Il mito del Kraken ha origini molto antiche ma si è sviluppato soprattutto fra il Settecento e l’Ottocento sulla base dei resoconti di reali avvistamenti di calamari giganti.

Viene generalmente rappresentato come una gigantesca piovra, con tentacoli abbastanza grandi da avvolgere un’intera nave. Sebbene il nome kraken non appaia mai nei testi della mitologia, le sue caratteristiche possono ricondursi a quelle dell’hafgufa, descritto nella Saga di Örvar-Odds e nel Konungs skuggsjá (1250). In questi testi si parla dell’hafgufa come di un mostro marino talmente grande da poter essere scambiato per un’isola quando si trovava in superficie. Questo tema (il mostro che sembra un’isola) è uno degli elementi ricorrenti principali nella tradizione sul kraken, che si sviluppò principalmente nel Settecento. Questo tema ha avuto anche sviluppi diversi, e in particolare accomuna il kraken con lo Zaratan, la balena-isola del mito di San Brendano di Clonfert. Alcuni elementi della tradizione relativa al kraken (le bolle e gli spruzzi d’acqua dalle sue narici, le forti correnti e le violente onde provocate dai suoi spostamenti, il suo emergere come un’isola) fanno supporre ad alcuni studiosi che la versione originale del mito norreno possa essere correlata all’attività vulcanica sottomarina in Islanda.

Il Kraken considerato una specie animale sino al 1700

KrakenNella prima opera di Carlo Linneo, Systema Naturae (1735), il kraken compare fra i cefalopodi, con il nome scientifico Microcosmus marinus (in seguito, Linneo rinunciò a menzionare questa ipotetica specie). Il riferimento settecentesco principale sul kraken è la Storia naturale della Norvegia (1752) del danese Erik Pontoppidan, vescovo di Bergen. Pontoppidan riprende il tema del mostro-isola, sostenendo che alcune isole rappresentate erroneamente sulle mappe fossero in effetti da ricondursi ad avvistamenti del kraken in emersione. Nella descrizione di Pontoppidan, il principale elemento di pericolosità del kraken erano le sue stesse dimensioni, e le forti onde e i potenti gorghi che causava emergendo o inabissandosi. Il kraken non viene quindi descritto come ostile, sebbene Pontoppidan precisò che, volendo, il kraken avrebbe potuto afferrare e trascinare negli abissi anche la più grande nave da guerra. Sempre Pontoppidan sostiene che un giovane esemplare di kraken, morto, fosse stato spinto dalle onde sulla spiaggia presso Alstahaug. L’idea che i pescatori si arrischiassero a pescare sopra il kraken è menzionata da Pontoppidan; pare che i pescatori norvegesi, per complimentarsi per una pesca particolarmente abbondante, fossero soliti dire: “devi aver pescato sul kraken”.

LA PIOVRA GIGANTE

KrakenNel tardo Settecento iniziò a svilupparsi il mito del kraken come creatura aggressiva. Alcune varianti del mito prevedevano che il kraken affondasse le navi degli uomini corrotti (per esempio dei pirati), risparmiando quelle dei giusti. Sempre in questo periodo l’immagine del kraken venne a coincidere in modo sempre più netto con quella di una piovra gigante, perdendo altre caratterizzazioni menzionate da alcune fonti più antiche (come la forma di granchio o certi altri elementi che potevano accomunare il kraken alle balene). Secondo alcuni studiosi, questa evoluzione del mito potrebbe essere legata agli avvistamenti di reali calamari giganti.

 

Replica

Please enter your comment!
Please enter your name here