I banchi di pesce: perche i pesci si riuniscono cosi?

Il Giornale dei MARINAI Biologia marinaI banchi di pesce: perche i pesci si riuniscono cosi?
5
(1)

Come e perche i pesci si riuniscono in banchi

Le diverse specie ittiche svolgono la maggior parte del loro ciclo vitale solitari e/o in gruppi. I gruppi possono avere diverse caratteristiche. Cerchiamo di capire coma fanno a riunirsi in piccoli o grandi banchi di pesce e perchè lo fanno.

Abbiamo gruppi “non polarizzati”, dove la distanza tra gli individui, l’orientamento e la velocità è variabile; a volte gli individui sono lenti o fermi. In questo caso si parla di aggregazione. Si parla di aggregazione quando gli individui si riuniscono in risposta ad un comune stimolo esterno (esempio un’attrazione per una sorgente luminosa). Nei gruppi “polarizzati” tutti gli individui nuotano paralleli tra loro, mantenendo una distanza fissa e cambiando velocità e direzione all’unisono. In generale, i pesci del gruppo polarizzato si comportano come un grande, singolo organismo. Questi sono detti “I banchi di pesce“.

Quello della formazione dei banchi di pesce è un comportamento molto diffuso tra i pesci. A vari livelli tassonomici più di 10.000 specie di pesci formano banchi, almeno nel corso di una certa parte della loro vita.

Il banco di pesce è un insieme di individui senza una apparente differenziazione comportamentale tra i componenti, senza un capo, senza rapporti di sudditanza. Esso può essere formato da pochi fino a milioni di individui.

Il banco si muove come un unico organismo più che come un insieme di organismi, cioè tutti i membri di un banco tendono a fare le stesse attività insieme. Il cambiamento di direzione all’interno del banco sembra essere un’azione concertata, istantanea da parte di tutti i membri, azione che può partire anche da individui ben all’interno del banco.
In ogni specie, all’interno del banco, un pesce ha una sua distanza e una sua angolatura preferenziale rispetto al più stretto vicino. La tendenza del pesce a mantenere una precisa distanza e l’angolatura ottimale rende possibile la conservazione della struttura del banco, che è una complessa struttura tridimensionale. La vista, ma soprattutto la linea laterale, permette il mantenimento della posizione all’interno del banco e il controllo della velocità.

Ma quali sono i vantaggi adattativi per le specie che vivono in banco o in gruppo?

Per le specie “preda” il banco aumenta la protezione dal predatore: il banco, infatti, è più vigile nell’avvertire la presenza di un predatore. Il banco è meno visibile in acqua: ogni singolo individuo ha, infatti, una certa probabilità di essere avvistato dal predatore, probabilità che può essere visualizza come una sfera intorno il pesce stesso . Se tre pesci sono isolati l’uno dall’altro, la probabilità che un predatore ne scopra almeno uno è abbastanza elevata. Ma, messi vicini a formare un branco, gli stessi tre pesci hanno una minore probabilità di essere visti, in quanto la probabilità di essere avvistato di ognuno si sovrappone a quella degli altri, riducendo ad un terzo la capacità del predatore di avvistarli.

In acqua, a causa della dispersione e dell’ assorbimento della luce, la massima distanza alla quale è possibile scorgere un oggetto è di 200 metri (40 metri in acque torbide). Se tre pesci nuotano isolati, la probabilità di essere visti da un predatore è elevata, ma se i tre pesci formano un banco, le tre sfere (che indicano la distanza di visibilità), si sovrappongono e così la probabilità si riduce di un terzo.

Inoltre, la reazione di fuga del banco, con i pesci che fuggono, disperdendosi in varie direzioni, crea un “effetto confusione” che disorienta il predatore. In queste condizioni il predatore perde il suo obiettivo e non sa più chi colpire.

Il branco poi è in grado di mettere in atto tutta una serie di manovre evasive per sfuggire ad un attacco. Può, infatti, aprirsi a ventaglio, disorientando il predatore, può aprirsi a fontana e richiudersi alle spalle del predatore, ecc. Ma quali sono i vantaggi adattativi per le specie che cacciano in banco? Il banco aumenta l’efficienza nella ricerca del cibo: facilita la localizzazione della preda visto che un maggior numero di predatori ha un maggiore possibilità di individuare le prede e “comunicarlo” agli altri (soprattutto nei planctivori), il banco può circondare o manovrare un gruppo di prede (alcune specie di delfini spingono banchi di pesci verso l’acqua bassa per diminuire le loro possibilità di fuga), il banco è meno sensibile all’effetto confusione. Nel Mediterraneo tra le principali specie che formano banchi si possono ricordare quelle appartenenti agli ordini dei Clupeiformi (sardina, alice) e degli Sgombriformi (tonni, sugarelli).

Da biologia e sistematica dei pesci (I banchi di pesce )

Fai clic su una stella per votare il post!

Voto medio 5 / 5. Conteggio voti: 1

Nessun voto finora! Sii il primo a votare questo post.

Miglioreremo questo post!

Dicci come possiamo migliorare questo post?

Categories:
Web Editor : Marcello Guadagnino, biologo marino ed esperto di pesca professionale. Autore del Giornale dei Marinai

3 thoughts on “I banchi di pesce: perche i pesci si riuniscono cosi?”

  1. Alessio Taverniti ha detto:

    Ciao,
    sono Alessio, amministratore e blogger di http://www.scienze-naturali.com/. Mi piace l’articolo, complimenti.
    Però andrebbe aggiunto un altro vantaggio del gruppo o banco: vivere insieme nei predatori aumenta anche la percentuale di successo nella predazione e cattura di una preda.
    Ciao. A presto.

    Alessio

    1. Alessio Taverniti ha detto:

      Ma va, è stato un piacere!

    2. Alessio Taverniti ha detto:

      Grazie a te ;). Buon lavoro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi anche

Lampedusa. affonda barcone, 125 migranti salvati dalla Guardia Costiera
3 (2) Lampedusa 09.09.2021 – Questa mattina, alle prime luci dell’alba, 125 migranti sono stati
Concorso fotografico “Aliens in the sea” : progetto citizen partecipativo per la sensibilizzazione delle invasioni biologiche.
5 (1) Favorire forme innovative di ‘Citizen Science’ per accrescere la partecipazione dei cittadini. E’ questo
granchio zombie Sacculina carcini : il parassita che zombifica i granchi verdi
4 (4) Sacculina carcini è un piccolo crostaceo parassita del granchio verde Carcinus maenas e
Pesce in scatola: tutti i benefici delle conserve di pesce!
3.4 (8) Con un’economia che gira sempre più rapidamente oggi si puo’ trasportare il pesce
Barracuda-luccio-di-mare La differenza tra barracuda e luccio di mare
5 (4) Un tempo in Mediterraneo era presente solamente il luccio di mare (Sphyraena sphyraena),
Gli attrezzi da pesca del Mediterraneo
5 (1) Pesca industriale o artigianale, piccola pesca costiera oppure i grandi strascichi ? Quali
Il gamberetto di scogliera Il gamberetto di scogliera – Gen. Palaemon
4 (1) In Mediterraneo esistono diverse specie appartenenti al genere Palaemon, tutti soprannominati gamberetti di
Torpedine La Torpedine -Torpedo marmorata
5 (2) L’areale della Torpedine varia dal Mare del Nord dove è raro, al Golfo
Fotosub e ricerca : competizioni per lo studio della biodiversità ittica
5 (3) La biodiversità delle nostre coste presenta una distribuzione piuttosto eterogenea dal punto di
vacanze in barca a vela Vacanze in barca a vela : i 10 vantaggi
4.3 (7) Per molti la vela è più di una passione. È infatti un esercizio per il
GUARDIA COSTIERA: I RISULTATI DELL’OPERAZIONE COMPLESSA «NO DRIFTNETS» CONTRO LA PESCA ILLEGALE
3.9 (19) Il contrasto all’utilizzo delle reti da posta derivanti illegali è sempre stato uno
Datterari arrestati, l’Amp Punta Campanella:”Grande operazione, noi parte civile”
4.8 (5) Blitz nella notte da parte degli uomini della Guardia Costiera coordinati dalla Procura
Pesca sostenibile Pesca sostenibile : taglie minime e specie protette
4.5 (2) Questa guida presenta le principali specie ittiche catturate sulla costa italiana e gli
pennatula La pennatula rossa – Pennatula rubra
5 (1) La pennatula rossa è un antozoo a forma di alberello delle dimensione massime
Le Mangrovie
3.8 (4) Gli ecosistemi a Mangrovie sono sicuramente tra gli ecosistemi più produttivi del pianeta.
vermocane Quali sono gli animali più velenosi del Mediterraneo?
4.5 (11) In Mar Mediterraneo sono presenti almeno una cinquantina di animali velenosi . Tutti sono
pyrosoma Pyrosoma, il gigante gli oceani
3.7 (3) Nonostante le apparenze, il pyrosoma non è in realtà un gigantesco verme marino
nomi oceani CHI HA SCELTO IL NOME DEGLI OCEANI?
5 (1) Vi siete mai chiesti qual è l’origine del nome degli oceani? Come è stato possibile
Inquinamento: trote selvatiche dipendenti dalla metanfetamina
4 (1) Animali che si drogano (o che lo fanno non consapevolmente) Uno studio condotto
mal di mare Naupatia o mal di mare : cosa fare e come prevenire
5 (3) Classificato tra le cinetosi (malessere che si presenta durante un viaggio), il mal