Scoprire le spiagge

Una guida rapida per conoscere la spiaggia. 

Il movimento delle acque marine costiere porta ad un erosione della costa. Le onde, le correnti e la sedimentazione riescono in un arco di tempo a frammentare rocce, ciottoli o anche esoscheletri di animali marini riducendoli in granuli a granulometria differente.

Cosa è una spiaggia

Una spiaggia non è nient’altro che il confine tra acqua e terra, un accumulo di materiale sedimentario costituito da sabbia, ciottoli o silt-argilla.

In zone ove sono presenti organismi marini come ricci di mare, organismi bivalvi o crostacei e foraminiferi è possibile osservare delle spiagge di origine organica. Tali composti organici modellati dalla forza del mare danno vita a delle proprie distese di colore chiaro depositate sia in acqua che su terra.

Nelle zone dove sfociano in mare grandi fiumi invece possiamo assistere a spiagge fangose dovute all’arrivo dai fiumi di sedimenti a bassissima granulometria (quasi delle polveri) come ad esempio nel delta del Mississippi negli USA.

La spiaggia emersa

La spiaggia emersa si trova sopra il massimo livello di marea, essa si estende verso terra e si caratterizza dallo “scalino” ovvero la battigia che delimita la zona emersa con quella sommersa.

Il limite verso terra della spiaggia è spesso dato dalle dune, accumuli di sabbia trasportati dal vento che formano come un cordone a protezione della spiaggia stessa.

La spiaggia interditale

La zona tra il più basso livello ed il più alto livello di marea è chiamato spiaggia interditale. Se il Mediterraneo non è influenzato da grandi escursioni mare la zona interditale degli oceani può invece subire delle escursioni importanti sino ad 8 10 metri. Accade nei paesi del Nord Europa che le maree corrono alla velocità di un cavallo al galoppo. Dopo essersi ritirate, le acque ritornano con grande velocità e forza. Per tale motivo tali spiagge sono monitorate ed i bagnanti sono al corrente delle escursioni di marea.

La spiaggia sommersa

La spiaggia sommersa invece si trova nel livello inferiore del livello minimo di marea rimanendo sempre sott’acqua.

La spiaggia è di tutti ?

Assolutamente si, la fascia che va da 0 a 5 metri dalla battigia “il famoso scalino” è libero e tale deve rimanere anche in presenza di lidi balneari privati. Secondo la legge 27 dicembre 2006, n. 296, articolo 1, comma 251, in cui viene fatto «obbligo per i titolari delle concessioni di consentire il libero e gratuito accesso e transito, per il raggiungimento della battigia antistante l’area ricompresa nella concessione, anche al fine di balneazione». Motivo per cui se vi ritrovate a passare davanti ad uno stabilimento balneare sappiate che avete tutto il diritto di farlo come anche di bagnarvi davanti le acque dello stabilimento. Sebbene i lidi privati paghino per avere la concessione del demanio la fascia della battigia rimarrà sempre libera da vincoli ed accessibile a tutti.

I divieti in spiaggia

Come già detto il passaggio deve alla battigia deve essere libero, si tratta di un passaggio e non possono essere installati in alcun modo ombrelloni o sedie davanti lo stabilimento.   All’entrata e negli stabilimenti balneari troverete le direttive della Capitaneria di Porto per una giornata in spiaggia rispettosa del prossimo e dell’ambiente.  

Le regole da rispettare in spiaggia

  1. E’ assolutamente vietato accendere fuochi sia per fare barbecue o per i classici falò di notte causa rischio incendi.
  2. E’ vietato lasciare oggetti di proprietà  come ad esempio ombrelloni o sedie per ritrovarli già pronti il giorno dopo
  3. Vige il divieto di pesca sportiva nelle ore del giorno (08:00 alle 19:00). Tale orario può variare a seconda delle regolamentazioni regionali. E’ consentito pescare nelle ore dove i bagnanti non sono presenti.
  4. Non si possono installare tende per bivaccare in spiaggia
  5. Non è consentito l’acquisto di gadget dei venditori ambulanti
  6. E’ vietato asportare sabbia o rocce dall’ecosistema.
  7. Praticare sport come windsurf a meno di 100 metri dalla battigia
  8. Giocare a palla o con i racchettoni a meno che non vi siano delle zone prestabilite
  9. E’ vietato andare in Topless ovvero a seno nudo per le donne.
  10. Lasciare rifiuti

Queste sono le regole generali ma i regolamenti come detto possono cambiare a seconda delle direttive della Capitaneria di Porto. Ad esempio quest’anno alcuni comuni hanno vietato in alcune spiagge il fumo di sigaretta, la plastica, o addirittura gli asciugamani.

Alle Isole Tremiti la plastica è no-friendly. Vige il divieto delle cannucce, bottiglie di plastica e piatti di plastica. In Sardegna in molte spiagge è vietata la sigaretta.

E gli animali ?

In regola generale gli animali  non sono ammessi. Alcuni comuni comunque hanno aperto delle spiagge agli amici a quattro zampe.

Le spiagge più belle d’italia

Una selezione del Giornale dei Marinai delle spiagge più belle d’Italia.

Sicilia

Leggi anche le 10 spiagge più belle di sicilia

Sardegna

Puglia

Leggi anche le 10 spiagge piu belle del Salento

Calabria

Campania

Lazio

Liguria

Toscana

Marche

Spiaggia di Mezzavalle nel Parco del Conero
Al momento stai visualizzando Scoprire le spiagge
  • Autore dell'articolo:
  • Categoria dell'articolo:Spiagge
  • Commenti dell'articolo:0 Commenti
  • Tempo di lettura:15 minuti di lettura
  • Ultima modifica dell'articolo:26 Luglio 2021

Marcello Guadagnino

Web Editor : Marcello Guadagnino, biologo marino ed esperto di pesca professionale. Autore del Giornale dei Marinai

Lascia un commento