Coltivazioni di alghe di  Zanzibar in pericolo a causa del surriscaldamento

Clicca per votare questo articolo!
[Voti: 0 Media: 0]

Sull’isola delle spezie, distese di sabbia bianca si fondono con una tradizione di Zanzibar: la coltivazione delle alghe. 

Lungo la costa orientale, con la bassa marea, le donne agitano i piedi nelle acque trasparenti dell’Oceano Indiano. Sono chiamate le “contadine del mare” ! !

Storia della coltivazione delle alghe a Zanzibar

Le spiagge di sabbia fine e le acque turchesi di Zanzibar sono favorevoli alla crescita dell’alga rossa Eucheuma spinosum. Una cultura cominciata sull’Isola nel 1989.

Più che l’allevamento, la coltivazione delle alghe ha rappresentato per le donne una vera fonte di liberazione ed emancipazione : gli uomini impegnati a pescare, le donne invece lasciavano per la prima volta la casa per andare a lavorare. Fu un vero cambiamento per le donne di Zanzibar.

Oggi queste “donne” sono parte integrante del paesaggio e dell’economia dell’isola. Questo spettacolo rurale, tuttavia, corrisponde a un lavoro fisico molto duro.

Sulla maggior parte delle spiagge dell’isola le donne coltivano e rivendono alghe agli esportatori, ma è a Paje in particolare che si sono organizzate in cooperative .

Queste colture permettono alle donne di Zanzibar di sostenersi a vicenda lavorando insieme. L’aiuto reciproco e la solidarietà consentono loro di coltivare le alghe di buon umore nonostante le difficili condizioni di lavoro.

Ma soprattutto, porta loro un reddito dignitoso, grazie alla vendita del prodotto che verrà poi trasformato in cosmetici.

Processo di coltivazione delle alghe

Ogni allevamento di alghe opera agli ordini di una donna , generalmente assistita dalla sua famiglia o dai suoi amici.

I giovani germogli di alghe sono attaccati a funi trattenute da pezzi di legno piantati nella sabbia. Vengono lasciati in coltura per un periodo compreso tra un mese e mezzo e due mesi .

Durante la raccolta, l’alga matura viene estratta dall’acqua ed essiccata al sole. È in questo momento che vengono prelevate le talee che a loro volta verranno messe in acqua fino alla maturità.

Dopo una settimana di essiccazione , l’alga viene esportata in tutto il mondo. A Zanzibar, il prodotto è valorizzato sotto forma di prodotti cosmetici .

L’alga prodotta ed essiccata rende più o meno 20 centesimi di euro al chilo. Lavorando 8/10 ore al giorno le donne riescono a guadagnare circa 40 euro al mese.

Coltivazione di alghe in pericolo a Zanzibar

Oltre al riscaldamento globale che mette in pericolo le alghe, alcuni gruppi alberghieri vorrebbero vedere la scomparsa delle culture , sostenendo che impediscono lo sviluppo e la pratica di alcune attività nautiche e che rovinano il paesaggio.

Oggi la coltivazione delle alghe a Zanzibar fa parte di un’economia sostenibile che offre un notevole reddito aggiuntivo alle comunità locali. Inoltre, questa attività è cruciale per la vita sociale e lo sviluppo delle donne. È quindi importante sostenerla.

Aumento della pressione della concorrenza

la temperatura dell’acqua ideale per la coltivazione dello spinosum è di 25-30°C, in alcuni punti oggi si assiste a picchi di oltre 31°C. 

” Quando l’acqua è troppo calda, le alghe non crescono bene e muoiono “, afferma Narriman Jiddawi, biologo dell’Istituto di scienze marine (IMS) dell’Università di Dar es Salaam. Di conseguenza, ” molte donne hanno smesso di coltivare alghe “, sottolinea. 

Osservato dal 2012, il fenomeno ha assunto una nuova dimensione nel primo trimestre del 2016, quando Zanzibar ha prodotto poco più di 1.400 tonnellate di alghe, ovvero quasi due volte e mezzo in meno rispetto all’anno precedente (3.300 tonnellate nel primo trimestre 2015).

Clicca per votare questo articolo!
[Voti: 0 Media: 0]

Tags :

Share :

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest

Lascia un commento

Ultimi articoli

Le schede degli organismi marini