La classificazione dei Cefalopodi

polpo mimetico

Tutti conosciamo il Polpo, ma cosa ne pensate del Nautilus o dell’Argonauta? La classificazione dei Cefalopodi è piena di sorprese e “”tentacoli”!

La classificazione dei Cefalopodi comprende creature come Polpi, Seppie, Calamari e anche il Nautilus, una specie molto antica tra i Cefalopodi che popolano i nostri oceani! Sebbene questo nome sia anche associato al sottomarino inventato da Jules Verne nel romanzo “Ventimila leghe sotto i mari”, qui stiamo parlando di un animale che appartiene alla vasta classe dei molluschi. Questa classe comprende numerose specie di animali marini e terrestri dal corpo “molle”, che vanno dalle Ostriche alle Lumache, passando per Polpi e calamari. Ed è proprio in questa classe che si trova la classe dei Cefalopodi, il cui nome deriva dall’etimologia greca e significa “piedi sulla testa”.

Opisthoteuthis californiana (Berry, 1949) è un polpo appartenente alla famiglia Opisthoteuthidae conosciuto col nome comune di polpo Dumbo.

Ma concretamente, quali animali appartengono a questa classe? Ci sono circa 800 specie marine come i Polpi, le Seppie e i Calamari… che hanno da 8 a 90 braccia attaccate alla testa.

La classificazione dei Cefalopodi senza troppi sforzi tentacolari! Ci sono 3 sottoclassi di Cefalopodi: due ancora esistenti e una estinta.

I Nautiloidi: comunemente chiamati Nautili, comprendono meno di 10 specie. Hanno una conchiglia a spirale e circa 90 braccia. I Coleoiformi: non hanno una conchiglia esterna permanente, ma durante l’evoluzione hanno sviluppato una struttura interna rigida, simile a un osso nei vertebrati, di forma diversa a seconda delle specie. I Polpi sono gli unici a non avere più questa struttura. I Coleoiformi si dividono in due superordini: i Decapodiformi, con 10 braccia (Calamari, Seppie, Spirule) e gli Octopodiformi, con 8 braccia (Polpi, Argonauti…). Gli Ammoniti, una classe ormai estinta, avevano una conchiglia esterna. Tutte le specie scomparvero durante l’estinzione del Cretaceo, insieme ai grandi Dinosauri, circa 66 milioni di anni fa. Nella classificazione dei Cefalopodi, i Coleoiformi si distinguono dai Nautiloidi per il numero delle branchie. I primi ne hanno due e sono chiamati “dibranchi”, mentre i secondi ne hanno quattro e sono chiamati “tetrabranchi”.

L’osso di seppia, detto anche sepion o sepiostario, è la caratteristica conchiglia interna calcarea delle seppie.

I Cefalopodi sono noti per l’uso di un sifone, che consente loro di muoversi all’indietro espellendo acqua. È anche con questo organo che espellono l’inchiostro per distrarre i predatori e fuggire. Questa azione richiede molta energia e viene eseguita solo quando sono sotto stress. Inoltre, i Polpi, noti anche come piovra, si muovono anche “camminando” sulle loro braccia, aiutandosi con il fondale marino o le rocce. Tra i Decapodiformi, due dei dieci bracci sono modificati e chiamati tentacoli, che possono essere specializzati per la riproduzione o la caccia.

Sapevate che si trovano Cefalopodi in tutti gli oceani e persino in ambienti estremi? Ad esempio, vicino ai vulcani sottomarini è stata osservata la specie Vulcanoctopus hydrothermalis, e si trovano anche nelle profondità degli abissi. Il Polpo dumbo (genere Grimpoteuthis) detiene il record per la sua presenza a 6.957 metri di profondità. Deve il suo soprannome ai due “pinne” sulla testa che ricordano le orecchie di un elefante.

Il mito del Kraken messo in discussione da un “becco di pappagallo” Il Kraken della mitologia nordica e i racconti di giganteschi Calamari sono pura finzione? Sembra che siano ispirati a una specie di calamaro ancora viva, l’Architeuthis dux, che può raggiungere i 13 metri di lunghezza e vive nelle profondità marine. È difficile osservarlo direttamente, ma abbiamo informazioni sulla sua presenza grazie allo studio dei contenuti stomacali dei globicefqli. Questi cetacei si immergono in profondità per cibarsi di questi grandi calamari, e nei loro stomaci si trovano i “becchi di calamaro”, l’unica parte del corpo delle loro prede che non riescono a digerire. I Cefalopodi hanno infatti un becco rigido simile a quello di un pappagallo, che in realtà è la loro bocca.

Da notare che se questo becco è presente in tutti i Cefalopodi, è l’unica parte rigida del corpo dei Polpi. Questo non è il caso degli altri rappresentanti di questa classe. Ad esempio, la struttura rigida interna dei Calamari è il “gladio”, mentre per le Seppie è l’ossp di seppia”. Le Spirule hanno un piccolo guscio interno bianco e i Nautili una grande conchiglia esterna. Inoltre, l’ “osso di seppia” e viene consigliato come fonte di calcio e minerali per gli uccelli in gabbia.

I Nautili hanno la particolarità di muoversi nel mezzo della colonna d’acqua senza appoggiarsi sul fondo come fanno i Polpi. Possono riempire con aria o acqua delle piccole camere nella loro conchiglia, modificando così la loro galleggiabilità. È grazie a questo mezzo che navigano dalle profonde zone in cui vivono durante il giorno fino alle zone sotto la superficie, a una profondità di circa 200-300 metri. Lì trascorrono la notte e si nutrono di gamberetti, pesci e aragoste. Anche le seppie utilizzano lo stesso procedimento e regolano la loro galleggiabilità utilizzando l’aria intrappolata nel loro sepio.

Cosa hanno in comune un albero, un Nautilus e un pesce? Sono “fossili viventi”! Questa espressione spesso utilizzata su Internet non ha senso, l’espressione corretta è “specie pancroniche”. Si tratta di specie molto simili morfologicamente a specie fossili che hanno attraversato i tempi geologici ma si sono evolute. Quattrocento milioni di anni fa, le specie di Nautili erano numerose e diversificate, si stima che ne esistessero più di 300. Proprio come il celacanto, un grande pesce delle profondità, o il Ginkgo biloba, un albero giapponese, i Nautili esistevano al tempo dei dinosauri.

Aneddoto naturalistico

Quando Georges Cuvier ha creduto di scoprire una nuova specie argonauta cefalopode

Nel XIX secolo, Georges Cuvier, un influente scienziato francese che ha svolto importanti studi sull’anatomia e sulle scienze naturali, ha lavorato sulla classificazione dei Cefalopodi. Studiando una femmina di Argonauta, un Ottopodiforme, ha notato attaccato al suo corpo ciò che credeva fosse un piccolo verme parassita. Lo ha chiamato Hectocotylus, pensando di aver scoperto una nuova tassonomia. In realtà, si trattava dell’organo riproduttore maschile, che si stacca completamente dal portatore per fecondare le uova della femmina.

Spesso si osservano da 20 a 30 individui di dimensioni comparabili disposti in una catena. Argonauta argo contiene grandi quantità di collagene nella sua pelle (come la pelle e le ossa di suini e bovini), che, per il momento, non interessano i produttori di cosmetici, prodotti alimentari e materiali biomedicali date le piccole dimensioni e la presenza irregolare di questi organismi 

Oggi, “ectocotilo” si riferisce al braccio che porta le cellule riproduttive dei Cefalopodi maschi, presente in molte specie diverse dagli Argonauti. Oltre a questa specificità di un “ectocotilo” staccabile, gli Argonauti maschi e femmine si somigliano poco. La femmina è 10-15 volte più grande del maschio, che di solito misura meno di 2 cm: si parla di dimorfismo sessuale. Inoltre, gli Argonauti sono anche chiamati “nautili di carta” perché le femmine costruiscono una conchiglia sottile e avvolta chiamata nacchera per proteggere le loro uova. Questa conchiglia ricorda l’aspetto dei Nautilus.

Non possiamo dimenticare che i lavori di G. Cuvier hanno portato a grandi progressi nella ricerca naturalistica, ma hanno anche riguardato l’anatomia umana, sostenendo una gerarchia tra le “razze” umane. In particolare, quando dissezionò Saartjie Baartman, la “Venus Hottentote“, una donna africana schiava che fu esposta in fiere e musei durante la sua vita. Lo studio anatomico di questa donna, radicato nel contesto razzista del XIX secolo, cercava di dimostrare l’inferiorità di alcune etnie.

La classificazione dei Cefalopodi è una porta d’ingresso verso le sorprendenti e affascinanti peculiarità di queste specie. Senza dimenticare l’intelligenza dei Polpi con i loro 3 cuori e 9 cervelli o le preziose informazioni fornite dallo studio dei fossili di Ammoniti… molte domande scientifiche rimangono ancora aperte.

Tags :

Share :

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest

Lascia un commento

Ultimi articoli

Le schede degli organismi marini