CONDIVIDI


Jules Verne con i suoi romanzi mi ha portato dovunque, sotto il mare, in cielo, avanti e indietro nel tempo, con mezzi fantascientifici che solo la genialità di uno scrittore come Verne può dare.

Questa volta invece mi ha dato qualcosa di più concreto, di reale e di emozionante come un suo romanzo. A spasso per la Francia del Nord ho avuto l’onore di entrare e conoscere la sua ultima residenza nella cittadina di Amiens, dove Verne ha trascorso gli ultimi anni della sua vita. Un’atmosfera magica dove sembra ancora che Verne viva , con i suoi scritti poggiati sulla scrivania e le sue mappe che ci fanno pensare che stia quasi per progettare il suo prossimo viaggio in giro per il mondo.

Il mare ovviamente per Verne è stato sempre fonte d’ispirazione, basti pensare che all’età di 11 anni scappo’ di casa per imbarcarsi su di un veliero in partenza per le Indie.

Fu l’unico viaggio che non concluse nella sua vita dato che il padre prontamente lo andò a recuperare a Paimbœuf una cittadina marittima sulla Loira Atlantica. Jules Verne nacque l’8 febbraio 1828 a Nantes, città portuale della Francia occidentale si trasferì nella cittadina di Amians solo nel 1882 dove divenne anche consigliere comunale. Il successo di Verne si dovette in gran parte all’editore Pierre-Jules Hetzel, il quale, dopo aver pubblicato nel 1863 un suo primo volume di racconti Cinque settimane in pallone, ne pubblicò tre all’anno, consentendo all’autore di abbandonare l’impiego di agente di cambio e dedicarsi completamente alle sue opere.

La casa di Verne

Costruita nel 1854 in via Charles Dubois ad Amiens, dal notaio Jean-Baptiste Gustave Riquier, come altre case del quartiere, la “Casa della Torre” è costruita in mattoni rossi. Jules Verne visse in quella casa dal 1882 al 1900, completamente restaurata nel 2006, è una delle più belle case di scrittori aperte al pubblico in Europa. Dal piano-terra alla soffitta, la casa evoca attraverso 700 libri ed oggetti la personalità, le fonti d’ispirazione ed i ricordi di Jules Verne. Vi si ritrova l’atmosfera autentica di un palazzo privato della cittadina di Amiens in Picardia con il suo mobilio del XIX° secolo. Sui quattro piani, i visitatori possono scoprire la sua storia e quella dei suoi inquilini, ma anche la storia dei personaggi qui nati dalla fantasia di uno scrittore la cui opera è tuttora letta nel mondo intero. Vero luogo della memoria, la casa con la torre permette di immergersi nell’intimità e nella ricchezza del celebre Autore dei “Viaggi straordinari”.

Visite guidate in costume da parte dei personaggi uscita dall’opera e dalla vita di Jules Verne, giochi in famiglia intorno ai romanzi dello scrittore, serate letterarie ed incontri con artisti,poeti e scrittori, spettacoli raccontati, conferenze tematiche.

La Casa di Jules Verne ad Amiens vi propone di entrare tanto nelle nove stanze della Casa quanto, attraverso altrettante porte, nella vita letteraria del nostro tempo.Il primo piano della casa è stato riservato alle camere da letto, al secondo piano si  trova invece l’ufficio di Verne e tutta da scoprire la soffitta dove ancora si può osservare parte della sua collezione di giocattoli e alcuni dei suoi modellini realizzati da egli stesso come la nave a elica.

la maison jules verne amiens 1367743936 - A Casa di Jules Verne
La soffitta di Verne

LA CITTA’ DI AMIENS

amiens cathedrale credit laurent rousselin amiens metropole 768x600 1 - A Casa di Jules Verne
La cattedrale di Amiens

Se per caso vi trovate a passare per la Francia del Nord fate una capatina a visitare la cittadina di Amiens, che sicuramente vi stupirà, come ha stupito me, con i suoi canali, la sua cattedrale tra le più belle del mondo ed il centro città che per i paesaggi ed i colori è chiamata la Piccola Amsterdam.

34255988 office de tourisme d amiens metropole - A Casa di Jules Verne

CONDIVIDI
PrecedenteA pesca di spigole in Francia
SuccessivoCorsica: sull’isola di Napoleone
Web Editor : Marcello Guadagnino. ideatore e creatore del Giornale dei Marinai, la rivista on-line dedicata al mare a 360°. Il mondo acquatico visto con gli occhi di un biologo marino.

1 COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO