Una delle principali minacce alla biodiversità sono le specie aliene invasive .
Le specie aliene sono state definite nel 2014 dal Regolamento Europeo n° 1143-2014, che mira a prevenirne l’introduzione nell’ambiente marino e, quando sono già presenti in esso, ad eradicarli.

In mare la lotta contro le specie aliene, dette anche specie alloctone, è molto complessa. Tuttavia, il numero di specie aliene aumenta e con esso il rischio che un giorno diventino specie aliene invasive (SAI), come la caulerpa (o “alga killer”) o il granchio blu.

Specie aliene invasive: definizione e normativa europea

Una specie si dice aliena o non autoctona quando è dimostrata la sua presenza al di fuori della sua area di distribuzione naturale, indipendentemente dal fatto che la natura del vettore di introduzione sia nota o meno. Esistono diversi vettori di introduzione, principalmente di origine antropica  : organismi importati/esportati, biofouling dagli scafi delle navi e acqua di zavorra dalle navi in ​​particolare. 

Si dice che una specie aliena sia invasiva quando la sua introduzione o diffusione rappresenta una minaccia o ha un impatto negativo sulla biodiversità e sui servizi ecosistemici associati.

La Direttiva quadro sulla strategia marina ( MSFD ), pubblicata nel 2008, mira a mantenere o raggiungere il buono stato ecologico dei mari e degli oceani. Impone agli Stati membri dell’Unione Europea di prevenire, monitorare e controllare le specie non autoctone, in modo da ridurre al minimo la frequenza e la quantità di nuove introduzioni antropogeniche. Il raggiungimento di questo obiettivo dipende da tre criteri:

  • – il numero di specie invasive di nuova introduzione nell’ambiente attraverso le attività umane
  • – l’abbondanza e la distribuzione spaziale delle SAI consolidate, in particolare delle specie invasive che hanno un effetto negativo significativo su determinati gruppi di specie o ampi tipi di habitat
  • – la proporzione del gruppo di specie o l’estensione spaziale del tipo ampio di habitat che subisce alterazioni negative dovute alla presenza di SAI

Un caso concreto: la Caulerpa in Mediterraneo

La caulerpa Caulerpa sp ) è un’alga invasiva che si trova nel Mediterraneo. È una delle 100 specie più invasive al mondo, che produce anche una tossina la cui ingestione da parte dell’orata del Mediterraneo sconvolge l’ ecosistema .

Al fine di controllare ed eradicare questa specie, il Parco Nazionale di Port-Cros in Francia sta attualmente seguendo un protocollo di gestione e pianificazione molto strutturato. Poiché la Caulerpa può diffondersi attraverso le acque di zavorra, l’attrezzatura subacquea e le reti da pesca, applica le seguenti misure:

  • divieto di ancoraggio (misura imposta alle imbarcazioni da diporto ),
  • divieto di pesca nelle zone ad alto rischio,
  • uso limitato delle boe di ormeggio destinate alle immersioni,
  • monitoraggio e sensibilizzazione.

Professionisti esperti stanno anche lavorando alla loro eradicazione mediante rimozione manuale e tramite teli di plastica opaca che limitano la loro fotosintesi .

Chi sono le specie aliene ?

Le nuove specie che si incontrano in Mediterraneo arrivate dallo stretto di Gibilterra non sono considerate come aliene dato che il Mediterraneo e l’oceano Atlantico sono in connessione tra loro. Sono invece considerate alloctone specie che provengono dal Mar Rosso attraverso il Canale di Suez (migrazione Lessepsiana) che ha origini antropiche.

Canale di Suez

Il canale di Suez permette di navigare dal Mediterraneo per raggiungere l’oceano Indiano senza circumnavigare l’Africa

Perché queste specie arrivano in Mediterraneo?

Molti sono micro organismi che vivono per esempio nelle conchiglie di molluschi, parliamo ad esempio di alghe incrostanti ma anche piccoli crostacei e ascidie, possono anche essere organismi provenienti da acquacultura. Altri invece possono arrivare trasportati dalle acque di zavorra delle navi o addirittura attaccati alle chiglie di imbarcazioni o di navi che fanno la spola dal vecchio al nuovo continente.

Un’altra considerazione da fare è sicuramente l’innalzamento della temperatura media delle acque. Specie come il pesce coniglio, il pesce foglia o ancora il pesce palla stanno oramai colonizzando il Mediterraneo perché hanno trovato un clima un ecosistema favorevole per vivere e riprodursi.  

pesce scorpione
Il pesce scorpione é già stato segnalate tra le acque Siciliane, la sua presenza massiccia sta destabilizzando la pesca in Grecia e in Libano
granchio
Tramite l’acqua incamerata per zavorrare le navi, il granchio blu è stato accidentalmente introdotto in Mediterraneo. Si tratta di animali onnivori e piuttosto aggressivi: si nutrono di tutto ciò che riescono a catturare: bivalvi, anellidi, avannotti, carogne e piante.
granchio blu specie aliena

Il numero di specie alloctone nel Mediterraneo è aumentato dagli anni ’50 e ’60, principalmente a causa dello sviluppo del commercio … ma anche a causa del riscaldamento delle acque.

Vai e vieni

Tra le specie che entrano nel Mediterraneo, alcune ne sono state viste solo una o due volte: è il caso dell’aragosta Panulirus ornatus, osservata una sola volta nel 1989 . Altri, invece, si sono rapidamente moltiplicati e ora lo sono
ben radicati nel nostro mare, si riproducono e il loro areale nel Mediterraneo aumenta costantemente.
È il caso delle due specie di coniglio presenti nel Mediterraneo: Siganus luridus e Siganus rivulatus. Originari del Mar Rosso, ora possono formare banchi composti da un numero molto elevato di individui. Anche il granchio blu (Callinectes sapidus e Portunus pelagicus) si sono adattati a vivere negli estuari dei fiumi di tutta Italia. Oggi questo granchio viene regolarmente pescato e venduto.

L’impatto delle specie invasive

Impatti ambientaliImpatti economici
Predazione sulle specie endemicheInterferenze con le risorse biologiche che sono alla base della pesca
Diminuizione della disponibilità degli habitat delle specie nativeInterferenze con le attività di pesca
CompetizioneDanni economici legati al turismo
Parassiti e malattieDanni alle infrastrutture
IbridazioneDegradazione degli habitat
Cambiamento del funzionamento dell’ecosistemaCompetizione con specie endemiche di interesse commerciale
Alterazione dei cicli alimentariCosti alterati dei trattamenti e delle manutenzioni

Danni causati dagli invasori

La grande medusa del Mar Rosso (Rhopilema nomadica) è arrivata nel Mediterraneo attraverso il Canale di Suez. Ogni estate, enormi ammassi compaiono lungo le coste orientali Mediterraneo. A volte ci sono fino a 25 meduse per metro quadrato che formano una “cintura di meduse” a chilometro dalla costa. Questo ha un grande impatto sulla pesca e sulle infrastrutture costiere. La pesca è interrotta per tutta la durata di questo fenomeno perché il le reti sono piene di meduse e il pescato non può essere smistato.

In Israele devono essere rimosse tonnellate di meduse dai tubi che prendono l’acqua di mare per le due più grandi centrali elettriche e si stima che costi 50.000 dollari all’anno.

Un invasione contraria

La cozza zebra (Dreissena polymorpha), originaria dell’Europa, è una specie d’acqua dolce che è diventata un invasore prolifico all’estero. Si è diffuso rapidamente attraverso in Atlantico dopo aver “viaggiato” sino in America nelle acqua di zavorra delle navi. Le cozze zebra si incrostano su qualsiasi struttura solida nell’acqua e bloccano i flussi d’acqua. Stime del costo del controllo di questa specie in Nord America sono quasi un miliardo su 10 anni.

Questa cozza colpisce gli ecosistemi a scapito delle cozze autoctone le cui popolazioni possono crollare drammaticamente in pochi anni dall’arrivo dell’ invasore.

Le schede