Pesci ossei

tracina
Organismi marini
Marcello Guadagnino

La tracina o pesce ragno – Trachinus draco

La tracina, conosciuta scientificamente come Trachinus draco, è un pesce marino appartenente alla famiglia Trachinidae. Spesso chiamata “pesce ragno”, la tracina è nota per le sue spine velenose e per la sua abilità di mimetizzarsi nei fondali sabbiosi. Biologia La tracina presenta un corpo allungato e compresso lateralmente, con una testa larga e appiattita. Il colore del corpo varia dal grigio al marrone, spesso con macchie scure che ne facilitano la mimetizzazione. Le tracine possiedono spine velenose sulla prima pinna dorsale e sugli opercoli, che sono utilizzate come difesa contro i predatori. Habitat Le tracine sono prevalentemente bentoniche

Leggi Tutto »
aguglia
Organismi marini
Marcello Guadagnino

L’aguglia imperiale – Tetrapturus belone

L’aguglia imperiale mediterranea (Tetrapturus belone Rafinesque, 1810) è una specie di notevole interesse biologico e conservazionistico, che popola le acque pelagiche e oceaniche del Mar Mediterraneo. In questo articolo, forniremo un’ampia panoramica sulla tassonomia, l’ecologia, la biologia riproduttiva e lo stato attuale della conoscenza riguardante questa specie. Tassonomia ed Etimologia: L’aguglia imperiale mediterranea appartiene alla famiglia Istiophoridae e all’ordine Carangiformes. Il nome del genere Tetrapturus deriva dalle parole greche “tetra”, che significa quattro, e “pteron”, che significa pinna o ala, riferendosi alle quattro pinne caratteristiche di questo genere. Il termine specifico “belone” potrebbe derivare dal latino, probabilmente in

Leggi Tutto »
112644 236461 scomberesox saurus saurus makreelgeep skipper 2002 115 1543 img henk heessen
Organismi marini
Marcello Guadagnino

La Costardella – Scomberesox saurus

La Costardella (Scomberesox saurus) è una specie di pesce marino appartenente alla famiglia Scomberesocidae. Questo articolo esplorerà vari aspetti della biologia, distribuzione e comportamento della Costardella, offrendo una visione approfondita di questa affascinante specie. Classificazione e Tassonomia: La Costardella è classificata nel dominio Eukaryota, regno Animalia, phylum Chordata, classe Actinopterygii, ordine Beloniformes, famiglia Scomberesocidae, genere Scomberesox e specie S. saurus. Questa specie presenta diversi sinonimi, tra cui Belone saurus, Esox brasiliensis, Esox saurus, e altri, come riportato da fonti quali FishBase e WoRMS. Distribuzione e Habitat: La Costardella è una specie cosmopolita, occupando aree calde e temperate di

Leggi Tutto »
red,scorpionfish,(scorpaena,scrofa),,adriatic,sea,,mediterranean,sea,,croatia
Organismi marini
Marcello Guadagnino

Lo scorfano rosso – Scorpaena scrofa

Nascosto tra i fondali rocciosi e coralligeni del Mar Mediterraneo, uno degli abitanti più affascinanti è lo Scorfano Rosso (Scorpaena scrofa) conosciuto anche con il nome di cipolla. Con la sua abilità di mimetizzarsi, questo pesce incanta subacquei e studiosi del mare, rivelando una bellezza intricata e un comportamento unico nelle profondità del Mediterraneo. Attraverso questa esplorazione dettagliata, ci immergeremo nelle caratteristiche distintive, l’habitat, le abitudini alimentari e gli aspetti affascinanti della vita di questa creatura marina. Benvenuti a bordo per svelare i segreti dello Scorfano Rosso. Dove vive lo scorfano rosso Habitat: Lo Scorfano Rosso trova il

Leggi Tutto »
Organismi marini
Marcello Guadagnino

La passera di mare – Platichthys flesus

Il Platichthys flesus, conosciuto comunemente come passera di mare, è una specie di pesce piatto appartenente all’ordine dei Pleuronectiformes e alla famiglia Pleuronectidae. Il suo nome scientifico, Platichthys, deriva dal greco “platys” che significa piatto, e “ichthys” che significa pesce, un riferimento alla forma appiattita del corpo. La specie è stata descritta da Linneo nel 1758. Distribuzione e Habitat Questo affascinante pesce è nativo delle acque costiere e salmastre dell’Atlantico orientale, dalla costa occidentale dell’Europa fino al Mar Bianco, al Mediterraneo e al Mar Nero. La sua presenza è stata segnalata anche accidentalmente negli Stati Uniti e in

Leggi Tutto »
Organismi marini
Marcello Guadagnino

Il centrolofo viola – Schedophilus ovalis

Il centrolofo viola (nome scientifico: Schedophilus ovalis) è una specie che predilige le acque profonde delle piattaforme continentali e delle isole oceaniche. Questo pesce abita in una zona che va dalla superficie fino a 250 metri di profondità, e in alcune circostanze può persino raggiungere i 700 metri. Gli esemplari più grandi sono solitamente presenti vicino al fondale, mentre i giovani frequentano le acque superficiali e sono spesso associati a dispositivi di concentrazione del pesce (FAD), oggetti galleggianti o meduse. Ciò spiega perché la maggior parte delle osservazioni da parte dei subacquei avvenga in acque libere. Il centrolofo

Leggi Tutto »
Organismi marini
Marcello Guadagnino

La murena nera – Gymnothorax unicolor

Nei fondali rocciosi, tra i 10 e gli 80 metri di profondità, una creatura misteriosa si muove tra fessure e buchi marini, lontana dagli sguardi indiscreti. Benvenuti nel biotopo della murena nera , una specie bentonica rara che affascina gli intrepidi subacquei. Descrizione Affascinante La murena nera, si presenta come un pesce serpentiforme dal corpo allungato, privo di squame. Con una lunghezza media di 80 cm e una lunghezza massima di 1,10 metri, il suo corpo uniformemente marrone, talvolta tendente al rossastro, la rende unica. La testa è massiccia e alta, con una parte frontale più scura che

Leggi Tutto »
Labrus Viridis
Organismi marini
Marcello Guadagnino

Il tordo verde – labrus viridis

Il tordo Verde (Labrus viridis) è una specie di pesce appartenente alla famiglia dei Labridi, noto per la sua presenza nei mari dell’Atlantico orientale, compresi la Mediterranea e la parte orientale dell’Atlantico. Distribuzione e Incontri Sorprendenti Il tordo Verde può essere avvistato nelle acque Mediterranee, nel Mar Nero e nell’Atlantico orientale, dal Portogallo al Marocco. Tuttavia, è interessante notare che nel 1999 sono stati pescati due individui al largo delle coste danesi. L’origine di questa presenza così a nord del suo raggio naturale rimane un mistero. Un’ipotesi suggerisce che la distribuzione della specie potrebbe estendersi più a nord

Leggi Tutto »
Organismi marini
Marcello Guadagnino

La cernia nera – Epinephelus caninus

La cernia nera, scientificamente nota come Epinephelus caninus, è una figura affascinante tra i predatori marini. Nomi Comuni in Diverse Parti del Mondo La cernia nera è conosciuta con diversi nomi nelle varie regioni del mondo. In Francia, ad esempio, è chiamata “Mérou gris,” mentre in spagnolo è nota come “Mero dentón.” In arabo, assume i nomi “لُؤز أسنان الكلب” o “لُؤز رمادي.” Questa diversità di denominazioni riflette la presenza diffusa di questa specie in aree geografiche eterogenee. Classificazione e Ambiente Naturale Appartenente all’ordine Perciformes e alla famiglia Epinephelidae, la cernia nera gioca un ruolo significativo nell’ecosistema marino.

Leggi Tutto »
Organismi marini
Marcello Guadagnino

Il tordo nero – Labrus merula

Il tordo nero, scientificamente noto come Labrus merula, è una delle affascinanti creature che popolano i fondali marini del Mediterraneo. Questo affascinante pesce è spesso incontrato a basse profondità, specialmente i giovani esemplari, ma può essere avvistato anche a profondità maggiori, fino a 20-25 metri, per i più grandi. Predilige le praterie di posidonia e le fessure rocciose dove può trovare rifugio. Descrizione: Il tordo nero presenta un corpo massiccio che può raggiungere dimensioni comprese tra i 30 e i 40 cm, con eccezionali individui che sfiorano i 50 cm. Le labbra carnose caratteristiche e le pinne dorsale,

Leggi Tutto »
tombarello
Organismi marini
Marcello Guadagnino

Il tombarello o Biso – Auxis thazard thazard

Il nome generico “Auxis” ha radici greche, derivando da “auxis,” che significa una varietà di tonno. Lacepède, uno degli autori che ha contribuito alla sua classificazione, ha lasciato il suo segno su questo pesce, arricchendo il patrimonio scientifico con la sua dedizione. Ambiente e Distribuzione Il tombarello è un abitante delle acque pelagiche-neritiche, con una distribuzione che spazia dall’Atlantico all’Indiano e al Pacifico occidentale. Si spinge anche nell’Oceano Pacifico orientale, riconosciuto come sottospecie Auxis thazard brachydorax. Questa specie altamente migratoria è adattata a vivere a profondità comprese tra 50 metri e oltre. Morfologia e Caratteristiche Distintive Questo pesce

Leggi Tutto »
tonnetto alletterato
Organismi marini
Marcello Guadagnino

Il tonnetto alletterato – Euthynnus alletteratus

Il tonno alletterato, scientificamente conosciuto come Euthynnus alletteratus, è un membro dinamico della famiglia dei scombridi, noto per la sua agilità e la prelibatezza della sua carne. Questo pesce dal colore blu-grigio scuro è diffuso nelle acque tropicali e temperate di tutto il mondo ed è apprezzato sia dai pescatori dilettanti che da quelli professionisti. Descrizione e Morfologia Il tonno alletterato presenta un dorso blu acciaio decorato con bande oblique scure, creando un contrasto sorprendente con il suo ventre bianco immacolato. Con una lunghezza corporea media di 70-90 cm e un peso medio di 9-10 kg, questo pesce

Leggi Tutto »
sciarrano, serranus scriba (5)
Organismi marini
Marcello Guadagnino

Lo sciarrano – Serranus scriba

L’intrigante Serranus scriba, conosciuto comunemente come sciarrano, è una specie di pesce appartenente all’ordine Perciformes. Questo abitante dei fondali marini si presenta nelle acque a profondità moderate, tra 0 e 30 metri, prevalentemente su fondi rocciosi o di praterie marine. Solitario e territoriale, lo sciarrano non esita a difendere il suo territorio contro i suoi simili. La sua natura curiosa lo porta ad avvicinarsi ai subacquei. Descrizione: Raggiungendo dimensioni massime di 30 cm e senza dimorfismo sessuale evidente, il serrano scrittura presenta un corpo allungato, leggermente panciuto e lateralmente appiattito, con 68-73 squame lungo la linea laterale. La

Leggi Tutto »
Organismi marini
Marcello Guadagnino

Il pesce tamburo – Capros aper

Il mondo subacqueo è ricco di meraviglie, alcune delle quali restano avvolte nel mistero a causa del loro habitat. Il pesce tamburo (Capros aprer), una specie affascinante, vive nelle profondità dell’oceano, tra i 40 e i 700 metri, rendendo la sua osservazione rara, se non eccezionale, durante le immersioni. Questo pesce bentonico forma banchi sopra fondali fangosi o rocciosi, aggiungendo al suo fascino un tocco di mistero. Con una lunghezza media di circa 16 cm (massimo 30 cm), il pesce tamburo presenta una silhouette ovale e una compressione laterale pronunciata. La sua piccola bocca, situata all’estremità di un

Leggi Tutto »
mola,mola,,the,mystic,sun,fish,in,deep,water.,nusa
Organismi marini
Marcello Guadagnino

Il pesce luna – Mola mola

Imponente pelagico, è possibile osservare il pesce luna vicino alle coste sott’acqua, nuotando lentamente in posizione verticale, con la pinna dorsale che emerge vicino alla superficie (come una pinna di squalo), o sdraiato su un fianco affiorante lasciandosi trasportare dalle correnti. È generalmente accettato che durante questo periodo ricarichi le sue riserve termiche “crogiolandosi al sole”, motivo per cui viene chiamato “sunfish” nei paesi anglosassoni. Può immergersi fino a oltre 400 metri di profondità (registrato a 480 metri nel 2005). Il pesce luna è il più grande rappresentante dei pesci ossei, anche se il suo scheletro è incompletamente

Leggi Tutto »
Organismi marini
Marcello Guadagnino

La spigola maculata – Dicentrarchus punctatus

La spigola maculata, scientificamente nota come Dicentrarchus punctatus, si presenta come un affascinante pesce appartenente alla famiglia Moronidae. Questa straordinaria specie prospera nelle acque marine e salmastre della parte orientale dell’Oceano Atlantico costiero, dalla Manica alle Canarie e al Senegal, estendendosi anche nel Mar Mediterraneo. La spigola maculata (Dicentrarchus punctatus) presenta notevoli somiglianze con la spigola, ma si differenzia per alcune caratteristiche distintive: Tassonomia Descritto per la prima volta come Sciaena punctata nel 1792 dal medico e naturalista tedesco Marcus Elieser Bloch, la spigola maculata condivide il genere Dicentrarchus con il Branzino (D. labrax). Habitat Preferendo le acque

Leggi Tutto »
Diplodus annularis
Organismi marini
Marcello Guadagnino

Il sarago sparaglione – Diplodus annularis

Il Sarago Sparaglione, è una specie di pesce appartenente alla famiglia Sparidae. Questo affascinante abitante marino presenta caratteristiche distintive che lo rendono un soggetto interessante per gli appassionati di biologia marina. DISTRIBUZIONE GEOGRAFICA E BIOTOPO Il Sarago Sparaglione è comunemente rinvenuto negli erbosi di posidonie. Tuttavia, non è raro incontrarlo su fondali rocciosi, barriere artificiali o nelle lagune, dove predilige gli erbosi di zoostere. Si adatta bene anche alle acque calme dei porti. La sua presenza è più significativa nella zona 0-15 metri, sempre al di sopra della termoclino, anche se talvolta individui possono essere avvistati a profondità

Leggi Tutto »
sarago
Organismi marini
Marcello Guadagnino

Il sarago pizzuto – Diplodus puntazzo

Il sarago pizzuto si trova comunemente su fondali rocciosi fino a 60 m, più raramente fino a 150 m. Gli adulti sono generalmente solitari o in compagnia di altre specie di Diplodus (sarago maggiore D. sargus sargus o sarago fasciato D. vulgaris) e sono capaci di spostamenti estesi come il sarago faraone, D. cervinus. Come le altre specie del genere Diplodus, i giovani possono essere trovati nelle lagune, dove arrivano come larve. Tuttavia, a causa dell’arrivo delle larve durante l’inverno (generalmente dicembre), il sarago pizzuto è più raro rispetto a D. sargus, D. cervinus e lo sparaglione D. annularis nelle

Leggi Tutto »
Organismi marini
Marcello Guadagnino

Il sarago fasciato – Diplodus vulgaris

Il Sarago Fasciato (Diplodus vulgaris) è una specie di pesce appartenente alla famiglia degli Sparidi, popolando le acque dell’Oceano Atlantico e del Mar Mediterraneo. La sua presenza si estende dai fondali rocciosi a una profondità di circa venti metri, ma può occasionalmente essere avvistato anche in acque più profonde, formando imponenti banchi in pieno oceano. Questo articolo esplorerà dettagliatamente l’habitat, le caratteristiche fisiche, le abitudini alimentari e il ciclo riproduttivo del Sarago Fasciato, sottolineando le sue distinzioni da altre specie simili di sargo e i suoi ruoli cruciali negli ecosistemi marini. Dalla sua vita pelagica durante le prime

Leggi Tutto »
sarago faraone
Organismi marini
Marcello Guadagnino

Il sarago faraone – Diplodus cervinus

Il sarago faraone (Diplodus cervinus) è una specie di pesce appartenente alla famiglia degli Sparidi, diffusa nelle acque dell’Oceano Atlantico e del Mar Mediterraneo. La sua presenza, dalle fasi giovanili alle fasi adulte, offre uno spettacolo cromatico unico, mentre il suo comportamento e le sue abitudini biologiche svelano aspetti interessanti della vita marina. Nei paragrafi seguenti, esploreremo in dettaglio l’habitat, l’aspetto fisico, le abitudini alimentari, il ciclo riproduttivo e altri aspetti affascinanti del sarago faraone, sottolineando il suo impatto negli ecosistemi marini e la sua interazione con l’uomo attraverso la pesca e la conservazione. I saraghi faraoni giovanili

Leggi Tutto »

I pesci ossei, scientificamente noti come Osteichthyes, rappresentano una vasta classe di vertebrati acquatici caratterizzata dalla presenza di uno scheletro composto principalmente da ossa vere e proprie. Sono i pesci più comuni e diversificati del mondo e possono essere suddivisi in una varietà di famiglie, generi e specie. Ecco una spiegazione dettagliata sui pesci ossei:

Classificazione: I pesci ossei sono classificati nella classe Osteichthyes, che è suddivisa in due sottoclassi principali:

  • Sarcopterygii: Questa sottoclasse include i pesci polmonati e i tetrapodi, che rappresentano una connessione evolutiva tra i pesci e gli animali terrestri a quattro zampe.
  • Actinopterygii: Questa sottoclasse comprende la maggior parte dei pesci ossei, noti come pesci teleostei. I pesci teleostei hanno pinne sopraelevate sostenute da raggi ossei e sono i pesci più comuni nelle acque dolci e marine.

Caratteristiche principali:

  1. Scheletro osseo: La caratteristica distintiva dei pesci ossei è la presenza di uno scheletro costituito principalmente da ossa calcificate. Questo è diverso dai pesci cartilaginei, come gli squali, che hanno uno scheletro prevalentemente cartilagineo.
  2. Pinne: I pesci ossei hanno numerose pinne, tra cui le pinne dorsali, ventrali, pettorali e pelviche, oltre a una pinna caudale. Queste pinne sono importanti per il movimento, la stabilità e il controllo.
  3. Vescica natatoria: Molte specie di pesci ossei sono dotate di una vescica natatoria, un organo pieno d’aria o olio che aiuta a regolare la loro galleggiabilità. Questo permette loro di rimanere a diverse profondità nell’acqua senza dover costantemente nuotare.
  4. Respiro: La maggior parte dei pesci ossei respira attraverso le branchie, ma alcune specie possono anche trarre ossigeno dall’aria atmosferica. Questi ultimi includono i pesci polmonati, che hanno sviluppato vere e proprie sacche polmonari.
  5. Riproduzione: La riproduzione dei pesci ossei può avvenire attraverso la deposizione di uova o la nascita di piccoli già formati. Alcuni pesci ossei depongono uova esternamente, mentre altri proteggono le uova all’interno di nidi o in una tasca ventrale.
  6. Diversità: I pesci ossei rappresentano una straordinaria diversità di specie, ciascuna adattata a habitat specifici. Ci sono pesci ossei che vivono in acque dolci, acque marine, acque profonde, acque fredde e calde.

Alimentazione: I pesci ossei possono essere onnivori, erbivori o carnivori. La loro dieta varia notevolmente a seconda delle specie e degli habitat in cui vivono. Alcuni pesci ossei sono predatori, mentre altri si nutrono di plancton, alghe o detriti.

Ruolo ecologico: I pesci ossei svolgono un ruolo chiave negli ecosistemi acquatici. Possono essere predatori importanti, contribuire al ciclo dei nutrienti e servire da cibo per una vasta gamma di predatori, compresi i pesci più grandi e gli uccelli marini.

In generale, i pesci ossei rappresentano un gruppo eccezionalmente diversificato e adattabile di animali che hanno colonizzato con successo gli ambienti acquatici di tutto il mondo. La loro diversità biologica e la loro importanza ecologica li rendono oggetto di intensa ricerca scientifica per comprendere meglio la loro biologia, ecologia e conservazione.