Nylon o treccia ? Cosa preferire per la pesca in mare

Il Giornale dei MARINAI News, Pesca sportivaNylon o treccia ? Cosa preferire per la pesca in mare
4.2
(5)

Per imbobinare i mulinelli da pesca è meglio il nylon o la treccia ? Vediamo cosa preferire e per quale tecnica

La treccia o trecciato ed il nylon sono in assoluto i fili da pesca piu’ utilizzati sia in mare che in acqua dolce. Ogni tecnica di pesca però ha bisogno di un filo diverso. Questa guida non ha la pretesa di essere di essere l’assoluta verità ma forse vi puo’ dare delle indicazioni su quale filo da pesca scegliere.

treccia o nylon per la pesca

La treccia non è nient’altro che che una trama di fili di polietilene intrecciati tra di loro per formare un unico filo robusto e resistente. I fili di polietilene si avvolgono a spirale per formare delle trecce a 4, 8 o addirittura 12 braids, cioè il numero di fili che compone la treccia.

I vantaggi della treccia

La treccia a differenza del nylon non ha nessuna memoria meccanica, è piu’ sensibile alla ferrata perché meno elastica ed ha un’ottima resistenza ai nodi..


La treccia per lo spinning leggero

Per la pesca del luccio o della spigola si tende a riempire il mulinello con delle trecce 8 braids (piu’ morbida) per poter lanciare il vostro artificiale piu’ lontano possibile.

Per lo spinning pesante meglio la 4 braids

Per la pesca al tonno o per la pesca della ricciola si tende a preferire la treccia 4 braids piu’ rigida che reagisce meglio alle animazioni. La treccia 4braids è anche utilizzata per la pesca del siluro a spinning.


Attenzione alle rocce e agli ostacoli

Il filo trecciato ha comunque degli svantaggi tra cui una minore discrezione rispetto al nylon o al fluorocarbon, costo elevato e una scarsa resistenza all’abrasione contro ostacoli, in particolare con il filo in tensione.

I vantaggi del Nylon

Sicuramente il nylon copre piu’ utilizzi per la pesca in mare. E’ facile da legare, molto elastico, meno costoso ma meno resistente a parità di diametri della treccia.

Il nylon è utilizzato in assoluto per la pesca a surfcasting anche se qualche pescatore tende ad utilizzare la treccia. Il surfcasting richiede un filo elastico e discreto per la cattura di specie piu’ diffidenti. Stessa cosa vale per la pesca a bolentino e per la pesca alla traina. Se invece pescate a jigging, con i kabura o i tenya ancora per la pesca ai calamari la treccia è piu’ indicata.

E voi che tipo di filo da pesca utilizzate ? Treccia o nylon ?

Lasciateci un commento in fondo all’articolo.

https://www.youtube.com/watch?v=_MPHPgJmH9g

Fai clic su una stella per votare il post!

Voto medio 4.2 / 5. Conteggio voti: 5

Nessun voto finora! Sii il primo a votare questo post.

Miglioreremo questo post!

Dicci come possiamo migliorare questo post?

Categories:
Web Editor : Marcello Guadagnino, biologo marino ed esperto di pesca professionale. Autore del Giornale dei Marinai

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi anche

Lampedusa. affonda barcone, 125 migranti salvati dalla Guardia Costiera
3 (2) Lampedusa 09.09.2021 – Questa mattina, alle prime luci dell’alba, 125 migranti sono stati
Concorso fotografico “Aliens in the sea” : progetto citizen partecipativo per la sensibilizzazione delle invasioni biologiche.
5 (1) Favorire forme innovative di ‘Citizen Science’ per accrescere la partecipazione dei cittadini. E’ questo
granchio zombie Sacculina carcini : il parassita che zombifica i granchi verdi
4 (4) Sacculina carcini è un piccolo crostaceo parassita del granchio verde Carcinus maenas e
Pesce in scatola: tutti i benefici delle conserve di pesce!
3.4 (8) Con un’economia che gira sempre più rapidamente oggi si puo’ trasportare il pesce
Barracuda-luccio-di-mare La differenza tra barracuda e luccio di mare
5 (4) Un tempo in Mediterraneo era presente solamente il luccio di mare (Sphyraena sphyraena),
Gli attrezzi da pesca del Mediterraneo
5 (1) Pesca industriale o artigianale, piccola pesca costiera oppure i grandi strascichi ? Quali
Il gamberetto di scogliera Il gamberetto di scogliera – Gen. Palaemon
4 (1) In Mediterraneo esistono diverse specie appartenenti al genere Palaemon, tutti soprannominati gamberetti di
Torpedine La Torpedine -Torpedo marmorata
5 (2) L’areale della Torpedine varia dal Mare del Nord dove è raro, al Golfo
Fotosub e ricerca : competizioni per lo studio della biodiversità ittica
5 (3) La biodiversità delle nostre coste presenta una distribuzione piuttosto eterogenea dal punto di
vacanze in barca a vela Vacanze in barca a vela : i 10 vantaggi
4.3 (7) Per molti la vela è più di una passione. È infatti un esercizio per il
GUARDIA COSTIERA: I RISULTATI DELL’OPERAZIONE COMPLESSA «NO DRIFTNETS» CONTRO LA PESCA ILLEGALE
3.9 (19) Il contrasto all’utilizzo delle reti da posta derivanti illegali è sempre stato uno
Datterari arrestati, l’Amp Punta Campanella:”Grande operazione, noi parte civile”
4.8 (5) Blitz nella notte da parte degli uomini della Guardia Costiera coordinati dalla Procura
Pesca sostenibile Pesca sostenibile : taglie minime e specie protette
4.5 (2) Questa guida presenta le principali specie ittiche catturate sulla costa italiana e gli
pennatula La pennatula rossa – Pennatula rubra
5 (1) La pennatula rossa è un antozoo a forma di alberello delle dimensione massime
Le Mangrovie
3.8 (4) Gli ecosistemi a Mangrovie sono sicuramente tra gli ecosistemi più produttivi del pianeta.
vermocane Quali sono gli animali più velenosi del Mediterraneo?
4.5 (11) In Mar Mediterraneo sono presenti almeno una cinquantina di animali velenosi . Tutti sono
pyrosoma Pyrosoma, il gigante gli oceani
3.7 (3) Nonostante le apparenze, il pyrosoma non è in realtà un gigantesco verme marino
nomi oceani CHI HA SCELTO IL NOME DEGLI OCEANI?
5 (1) Vi siete mai chiesti qual è l’origine del nome degli oceani? Come è stato possibile
Inquinamento: trote selvatiche dipendenti dalla metanfetamina
4 (1) Animali che si drogano (o che lo fanno non consapevolmente) Uno studio condotto
mal di mare Naupatia o mal di mare : cosa fare e come prevenire
5 (3) Classificato tra le cinetosi (malessere che si presenta durante un viaggio), il mal