La pesca dell’orata dalla barca

Il Giornale dei MARINAI Pesca sportivaLa pesca dell’orata dalla barca
4.1
(15)

L’orata è una preda tipica della pesca da terra ma si può pescarla anche dalla barca e con ottimi risultati. Vediamo come…

L’orata come tutti gli sparidi e un pesce abbastanza schivo e pauroso. La sua forza però spinge i pescatori del Mediterraneo a ricercarla sia da terra ma anche dalla barca. Sebbene la pesca dell’orata dalla barca sia una tecnica a parte, diversa dal classico bolentino, viene praticata con la barca in deriva su zone poco profonde. L’orata infatti vive nei primi 30 metri d’acqua, piu’ facilmente la si trova nei primi 15.

Una pesca tecnica

La pesca dell’orata in barca è praticata con canne lunghe sino a 2.70 metri spesso con vettino in fibra per sentire meglio le tocche del pesce. Infatti, l’orata deve essere subito ferrata ed nel caso che il pesce riesca a scappare difficilmente si riavvicinerà alla vostra esca. La canna da barca per l’orata come già detto oltre ad essere leggera per poter pescare canna in mano deve essere tattile e trasferire rapidamente alla mano il segnale della toccata.

Dove trovare l’orata

Non esiste uno spot per l’orata dato che questo pesce si muove di continuo alla ricerca di cozze, vermi o crostacei da “spaccare” con i possenti denti conici. Per tale motivo l’orata in barca la si cerca facendosi trascinare dal vento in deriva su zone rocciose o miste sabbia/posidonia.

Oggi ci sono nuove tecniche di pesca che potremmo definire “alla moda” come ad esempio la pesca al tenya indirizzata prevalentemente agli sparidi.

Se invece si fa parte della vecchia scuola, l’orata in barca potete pescarla con il bibi,il granchio, la cozza, i vermi o anche il paguro bernardo. Queste esche funzionano bene per l’orata e permettono comunque di pescare anche pagri e pagelli oltre ad altre specie minori.

pesca orata dalla barca
pesca orata dalla barca

Il terminale per l’orata

A seconda che peschiate con il granchio, con la cozza o il verme, per la pesca all’orata è d’obbligo il fluorocarbon. Questo filo invisibile permette di aumentare considerevolmente le tocche dei pesci proprio per la sua trasparenza in acqua.

La montatura

In quanto all’amo come per la pesca da terra sono da preferire a becco d’aquila di misura dal 4 al 8. L’amo per orata deve essere scelto con cura e non si deve sbagliare perché non si tratta di un dettaglio. La scelta di un amo diverso potrebbe farvi perdere tutte le chance di catturare questo magnifico sparide con la macchia d’oro sulla fronte.

Quando pescare l’orata dalla barca

Il periodo migliore sicuramente varia da aprile sino ad agosto settembre. Con l’arrivo dell’inverno le orate si spostano verso fondali piu’ profondi per la riproduzione e dunque le catture saranno rare e sporadiche di qualche esemplare rimasto sotto costa.

Fai clic su una stella per votare il post!

Voto medio 4.1 / 5. Conteggio voti: 15

Nessun voto finora! Sii il primo a votare questo post.

Miglioreremo questo post!

Dicci come possiamo migliorare questo post?

Categories:
Web Editor : Marcello Guadagnino, biologo marino ed esperto di pesca professionale. Autore del Giornale dei Marinai

3 thoughts on “La pesca dell’orata dalla barca”

  1. Cuzzocrea Giuseppe ha detto:

    Ciao sono Giuseppe dal paese piu a sud dello stivale prov.di Reggio Calabria e ho letto con molta attenzione il tuo articolo sulla pesca alle orate dalla barca sono un neofita in questo tipo di pesca.
    Ho alcune domande da farti :
    1) di che marca deve essere l’amo nr.5 visto che ad ogni marca il 5 cambia di grandezza
    2)il Piombo a oliva deve essere scorrevole sulla palatura?
    3) mi potresti far vedere meglio l’innesco della cozza come si fa?

    Grazie infinite

    Cordiali Saluti
    Giuseppe

    1. giuseppe ha detto:

      Cuzzocrea Giuseppe Mag 22, 2019 at 1:36 pm
      Ciao sono Giuseppe dal paese piu a sud dello stivale prov.di Reggio Calabria e ho letto con molta attenzione il tuo articolo sulla pesca alle orate dalla barca sono un neofita in questo tipo di pesca.
      Ho alcune domande da farti :
      1) di che marca deve essere l’amo nr.5 visto che ad ogni marca il 5 cambia di grandezza
      2)il Piombo a oliva deve essere scorrevole sulla palatura?
      3) mi potresti far vedere meglio l’innesco della cozza come si fa?
      Grazie infinite
      Cordiali Saluti
      Giuseppe

      1. Marcello Guadagnino ha detto:

        Salve Giuseppe, per quanto riguarda la marca dell’amo non saprei, io acquisto solitamente i decoy o i VMC fatti in Francia a anche i mustad sono ottimi. Il piombo deve sempre essere scorrevole. Per l’innesco della cozza ti invito a leggere questo articolo https://www.ilgiornaledeimarinai.it/pescare-le-orate/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi anche

Lampedusa. affonda barcone, 125 migranti salvati dalla Guardia Costiera
3 (2) Lampedusa 09.09.2021 – Questa mattina, alle prime luci dell’alba, 125 migranti sono stati
Concorso fotografico “Aliens in the sea” : progetto citizen partecipativo per la sensibilizzazione delle invasioni biologiche.
5 (1) Favorire forme innovative di ‘Citizen Science’ per accrescere la partecipazione dei cittadini. E’ questo
granchio zombie Sacculina carcini : il parassita che zombifica i granchi verdi
4 (4) Sacculina carcini è un piccolo crostaceo parassita del granchio verde Carcinus maenas e
Pesce in scatola: tutti i benefici delle conserve di pesce!
3.4 (8) Con un’economia che gira sempre più rapidamente oggi si puo’ trasportare il pesce
Barracuda-luccio-di-mare La differenza tra barracuda e luccio di mare
5 (4) Un tempo in Mediterraneo era presente solamente il luccio di mare (Sphyraena sphyraena),
Gli attrezzi da pesca del Mediterraneo
5 (1) Pesca industriale o artigianale, piccola pesca costiera oppure i grandi strascichi ? Quali
Il gamberetto di scogliera Il gamberetto di scogliera – Gen. Palaemon
4 (1) In Mediterraneo esistono diverse specie appartenenti al genere Palaemon, tutti soprannominati gamberetti di
Torpedine La Torpedine -Torpedo marmorata
5 (2) L’areale della Torpedine varia dal Mare del Nord dove è raro, al Golfo
Fotosub e ricerca : competizioni per lo studio della biodiversità ittica
5 (3) La biodiversità delle nostre coste presenta una distribuzione piuttosto eterogenea dal punto di
vacanze in barca a vela Vacanze in barca a vela : i 10 vantaggi
4.3 (7) Per molti la vela è più di una passione. È infatti un esercizio per il
GUARDIA COSTIERA: I RISULTATI DELL’OPERAZIONE COMPLESSA «NO DRIFTNETS» CONTRO LA PESCA ILLEGALE
3.9 (19) Il contrasto all’utilizzo delle reti da posta derivanti illegali è sempre stato uno
Datterari arrestati, l’Amp Punta Campanella:”Grande operazione, noi parte civile”
4.8 (5) Blitz nella notte da parte degli uomini della Guardia Costiera coordinati dalla Procura
Pesca sostenibile Pesca sostenibile : taglie minime e specie protette
4.5 (2) Questa guida presenta le principali specie ittiche catturate sulla costa italiana e gli
pennatula La pennatula rossa – Pennatula rubra
5 (1) La pennatula rossa è un antozoo a forma di alberello delle dimensione massime
Le Mangrovie
3.8 (4) Gli ecosistemi a Mangrovie sono sicuramente tra gli ecosistemi più produttivi del pianeta.
vermocane Quali sono gli animali più velenosi del Mediterraneo?
4.5 (11) In Mar Mediterraneo sono presenti almeno una cinquantina di animali velenosi . Tutti sono
pyrosoma Pyrosoma, il gigante gli oceani
3.7 (3) Nonostante le apparenze, il pyrosoma non è in realtà un gigantesco verme marino
nomi oceani CHI HA SCELTO IL NOME DEGLI OCEANI?
5 (1) Vi siete mai chiesti qual è l’origine del nome degli oceani? Come è stato possibile
Inquinamento: trote selvatiche dipendenti dalla metanfetamina
4 (1) Animali che si drogano (o che lo fanno non consapevolmente) Uno studio condotto
mal di mare Naupatia o mal di mare : cosa fare e come prevenire
5 (3) Classificato tra le cinetosi (malessere che si presenta durante un viaggio), il mal