La Tilapia, il pesce piu’ consumato al mondo

Il Giornale dei MARINAI Pesca e alimentazione, Pesci tropicaliLa Tilapia, il pesce piu’ consumato al mondo
4.2
(11)

Il pesce piu’ consumato al mondo e’ la Tilapia. Vediamo cosa si nasconde dietro questo pesce poco conosciuto e tanto consumato.

Con il termine Tilapia vengono indicate diverse specie di pesci appartenenti alla famiglia dei ciclidi. In particolare questo termine indica la specie Oreochromis niloticus conosciuta come Tilapia del Nilo. La Tilapia e’ un pesce che si presta ottimamente ad essere allevata. In Africa, in Asia ed in America del Sud e’ una delle principali specie allevate e, a livello mondiale risulta essere la seconda specie piu’ allevata dopo la carpa. Un pesce low-cost di grande interesse economico amato dagli allevatori ed odiato dai consumatori.

Un pesce nato da incroci artificiali

La Tilapia e’ il risultato di incroci artificiali che riesce a vivere anche in acque salate. Capace di crescere in maniera abbastanza veloce, la Tilapia e’ prevalentemente vegetariana e puo’ arrivare a pesare sino a 6 Kg di peso. La Tilapia e’ un pesce molto resistente che riesce a vivere anche in acque inquinate, i costi per l’allevamento sono inoltre bassissimi ed ecco svelato il motivo per cui la Tilapia e’ entrata di prepotenza sui mercati europei.

Già 4000 anni fa la Tilapia veniva allevata in Egitto. Ma soltanto il secolo scorso, durante la seconda guerra mondiale la Tilapia e’ stata conosciuta in Europa quando i coloni belgi ed Inglesi hanno deciso di cibarsene per sostituirla alla carne (rara da trovare durante il periodo bellico). Il suo arrivo come prodotto d’allevamento e’ datato comunque al 1990 con una vera e propria esportazione nei nostri mercati parallela all’arrivo del pangasio. In America la Tilapia è tra i 10 pesci piu’ consumati, soltanto nel 2010 negli USA sono state vendute circa 215.000 tonnellate di Tilapia.

Un primato rubato a trota e salmone

Sino al 2004 erano salmoni e trote i  pesci piu’ venduti al mondo. Oggi e’ arrivata la Tilapia. Questo pesce e’ allevato in particolare in Cina, il principale fornitore sul mercato internazionale.

Allevamenti inquinati e mangimi a base di OGM

La carne di Tilapia se allevata in condizioni ottimali non e’ pessima. Sono gli allevatori che hanno fame di denaro ad allevare questo resistentissimo pesce in condizioni a volte incompatibili con il loro benessere e soprattutto con la salute dei consumatori. Acque inquinate e nutriti con mangimi mescolati a feci di pollame o di suini sono eccezioni ma i pesci allevati in tali condizioni possono arrivare sui nostri piatti anche a nostra insaputa. E, sebbene volessimo evitare l’acquisto di questo pesce, puo’ essere arduo il suo riconoscimento. Non rara la truffa dei filetti di Tilapia venduti come filetti di pesce persico dal quale e’ quasi indistinguibili o addirittura del piu’ pregiato filetto di cernia.

I pro ed i contro della Tilapia

PRO: La Tilapia e’ un pesce poco costoso, forse il prodotto ittico con il prezzo piu’ basso sul mercato. Il suo gusto e’ delicato, non molto forte e non ha particolari odori. Diverse associazioni americane consigliano la Tilapia nelle diete delle mense scolastiche almneo una volta a settimana.La carne di questo pesce ha una bassa esposizione al mercurio: Essendo la Tilapia un pesce vegetariano non tende ad accumulare mercurio nelle carni. Ogni 100 grammi di di prodotto cotto sono presenti 128 calorie e 26 grammi di proteine. Inoltre e’ un pesce ricco di vitamine del gruppo B e di minerali come fosforo, potassio e selenio.

CONTRO: Bassi valori di acidi grassi del tipo Omega-3 dovuti alla dieta prevalentemente vegetariana. Mangini a base di mais e soia che permettono al pesce di crescere abbastanza rapidamente con costi sostenuti a discapito della salute umana (recenti studi dimostrano che le tilapie nutrite con mangimi a base di farine vegetali possano portare all’insorgenza di malattie cardiache, artiti, asma ed altre malattie autoimmuni. ). Un rapporto tra acidi grassi omega-3 ed acidi grassi omega-6 troppo elevato ancora una volta potenzialmente pericoloso per la salute umana. Qualità non sempre accettabili: come già visto, se il pesce allevato in condizioni naturali ed in acque non inquinate il pesce puo’ essere consumato. Purtroppo non sempre questo accade incidendo sia sulla qualità del prodotto che nella fiducia del consumatore.

A questo punto lasciamo decidere a voi se acquistare o meno la Tilapia. Ma siete proprio sicuri che un prodotto Mediterraneo (possibilmente proveniente da pesca sostenibile ed a miglio zero) non sia piu’ salutare ed anche piu’ saporito?

Fai clic su una stella per votare il post!

Voto medio 4.2 / 5. Conteggio voti: 11

Nessun voto finora! Sii il primo a votare questo post.

Miglioreremo questo post!

Dicci come possiamo migliorare questo post?

Categories:
Web Editor : Marcello Guadagnino, biologo marino ed esperto di pesca professionale. Autore del Giornale dei Marinai

2 thoughts on “La Tilapia, il pesce piu’ consumato al mondo”

  1. Carmela giannella ha detto:

    E vero Che la tilapia ha una quantitatita di ferro Che fa male?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi anche

delfini drone I droni infastidiscono i delfini?
5 (1) Oggi sempre più droni sono utilizzati per riprendere immagini, fare foto, monitorare ma
Lampedusa. affonda barcone, 125 migranti salvati dalla Guardia Costiera
3 (2) Lampedusa 09.09.2021 – Questa mattina, alle prime luci dell’alba, 125 migranti sono stati
Concorso fotografico “Aliens in the sea” : progetto citizen partecipativo per la sensibilizzazione delle invasioni biologiche.
5 (1) Favorire forme innovative di ‘Citizen Science’ per accrescere la partecipazione dei cittadini. E’ questo
granchio zombie Sacculina carcini : il parassita che zombifica i granchi verdi
4 (4) Sacculina carcini è un piccolo crostaceo parassita del granchio verde Carcinus maenas e
Pesce in scatola: tutti i benefici delle conserve di pesce!
3.4 (8) Con un’economia che gira sempre più rapidamente oggi si puo’ trasportare il pesce
Barracuda-luccio-di-mare La differenza tra barracuda e luccio di mare
5 (4) Un tempo in Mediterraneo era presente solamente il luccio di mare (Sphyraena sphyraena),
Gli attrezzi da pesca del Mediterraneo
5 (1) Pesca industriale o artigianale, piccola pesca costiera oppure i grandi strascichi ? Quali
Il gamberetto di scogliera Il gamberetto di scogliera – Gen. Palaemon
4 (1) In Mediterraneo esistono diverse specie appartenenti al genere Palaemon, tutti soprannominati gamberetti di
Torpedine La Torpedine -Torpedo marmorata
5 (2) L’areale della Torpedine varia dal Mare del Nord dove è raro, al Golfo
Fotosub e ricerca : competizioni per lo studio della biodiversità ittica
5 (3) La biodiversità delle nostre coste presenta una distribuzione piuttosto eterogenea dal punto di
vacanze in barca a vela Vacanze in barca a vela : i 10 vantaggi
4.3 (7) Per molti la vela è più di una passione. È infatti un esercizio per il
GUARDIA COSTIERA: I RISULTATI DELL’OPERAZIONE COMPLESSA «NO DRIFTNETS» CONTRO LA PESCA ILLEGALE
3.9 (19) Il contrasto all’utilizzo delle reti da posta derivanti illegali è sempre stato uno
Datterari arrestati, l’Amp Punta Campanella:”Grande operazione, noi parte civile”
4.8 (5) Blitz nella notte da parte degli uomini della Guardia Costiera coordinati dalla Procura
Pesca sostenibile Pesca sostenibile : taglie minime e specie protette
4.5 (2) Questa guida presenta le principali specie ittiche catturate sulla costa italiana e gli
pennatula La pennatula rossa – Pennatula rubra
5 (1) La pennatula rossa è un antozoo a forma di alberello delle dimensione massime
Le Mangrovie
3.8 (4) Gli ecosistemi a Mangrovie sono sicuramente tra gli ecosistemi più produttivi del pianeta.
vermocane Quali sono gli animali più velenosi del Mediterraneo?
4.5 (11) In Mar Mediterraneo sono presenti almeno una cinquantina di animali velenosi . Tutti sono
pyrosoma Pyrosoma, il gigante gli oceani
3.7 (3) Nonostante le apparenze, il pyrosoma non è in realtà un gigantesco verme marino
nomi oceani CHI HA SCELTO IL NOME DEGLI OCEANI?
5 (1) Vi siete mai chiesti qual è l’origine del nome degli oceani? Come è stato possibile
Inquinamento: trote selvatiche dipendenti dalla metanfetamina
4 (1) Animali che si drogano (o che lo fanno non consapevolmente) Uno studio condotto