′S, 123°23.6′W.

Il punto Nemo è diventato anche un importante punto di riferimento per i satelliti e le missioni spaziali, poiché la sua posizione offre un’ottima visibilità su gran parte del globo terrestre.

Inoltre, il punto Nemo è diventato un importante luogo di riposo per le navi che devono essere smantellate, poiché la sua posizione offre una facile accessibilità alle acque profonde dell’oceano Pacifico.

  • Il punto Nemo è stato individuato grazie a un sistema di posizionamento satellitare nel 1992.
  • Si pensa che il punto Nemo sia l’ultimo luogo sulla Terra in cui non si può vedere la terraferma, poiché la visibilità più vicina è l’isola di Ducie, appartenente al Regno Unito, che si trova a circa 1.670 km di distanza.
  • La profondità dell’oceano al punto Nemo è di circa 4.000 metri.
  • A causa della sua posizione isolata, il punto Nemo è stato scelto come luogo di sepoltura per alcuni satelliti e stazioni spaziali dismessi, tra cui la stazione spaziale russa Mir nel 2001 e l’astronave europea Automated Transfer Vehicle (ATV) nel 2015.
  • Nonostante la sua posizione remota, il punto Nemo è un luogo di grande interesse per gli scienziati, in particolare per gli oceanografi che studiano le correnti oceaniche e le caratteristiche dell’acqua in questa zona.
  • Il punto Nemo è anche stato il luogo di partenza e arrivo di alcune regate oceaniche, tra cui la Vendée Globe, una regata a vela intorno al mondo in solitario.
  • A causa della sua posizione remota, il punto Nemo è diventato un luogo ideale per gli animali marini che vivono in acque profonde e poco frequentate. Ad esempio, alcuni studi hanno mostrato la presenza di specie di pesci e di invertebrati unici in questa zona.
  • Il punto Nemo è stato anche oggetto di molte leggende e storie di fantasia, tra cui quella di una creatura marina gigantesca chiamata “Kraken” che vivrebbe nelle sue acque profonde.
  • Nonostante la sua posizione isolata, il punto Nemo non è del tutto privo di attività umane: infatti, molte imbarcazioni di ricerca scientifica hanno fatto tappa in questa zona per condurre esperimenti oceanografici.
  • Il punto Nemo è anche stato utilizzato come luogo di riferimento per il sistema di posizionamento GPS. Infatti, le coordinate del punto Nemo sono state utilizzate come punto di riferimento per calibrare i satelliti GPS.
  • Nel 2013, un uomo chiamato Emmanuel Jalbert ha nuotato per 72 ore nell’oceano per avvicinarsi il più possibile al punto Nemo, stabilendo così un nuovo record mondiale di nuoto in acque aperte.

Nel 1997, un gruppo di oceanografi rilevò un suono misterioso proveniente da circa 2000 chilometri ad est del Punto Nemo. Il suono, denominato “Bloop”, aveva una bassa frequenza così intensa da superare quella emessa da una balenottera azzurra.

Il punto Nemo è un luogo unico e affascinante che rappresenta uno dei luoghi più remoti e inaccessibili sulla Terra, ma allo stesso tempo è un punto di riferimento importante per le missioni spaziali e le attività scientifiche che si svolgono nel Pacifico.

Clicca per votare questo articolo!
[Voti: 0 Media: 0]
Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Pinterest
Email
Tags :

Lascia un commento

Ultimi articoli
Le schede degli organismi marini