La scaduta è il miglior momento per insidiare i pesci di dimensioni maggiori. Per scaduta si intende il momento in cui il vento si calma ed il mare cessa pian piano il suo moto ondoso. Nel momento in cui il vento cessa di soffiare le le onde cominciano a ridursi sia in potenza che in altezza assistiamo al fenomeno meteorologico della scaduta.

La scaduta è forse il miglior momento per andare a pesca in mare e tornare con un carniere pieno.

Quello che accada è che il mare si trasforma, il sedimento sollevato dalle onde che sbattevano con forza sulla costa comincia a depositarsi sul fondo rendendo le acqua sempre piu’ chiare. Gli organismi bentonici che vivono nella sabbia cercano di insabbiarsi e nascondersi ai predatori. Ed è proprio in questo momento che le orate e le spigole si dirigono verso la costa alla ricerca di vermi marini, crostacei e molluschi.

1Il momento migliore per la spigola

Questo è forse uno dei migliori momenti per insidiare la spigola. La spigola ama cacciare in condizione di mare estremo, quando le onde sbattono con forza sulle rocce e sulla battigia. Ma non soltanto la spigola, sono tantissimi i pesci che riprendono a nutrirsi dopo la mareggiata. Una delle tecniche da praticare quando le onde del mare cessano la loro forza è ad esempio la pesca alla bolognese o la pesca con la canna fissa. L’utilizzo di un galleggiante permette di pescare a pochi centimetri dal fondale, la dove i pesci cercano il loro cibo. A differenza della pesca a fondo, si avranno tocche da una grande biodiversità di specie.

2Il surfcasting in scaduta

Altra tecnica è sicuramente il surfcasting che permette di pescare la spigola dalla spiaggia con ottimi risultati. Io ad esempio la pesco con la sardina nei primi momenti della scaduta passando invece ad altre esche quando già la scaduta è in fase terminale (da 24 a 48 ore dopo).

3La scaduta e lo spinning

Oltre alle tecniche già descritte anche lo spinning permette di fare delle belle catture in scaduta. Anzi, questa tecnica permette di catturare spigole di grandi dimensioni. Un artificiale lanciato tra le onde che simula un pesce in fuga o ferito è un invito a nozze per le grosse spigole che hanno occupato il territorio per nutrirsi per prime.

4La scaduta e come capire quando andare a pesca

A questo punto dobbiamo affidarci ai servizi offerti dal meteo. Individuate il momento in cui l’anticiclone si avvicina alla vostra zona. E’ infatti l’alta pressione a calmare il vento e dunque il movimento delle acque. Il passaggio da bassa pressione ad alta pressione darà dunque vita alla scaduta ed il mare comincerà pian piano a cambiare forma fino a calmarsi.

Web Editor : Marcello Guadagnino. Io sono Marcello, sono nato a Palermo ed ho vissuto a Marinella di Selinunte (Tp). Sono stato a contatto di pescatori sia sportivi che professionali che mi hanno dato la spinta dopo le scuole superiori a studiare biologia marina per poi terminare gli studi con un master in gestione della fascia costiera e delle risorse acquatiche nelle Marche. Oggi vivo in Francia a Montpellier dove mi occupo di pesca. Rimango sempre in contatto con la mia Sicilia dove torno spesso in particolare in estate dove mi aspetta la mia barca. Qui a Montpellier pratico tanta pesca sportiva, faccio subacquea, vado in barca e la sera quando si spengono le luci del giorno mi dedico al giornale dei marinai andando alla ricerca di news, articoli, guide per cercare di sensibilizzare il grande pubblico sui temi legati al mare.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui