Home Notizie sul mare e sulla pesca Pesci contro vermi. La migliore difesa e’ sempre l’attacco

Pesci contro vermi. La migliore difesa e’ sempre l’attacco

0
1679

Eunice aphroditois, noti anche come vermi Bobbit si nascondono sotto la sabbia lasciando sporgere solamente le  potenti mascelle che utilizzano per afferrare le ignare prede e trascinarle nella  tana in una frazione di secondo.

Alcuni ricercatori dell’Università di Basilea, in Svizzera, hanno studiato il comportamento del predatore ma anche quello delle sue prede notando un modello comportamentale affascinante: le prede del verme bobbit attaccano per difendersi. E lo fanno con potenti getti d’acqua che costringono il predatore a ritirarsi. Lo studio e’ stato pubblicato sul sito dell’Università di Basilea.

Il verme marino Eunice aphroditois prepara delle vere e proprie imboscate alle sue prede basando la sua tattica sulla sua eccezionale capacità mimetica. L’anellide infatti riesce a seppellirsi completamente sotto la sabbia lasciando fuori la sua testa. Ogni pesce curioso che si avvicina troppo soccombe alla presa fulminea dei sui artigli venendo trascinato nella sua tana. Questi vermi, che vivono prevalentemente tra i fondali sabbiosi dell’oceano indo-pacifico possono raggiungere anche i 3 metri di lunghezza.

Pesci alla riscossa

I ricercatori del Dipartimento di Biomedicina di Basileapesci-alla-riscossa Pesci contro vermi. La migliore difesa e' sempre l'attacco hanno osservato come Scolopsis affinis (un pesce che vive tra le acque dello Stretto di Lembeh) riesca a difendersi e a difendere i propri simili attaccando il verme marino. Un comportamento noto in biologia come mobbing. Infatti, se un membro del gruppo viene catturato, gli altri esemplari vanno all’attacco del predatore soffiando ingenti getti d’acqua sino a quando il predatore non lascia la preda.

Un pesce più intelligente di quanto si pensi

i ricercatori hanno notato come i pesci S. affinis riescano a memorizzare la posizione del verme insabbiato, permettendo loro di evitare in futuro di cadere vittime dell’anellide. In piu’, tali pesci segnalano anche ad altre specie, come ad esempio Scolopsis bilineatus, la presenza del verme in zona.

Fonti

Università di Basilea

Sciencedaily.com




Fai clic su una stella per votare il post!

Voto medio / 5. Conteggio voti:

Nessun voto finora! Sii il primo a votare questo post.

GRAZIE !!!!! Aiutami a far crescere il blog, condividi l'articolo sui social !

Miglioreremo questo post!

Articolo precedenteSequestrati e rigettati in mare 5000 ricci di mare a Santa Marinella
Articolo successivoMangiare pesce riduce rischio depressione
Web Editor : Marcello Guadagnino. Io sono Marcello, sono nato a Palermo ed ho vissuto a Marinella di Selinunte (Tp). Sono stato a contatto di pescatori sia sportivi che professionali che mi hanno dato la spinta dopo le scuole superiori a studiare biologia marina per poi terminare gli studi con un master in gestione della fascia costiera e delle risorse acquatiche nelle Marche. Oggi vivo in Francia a Montpellier dove mi occupo di pesca. Rimango sempre in contatto con la mia Sicilia dove torno spesso in particolare in estate dove mi aspetta la mia barca. Qui a Montpellier pratico tanta pesca sportiva, faccio subacquea, vado in barca e la sera quando si spengono le luci del giorno mi dedico al giornale dei marinai andando alla ricerca di news, articoli, guide per cercare di sensibilizzare il grande pubblico sui temi legati al mare.

Nessun commento

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui