Come pescare il dentice

Il Giornale dei MARINAI Pesca sportivaCome pescare il dentice
4.1
(9)

Ecco alcuni semplici consigli su come pescare il dentice dalla barca

Volete cimentarvi su come pescare il dentice dalla barca ma non sapete “che pesci pigliare”? Vediamo qualche semplice consiglio su come pescare il dentice.

L’estate crea agitazione e fermento nella vita sottomarina, numerose specie vanno incontro alla riproduzione, cosi come il Dentice (Dentex dentex), uno sparide dalla livrea grigio azzurra, iridescente sul dorso, con numerose macchie scure e con riflessi argentati lungo i fianchi. Può raggiungere il metro di lunghezza e i 12 Kg di peso, ma comunemente lo si può pescare con misure circa di 30 cm.

Chi è il dentice

Il dentice comincia a riprodursi ad inizio primavera e proprio in questo periodo diventa più sospettoso e difensivo essendo oltretutto un pesce molto territoriale.

dentice pescato a traina

Grande predatore, il dentice frequenta ambienti di scoglio spesso misti a Posidonia, ad una profondità che varia dai 20 agli 80 metri.

Dove vive

Questo sparide perde tutta la sua diffidenza di fronte ad un esca viva ben presentata e lì scatena una serie di potenti e violenti attacchi. Il dentice nel periodo riproduttivo diventa molto difensivo nei confronti del suo territorio, questo ci permette quindi di ricorrere anche ad esche artificiali evitando così le esche vive (calamari e seppie spesso difficili e faticose da reperire), che sono invece molto utili nel periodo autunnale anzi direi addirittura eccezionali.

Pescare i dentici dalla barca 

L’azione di pesca si svolge tutta a poppa dell’imbarcazione, il terminale, cui fa capolino un artificiale ( minnow, seppia finta o rapala) è collegato direttamente ad una girella che lega il tracciato che andrà in bobina sul mulinello rotante.Dalla poppa della nostra imbarcazione caliamo l’esca al fondo, spesso i fondali migliori per la ricerca di questo meraviglioso pesce variano dai 30 ai 50 metri. Il dentice nel periodo primaverile è in riproduzione e si avvicina in acque piuttosto basse, dai 12 ai 20 metri, questo ci indicherà di procedere su batimetriche piuttosto basse, dai 20 ai 30 metri, ad una velocità di piuttosto sostenuta 3-4 nodi (differentemente se utilizziamo esca viva la velocità di traina si ridurrebbe a 2 nodi), nostra cura sarà quella di seguire la batimetria del fondale con l’ecoscandaglio e di essere sempre pronti ad afferrare la canna nel momento in cui il pesce attacchi l’esca. Uno strumento importante nella pesca alla traina è l’affondatore che ci permette di portare subito l’esca in attività sul fondale.

L’esca si troverà in questa maniera a pochi metri al di sopra del fondo.

Il combattimento con il dentice

Il dentice una volta avvistata la preda vi si getterà con tutta la sua potenza, una volta sentita la ferrata il pesce stesso per liberarsi comincerà a dimenarsi cercando di recuperare il fondo spesso strofinando la testa sugli scogli. Utile è aumentare la potenza del motore e pompare energicamente affinché il pesce si sollevi dal fondo e si abbia così un facile recupero. Il dentice sviluppa una forza violenta nei primi metri del recupero, dopodiché si abbandona e viene facilmente portato a bordo. Il dentice essendo un pesce di fondale risente dei violenti sbalzi pressori come può essere un recupero in canna molto veloce, la vescica natatoria ( organo che funge da galleggiante) si gonfia e spinge gli organi interni verso la bocca. Questo determina spesso un trauma al pesce che può venire recuperato con molta facilità.

La tecnica di pesca

pesca dentice

La tecnica migliore per pescare i dentici è sicuramente la pesca alla traina di fondo. I migliori ambienti di caccia per i dentici sono fondali dove la batimetria dei fondali non varia bruscamente, dove lastroni di roccia si mescolano a posidonieti dove il dentice trova le proprie prede.

L’attrezzatura per pescare il dentice

Per pescare il dentice sicuramente la tecnica che da migliori risultati e la Traina. Tale tecnica può essere effettuata con imbarcazioni di dimensioni superiori ai tre metri, quindi anche piccoli motoscafi risultano essere spesso degli ottimi compagni di pesca. Di grande importanza è sicuramente la dimensione del pozzetto di poppa, deve essere abbastanza largo da permetterci di poter svolgere tutte le manovre di pesca con cura. Spesso le imbarcazioni sono dotate di postazioni da traina con porta canne inseriti lungo la carena del natante.

I porta-canne hanno l’utilità di mettere la canna in posizione durante l’azione di traina, importante per le azioni di pompaggio è la canna che deve essere robusta e di dimensioni non superiori ai 2 metri. Si utilizzano  canne da traina con anelli a carrucola e mulinello rotante da 12-30 Lbs, molto robuste con in bobina 300 metri di filo tracciato dello 0,35 mm. In primavera-estate i colori sgargianti sono più attiranti in quanto il dentice è molto territoriale e sferra più facilmente l’attacco.

Gli artificiali per la pesca al dentice

Potete usare sia artificiali siliconici come i minnow o artificiali da traina a bavetta.

Gli artificiali usati devono portare degli ami ferranti sulla testa e sul dorso in maniera da essere sicuri che il pesce si ferri per bene all’artificiale e diminuisca la possibilità di perderlo. A circa 50 metri dall’artificiale inseriamo un affondatore, uno strumento che ci permette di mandare a fondo velocemente l’artificiale mantenendolo, in traina, alla quota prestabilita. I terminali, che collegheranno tracciato e artificiale devono essere lunghi intorno ai 20 metri, sono in nylon o fluorocarbon. Di grande importanza ancora il guadino o il raffio, spesso i dentici possono raggiungere dimensioni considerevoli e per evitare di perdere la preda in mare è bene raffiarli o guadinarli.

https://www.youtube.com/watch?v=_MPHPgJmH9g

Fai clic su una stella per votare il post!

Voto medio 4.1 / 5. Conteggio voti: 9

Nessun voto finora! Sii il primo a votare questo post.

Miglioreremo questo post!

Dicci come possiamo migliorare questo post?

Categories:
Web Editor : Marcello Guadagnino, biologo marino ed esperto di pesca professionale. Autore del Giornale dei Marinai

1 thought on “Come pescare il dentice”

  1. Franco ha detto:

    Ottimi sono i sconsigli per la pesca , spero di attrezzarmi come si deve per iniziare una pesca sportiva come si deve , ma attualmente mi manca l’esperienza al acompera delle attrezzature necessarie per per pescare , e vero che si pio avere ina barca e una canna , ma l’occorente Necessario per per l’esca e difficile difinirlo , vivo o artificiali ? Quale il risultato’?
    Sembra tutto facile , ma al momento della verità e sempre un disastro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Lampedusa. affonda barcone, 125 migranti salvati dalla Guardia Costiera
3 (2) Lampedusa 09.09.2021 – Questa mattina, alle prime luci dell’alba, 125 migranti sono stati
Concorso fotografico “Aliens in the sea” : progetto citizen partecipativo per la sensibilizzazione delle invasioni biologiche.
5 (1) Favorire forme innovative di ‘Citizen Science’ per accrescere la partecipazione dei cittadini. E’ questo
granchio zombie Sacculina carcini : il parassita che zombifica i granchi verdi
4 (4) Sacculina carcini è un piccolo crostaceo parassita del granchio verde Carcinus maenas e
Pesce in scatola: tutti i benefici delle conserve di pesce!
3.4 (8) Con un’economia che gira sempre più rapidamente oggi si puo’ trasportare il pesce
Barracuda-luccio-di-mare La differenza tra barracuda e luccio di mare
5 (4) Un tempo in Mediterraneo era presente solamente il luccio di mare (Sphyraena sphyraena),
Gli attrezzi da pesca del Mediterraneo
5 (1) Pesca industriale o artigianale, piccola pesca costiera oppure i grandi strascichi ? Quali
Il gamberetto di scogliera Il gamberetto di scogliera – Gen. Palaemon
4 (1) In Mediterraneo esistono diverse specie appartenenti al genere Palaemon, tutti soprannominati gamberetti di
Torpedine La Torpedine -Torpedo marmorata
5 (2) L’areale della Torpedine varia dal Mare del Nord dove è raro, al Golfo
Fotosub e ricerca : competizioni per lo studio della biodiversità ittica
5 (3) La biodiversità delle nostre coste presenta una distribuzione piuttosto eterogenea dal punto di
vacanze in barca a vela Vacanze in barca a vela : i 10 vantaggi
4.3 (7) Per molti la vela è più di una passione. È infatti un esercizio per il
GUARDIA COSTIERA: I RISULTATI DELL’OPERAZIONE COMPLESSA «NO DRIFTNETS» CONTRO LA PESCA ILLEGALE
3.9 (19) Il contrasto all’utilizzo delle reti da posta derivanti illegali è sempre stato uno
Datterari arrestati, l’Amp Punta Campanella:”Grande operazione, noi parte civile”
4.8 (5) Blitz nella notte da parte degli uomini della Guardia Costiera coordinati dalla Procura
Pesca sostenibile Pesca sostenibile : taglie minime e specie protette
4.5 (2) Questa guida presenta le principali specie ittiche catturate sulla costa italiana e gli
pennatula La pennatula rossa – Pennatula rubra
5 (1) La pennatula rossa è un antozoo a forma di alberello delle dimensione massime
Le Mangrovie
3.8 (4) Gli ecosistemi a Mangrovie sono sicuramente tra gli ecosistemi più produttivi del pianeta.
vermocane Quali sono gli animali più velenosi del Mediterraneo?
4.5 (11) In Mar Mediterraneo sono presenti almeno una cinquantina di animali velenosi . Tutti sono
pyrosoma Pyrosoma, il gigante gli oceani
3.7 (3) Nonostante le apparenze, il pyrosoma non è in realtà un gigantesco verme marino
nomi oceani CHI HA SCELTO IL NOME DEGLI OCEANI?
5 (1) Vi siete mai chiesti qual è l’origine del nome degli oceani? Come è stato possibile
Inquinamento: trote selvatiche dipendenti dalla metanfetamina
4 (1) Animali che si drogano (o che lo fanno non consapevolmente) Uno studio condotto
mal di mare Naupatia o mal di mare : cosa fare e come prevenire
5 (3) Classificato tra le cinetosi (malessere che si presenta durante un viaggio), il mal