5 curiostà sui pesci vela

5
(1)

I pesci vela sono dei pesci epi-pelagici (che vivono tra la superficie ed 1 200 metri di profondità), parenti stretti del pesce marlin. Sono molto simili al pesce spada ma non appartengono alla stessa famiglia. I pesci vela infatti appartengono alla famiglia degli Istiophoridae, il pesce spada invece alla famiglia degli Xiphiidae. Sono due le specie di pesce vela appartenenti al genere Istiophorus : il pesce vela dell’Atlantico (Istiophorus albicans) ed il pesce vela del Pacifico (Istiophorus platypterus).

Entrambe le specie vivono a latitudini tropicali ma sono state segnalate, anche se raramente,  anche in Mediterraneo.

La pinna dorsale è caratteristica nei pesci vela, molto alta, viene utilizzata dai pesci vela  come ausilio nella caccia. La dorsale del pesce vela si estende per quasi tutta la lunghezza del corpo.

Il nome pesce vela deriva proprio dalla pinna dorsale, essa ricorda infatti la vela di una nave. La pinna caudale è bilobata invece le dorsali sono falciformi. Secondo alcuni studi sembra che il pesce sia in grado di cambiare il colore del corpo in base allo stato d’animo.

Durante la deposizione delle uova, la femmina attira il partner estendendo la sua pinna dorsale sin sopra la superficie dell’acqua. Le coppie si uniscono e si riproducono attraverso fecondazione esterna, dove la femmina rilascia le sue uova nella colonna d’acqua mentre il maschio rilascia il suo sperma.

Il colore è tipico dei pesci pelagici cioè grigio-blu sul dorso e bianco sul ventre. La mascella superiore è allungata e forma un vero e proprio rostro, una sorta di lancia utile per uccidere le prede con veloci movimenti orizzontali. Agitato con forza, il rostro permette di catturare calamari ed altri cefalopodi di cui il pesce vela si nutre.

Il pesce vela viene predato da diversi pesci. I grandi esemplari sono spesso attaccati da squali, i giovani sono invece predati dalle grosse lampughe (Mahi mahi)

La taglia media di un pesce vela é di 160/180cm anche se non sono rari individui che superino i 2 metri.

Il piu’ grande pesce vela conosciuto ad oggi é stato catturato nel 1950 a Walker Bay, alle Bahamas. Il pesce era lungo 3.15m e pesava circa 58 Kg.

Si tratta di un pesce poco longevo, sembra che le femmine vivano sino a 12 anni ed i maschi non supero gli 11.

Istiophorus-albicans-lanimale-piu-veloce-della-terra-1778x1000 5 curiostà sui pesci vela

 

1# Il pesce vela : un pesce da record

Il pesce vela è considerato l’animale acquatico piu’ veloce al mondo. Riesce infatti a raggiungere con uno scatto i 112 Km/h. Dietro soltanto al ghepardo che raggiunge i 120 Km/h.

2# Un pesce camaleonte

Secondo alcuni studi sembra che il pesce sia in grado di cambiare il colore del corpo in base allo stato d’animo.

3# Una famiglia numerosa

Il pesce vela può deporre sino a 4,8 milioni di uova con una sola deposizione.

4# I migliori predatori del mare aperto

I pesci vela sono considerati i predatori piu’ infallibili delle acque oceaniche. Il rostro infatti non sbaglia un colpo, una volta individuata la preda non c’è praticamente nessuna possibilità che la sventurata possa sopravvivere.

5# Il pesce di Hemingway

Insieme al marlin, il pesce vela era uno dei trofei di pesca preferiti da Ernest Hemingway. Nei suoi racconti infatti lo scrittore parla spesso di combattimenti con grossi pesci vela catturati a bordo del Pilar.


Fai clic su una stella per votare il post!

Voto medio 5 / 5. Conteggio voti: 1

GRAZIE !!!!! Aiutami a far crescere il blog, condividi l'articolo sui social !

Miglioreremo questo post!

Web Editor : Marcello Guadagnino. Io sono Marcello, sono nato a Palermo ed ho vissuto a Marinella di Selinunte (Tp). Sono stato a contatto di pescatori sia sportivi che professionali che mi hanno dato la spinta dopo le scuole superiori a studiare biologia marina per poi terminare gli studi con un master in gestione della fascia costiera e delle risorse acquatiche nelle Marche. Oggi vivo in Francia a Montpellier dove mi occupo di pesca. Rimango sempre in contatto con la mia Sicilia dove torno spesso in particolare in estate dove mi aspetta la mia barca. Qui a Montpellier pratico tanta pesca sportiva, faccio subacquea, vado in barca e la sera quando si spengono le luci del giorno mi dedico al giornale dei marinai andando alla ricerca di news, articoli, guide per cercare di sensibilizzare il grande pubblico sui temi legati al mare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *