La tracina o pesce ragno – Trachinus draco

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Email
tracina

La tracina, conosciuta scientificamente come Trachinus draco, è un pesce marino appartenente alla famiglia Trachinidae. Spesso chiamata “pesce ragno”, la tracina è nota per le sue spine velenose e per la sua abilità di mimetizzarsi nei fondali sabbiosi.

Biologia

La tracina presenta un corpo allungato e compresso lateralmente, con una testa larga e appiattita. Il colore del corpo varia dal grigio al marrone, spesso con macchie scure che ne facilitano la mimetizzazione. Le tracine possiedono spine velenose sulla prima pinna dorsale e sugli opercoli, che sono utilizzate come difesa contro i predatori.

Habitat

Le tracine sono prevalentemente bentoniche e vivono nei fondali sabbiosi e fangosi del Mar Mediterraneo, dell’Atlantico orientale e del Mar Nero. Preferiscono acque costiere poco profonde, ma possono essere trovate fino a profondità di 150 metri. La loro capacità di seppellirsi nella sabbia con solo gli occhi e la parte superiore del corpo esposta è una strategia efficace sia per la caccia che per la protezione.

Anatomia e Fisiologia
  • Spine Velenose: Le spine sono collegate a ghiandole velenifere che rilasciano un potente veleno. Questo veleno è termolabile, il che significa che può essere neutralizzato dal calore.
  • Pelle e Mimetizzazione: La pelle della tracina è ricoperta da piccole scaglie che contribuiscono alla sua capacità di mimetizzarsi. Le macchie scure sulla pelle aiutano a confondersi con il fondale sabbioso.
  • Sistema Sensoriale: Le tracine sono dotate di un sistema sensoriale acuto, con occhi situati sulla sommità della testa che permettono una visione panoramica, essenziale per individuare prede e predatori.
tracina 2

Riproduzione

La riproduzione delle tracine avviene durante i mesi estivi. Il ciclo riproduttivo è caratterizzato da:

  • Gonadi: Le gonadi dei maschi e delle femmine maturano in primavera.
  • Deposizione delle Uova: Le femmine depongono le uova che vengono successivamente fecondate dai maschi. Le uova sono pelagiche e galleggiano liberamente nel mare.
  • Sviluppo: Le larve di tracina, una volta schiuse, sono planctoniche e si sviluppano rapidamente, spostandosi verso il fondo man mano che crescono.

Crescita

La crescita della tracina è relativamente rapida nei primi anni di vita. La dieta gioca un ruolo cruciale nella loro crescita e sviluppo. La tracina si nutre di piccoli pesci, crostacei e invertebrati che cattura con scatti rapidi dalla sua posizione nascosta nella sabbia.

Curiosità Poco Conosciute

  1. Spine Velenose: Il veleno delle tracine è termolabile, il che significa che il calore può neutralizzarne l’effetto. Immergere la zona colpita in acqua calda è un metodo efficace per alleviare il dolore e ridurre gli effetti del veleno.
  2. Comportamento di Mimetizzazione: Oltre a seppellirsi nella sabbia, le tracine possono cambiare leggermente il colore del loro corpo per adattarsi meglio all’ambiente circostante, aumentando ulteriormente la loro capacità di mimetizzarsi.
  3. Eco-indicatore: Le tracine possono essere utilizzate come bioindicatori per monitorare la qualità dell’ambiente marino. La loro presenza e abbondanza in una determinata area possono fornire informazioni sulle condizioni ambientali e sull’inquinamento.
  4. Uso Tradizionale: In alcune culture mediterranee, le spine velenose delle tracine sono state utilizzate tradizionalmente per creare antidoti contro altri veleni marini.

La tracina (Trachinus draco) è un pesce affascinante che combina una biologia complessa con un comportamento unico di mimetizzazione e difesa. Nonostante la sua reputazione pericolosa a causa delle spine velenose, le tracine giocano un ruolo importante negli ecosistemi marini come predatori e indicatori ambientali. La loro capacità di adattarsi a diversi ambienti e di sopravvivere in condizioni avverse li rende un oggetto di studio interessante sia per la biologia marina che per la conservazione.

Clicca per votare questo articolo!
[Voti: 0 Media: 0]
Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Pinterest
Email
Tags :

Lascia un commento

Ultimi articoli
Le schede degli organismi marini