Ancora paura per lo squalo avvistato tra le acque dello stretto. Stavolta attacca un pesce spada.

Dopo il primo avvistamento nelle acque dello Stretto di Messina (si tratta molto probabilmente di uno squalo bianco) alcuni pescatori hanno trovato i resti di un pesce spada morsicato da uno squalo. Non si sa se si tratti dello stesso animale ma i pescatori raccontano di aver allamato il pescespada al proprio palamito e nel momento di issarlo a bordo hanno sentito degli strattoni che cercavano di portare il pesce in fondo. I pescatori in un primo momento hanno pensato di aver all’amo un pesce ancora in vita invece una volta portato a bordo hanno potuto constatare che stavano lottando non con il pescespada ma bensì con uno squalo che voleva rubare loro la preda. Il fatto e’ avvenuto  tra Ganzirri e Torre Faro a bordo della feluca “Zeus” e a riportare la notizia e’ stato il sito internet Strettoweb. Il pesce era stato dilaniato a morsi da uno squalo gigante .  Ma la presenza degli squali nei nostri mari non è una notizia. Gli squali sono stati sempre presenti in Mediterraneo e, al contrario di quello che scrivano la maggior parte dei siti internet, stanno pian piano scomparendo a causa della pesca eccessiva. La loro presenza non deve spaventarvi ne tanto meno mettervi in allarme. Difficilmente arrivano sotto costa e se lo facessero dopo una breve visita riprenderebbero subito la strada per acque più profonde. Diffidate da chi vuole ancora dipingerli come mostri ed assassini. Non sono neanche dei cuccioletti naturalmente, il mare e’ il loro regno e sono predatori per eccellenza, cosa c’è di strano dunque se uno squalo bianco addenta un pescespada??? Non e’ successo nemmeno sotto-costa dato che la pesca al pesce spada viene praticata in acqua abbastanza profonde.

 

Web Editor : Marcello Guadagnino. Io sono Marcello, sono nato a Palermo ed ho vissuto a Marinella di Selinunte (Tp). Sono stato a contatto di pescatori sia sportivi che professionali che mi hanno dato la spinta dopo le scuole superiori a studiare biologia marina per poi terminare gli studi con un master in gestione della fascia costiera e delle risorse acquatiche nelle Marche. Oggi vivo in Francia a Montpellier dove mi occupo di pesca. Rimango sempre in contatto con la mia Sicilia dove torno spesso in particolare in estate dove mi aspetta la mia barca. Qui a Montpellier pratico tanta pesca sportiva, faccio subacquea, vado in barca e la sera quando si spengono le luci del giorno mi dedico al giornale dei marinai andando alla ricerca di news, articoli, guide per cercare di sensibilizzare il grande pubblico sui temi legati al mare.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui