Creme solari, la minaccia invisibile che distrugge la biodiversità marina

Il Giornale dei MARINAI Biologia marinaCreme solari, la minaccia invisibile che distrugge la biodiversità marina
5
(2)

Il fenomeno delle creme solari e dei danni provocati gli ecosistemi marini è conosciuto oramai da decenni. Creme, spray, prodotti abbronzanti hanno spesso un impatto altamente negativo con l’ambiente marino. Questi filtri UV che proteggono dai raggi solari penetrano attraverso i pori della pelle all’interno del corpo. E, lo fanno anche con gli organismi marini. Sebbene pesci, crostacei e molluschi non mettano le creme, riescono comunque ad entrare in contatto con i filtri UV. Buona parte di questi filtri sono interferenti endocrini e possono provocare effetti indesiderati sulla salute degli organismi.

Due dei filtri utilizzati per le creme hanno un’origine minerale : l’ ossido di zinco ed il biossido di titanio. Il biossido di titanio ha dimostrato di essere cancerogeno quando viene in contatto con un organismo. Viene spesso utilizzato sotto forma di nanoparticelle per migliorarne l’applicazione e favorirne la penetrazione. Fortunatamente esistono versioni senza nanoparticelle.

Creme solari negli oceani

Durante una nuotata, quasi il 25% della crema solare diffusa sul corpo raggiunge il mare, quindi, su scala globale, ogni anno vengono scaricate negli oceani tra le 10.000 e le 25.000 tonnellate di prodotti solari. E questi numeri sono in costante aumento.

Una volta in mare, queste particelle circolano a piacimento delle correnti, e finiscono per contaminare flora e fauna acquatica. A volte sono visibili attraverso bagliori sulla superficie dell’acqua.

4.000 tonnellate sarebbero assorbite ogni anno dai coralli. Uno studio ha dimostrato che i prodotti per la protezione solare possono uccidere i coralli in sole 48 ore.

Perché è dannoso per le barriere coralline?

Filtri UV sotto forma di nanoparticelle entrano in contatto con i coralli e raggiungono le zooxantelle , microalghe che vivono in simbiosi con loro.

Questi organismi unicellulari sono fondamentali per i coralli perché fotosintetizzano il cibo per i polipi corallini. Forniscono i nutrienti necessari al corallo creando materia organica. In cambio, il corallo offre protezione e cibo…

Quando i filtri solari raggiungono le zooxantelle, bloccano i raggi UV. Di conseguenza, il processo fotosintetico viene bloccato e le alghe muoiono.

Lo sbiancamento dei coralli corrisponde inizialmente alla morte di queste microalghe. A poco a poco muoiono anche i coralli e, di conseguenza, quasi tutte le specie che vivono in questi habitat scompaiono.

Quali conseguenze per la fauna marina?

Zooxantelle e coralli non sono le uniche specie a soffrire la presenza di filtri solari nell’acqua. Anche molte spugne vivono in simbiosi con le zooxantelle e la loro scomparsa interessa l’intera catena alimentare.

Oltre ai problemi legati alle alghe, i filtri minerali avrebbero conseguenze dirette sui pesci. 

Naturalmente oggi esistono delle creme solari ecologiche, prive delle sostanze incriminate. Utilizzate quindi le creme solari cercando in farmacia quelle che non facciano male all’ambiente.

CoralliAlgheMolluschiRicci di marePesciDelfini
Provocano lo sbiancamento con la morte delle zooxantelleNe riduce la fotosintesi e la crescitaI filtri UV sono stati ritrovati
anche nelle forma di vita più giovani
Danni ai sistemi riproduttiviRiducono la fertilitàSi accumulano nei tessuti
di adulti e si trasferiscono nei nuovi nati

Sostanze chimiche nocive per gli ecosistemi marini

3-benzylidene camphor

4-methylbenzydene camphor

Octocrylene

Benzophenone-1

Benzophenone-8

OD-PABA

Nano-Titanium Dioxide

Nano-zinc oxide

Oxybenzene

Fai clic su una stella per votare il post!

Voto medio 5 / 5. Conteggio voti: 2

Nessun voto finora! Sii il primo a votare questo post.

Miglioreremo questo post!

Dicci come possiamo migliorare questo post?

Iscriviti alla newsletter del GDM

 

Loading
Categories:
Web Editor : Marcello Guadagnino, biologo marino ed esperto di pesca professionale. Autore del Giornale dei Marinai

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi anche

siluro giallo Curiosità : Uomo pesca un siluro di colore giallo in Olanda
3.7 (6) Eccezionale cattura per un pescatore olandese che ha portato fuori dall’acqua un pesce
Primo avvistamento di squalo balena in Mediterraneo
4 (45) Una notizia che sprima o poi sarebbe arrivata, uno squalo balena è entrato
spada israele cavalieri crociate templari Un subacqueo israeliano trova una spada appartenuta ad un crociato
3.6 (8) Un subacqueo israeliano ha scoperto una spada ancora intatta appartenuta a un cavaliere
Abusi nel campo della miticoltura: scattata all’alba l’operazione “Oro di Taranto”.
4 (18) Continua, senza sosta, l’attività della Guardia costiera di Taranto, delle Autorità locali e
plancton Il cambiamento climatico influenzerà negativamente le comunità planctoniche
5 (1) Le simulazioni suggeriscono che le interazioni tra le comunità di plancton (la miriade
Studio: 3.760 tonnellate di plastica ricoprono il Mar Mediterraneo
3.8 (4) Circa 3.760 tonnellate di plastica galleggiano attualmente sulla superficie del Mar Mediterraneo, una