Nuvole: Impariamo a riconoscerle

Il Giornale dei MARINAI Curiosità sul mareNuvole: Impariamo a riconoscerle
5
(1)

Come riconoscere le nuvole

Andar per mare vuol dire conoscere gli elementi che creano sinergie con esso, molte cose ci vengono spiegate, ma altre spesso riusciamo ad apprenderle soltanto vivendo il mare. In questo articolo vedremo come riconoscere le nuvole e come navigare in base ai tipi di nuvole presenti.

Capire le condizioni meteo-climatiche può essere a volte fondamentale per non ritrovarsi in situazioni critiche e si sa che in mare le precauzioni non sono mai troppe. Un validissimo aiuto nella formulazione delle condizioni meteoclimatiche è dato dall’ osservazione delle nuvole: la stabilità dell’ atmosfera, l’arrivo di una perturbazione, la pioggia sono tutti fenomeni che possono essere in qualche maniera previsti utilizzando le nuvole come chiavi di lettura.

Tutti noi “marinai” prima di salpare dal porto facciamo quel semplice gesto che consiste nel portarsi una mano alla fronte e scrutare il cielo, e senza rendercene conto riusciamo a formulare delle previsioni che influenzeranno il nostro viaggio. E’ successo a tutti di guardare l’orizzonte e di rimanere fermi in porto per l’arrivo un temporale, le nuvole sono il primo elemento valutativo nelle nostre analisi, ma è bene capire come si formano, che nome hanno e soprattutto quando possiamo fidarci.

Come si formano le nuvole

La formazione delle nuvole è data dall’ incontro di aria calda con aria fredda, sono il prodotto del brinamento del vapore acqueo contenuto nell’ atmosfera. Quando si formano agglomerati di miliardi di queste goccioline appare visibile la nuvola di un tipico colore bianco dovuto all’elevata capacità di riflessione della luce fra il 60% e il 85% sulla superficie di queste goccioline.
Sono costituite sostanzialmente da molecole di acqua allo stato solido o allo stato liquido a seconda delle temperatura che le circonda.
A temperature al di sopra di 0 °C le nuvole risultano costituite da minuscole particelle di acqua, con temperature inferiori ai – 40°C invece formano dei cristalli di ghiaccio. A temperature comprese tra i – 40 e lo 0°C possono mischiarsi particelle di acqua a cristalli di ghiaccio. Le goccioline possono formare precipitazioni solo quando diventano sufficientemente grandi e pesanti da cadere giù dalla nuvola.

Il principale responsabile della maggior quantità delle precipitazioni alle medie latitudini si chiama processo Bergeron Findelsen nel quale le goccioline d’acqua sopraffuse e cristalli di ghiaccio in una nuvola interagiscono per formare un rapido accrescimento del cristallo di ghiaccio

Cosa sono le nuvole

Due sono le forme caratteristiche di una nube, stratificate o a sviluppo verticale (Cumuliformi). Le nuvole stratificate si presentano schiacciate o compresse, invece le nuvole cumuliformi sono più allungate, queste due forme sono ulteriormente divise in dieci generi, quattordici specie e nove varietà.
Un’altra classificazione più scientifica sta nel riconoscere la nube in funzione della sua altezza rispetto al suolo. Per calcolare l’ altezza di una nube si utilizza un strumento detto “nefoipsometro”, strumento che certamente non farà mai parte delle nostre dotazioni di bordo per costi e dimensioni. Da secoli chi va per mare utilizza un sistema per riconoscere le nuvole detto “a vista”, cioè confrontare l’altezza della base delle nuvole rispetto a dei punti noti, di cui si conosce l’altezza. Allora utilizzando tale sistema faremo una prima analisi basandoci su tre famiglie:

Classificazione delle nuvole

  1. Famiglia A -Le nubi comprese tra i 50 e i 2000 metri sono dette “nubi basse”
  2. Famiglia B -Le nubi comprese tra i 2000 e i 6000 metri sono dette “nubi medie”
  3. Famiglia C -Le nubi al di sopra dei 6000 metri sono dette “nubi alte”
    Ovviamente in mare aperto il tutto diventa più difficile per l’assenza di riferimenti, allora riconoscere i principali gruppi di nuvole a volte può essere importante per “salvare” la giornata o il weekend in mare.

nuvole

Nel 1803 l’inglese Howard nella sua pubblicazione “L’evoluzione delle nubi” studiò per primo tale fenomeno definendo 4 gruppi di nubi come: Cirrus, Status, Cumulus e Nembus. Questi nomi tuttora sono utilizzati nella forma italiana come cirri, strati, nembi e cumuli cioè le forme principali di nubi che è bene conoscere.

I tipi di nuvole

I cirri si presentano a forma di piuma, ricciolo o virgola; il colore è generalmente bianco e può essere più o meno brillante, se si osservano all’ alba o al tramonto Distinguere i cirri di bel tempo: alti in cielo, si spostano lentamente, hanno una forma irregolare ed estensione limitata. I cirri di cattivo tempo sono disposto parallelamente e ricoprono il cielo, quando si avvicina la depressione si muovono ad alta velocità.

Gli strati sono nubi molto basse, si notano talvolta a pochi metri sull’orizzonte, grigie, con la base estesa ed uniforme, non raggiungono mai altezze superiori ai 300 metri. Si possono presentare in banchi od oscurare completamente il cielo, e spesso sono di origine orografica (derivano dalla nebbia che si origina dal suolo). Dato il loro limitato spessore, non danno quasi mai origine a fenomeni particolari, se non ad una riduzione di visibilità quando la base è molto vicina alla terra.

I cumuli hanno dimensioni diverse, piccole e rade, come si presentano generalmente lungo la costa o grosse a base orizzontale. Il loro colore è generalmente grigio alla base, la sommità invece è bianca accesa. Se si scorgono all’orizzonte bassi e piccoli e bianchi alla sommità sono nubi di bel tempo, se invece l’estensione verticale è più sviluppata e si presentano con colori grigi e neri allora il tempo può preludere a rovesci più o meno forti.

I nembi sono nubi medio-basse, generalmente grigio scure, difficilmente si potrà riconoscerne la base. All’ osservazione, il cielo si presenterà buio e tetro. Sono nuvole di cattivo tempo e, in relazione alla temperatura presente in zona, possono generare pioggie o nevicate.

SCALA DELLA NUVOLOSITÀ

La nuvolosità del cielo è misurabile in okta, con una scala che va da 0 a 9; ogni grado è identificabile con un colore:

0 okta (blu chiaro): nessuna nuvola in cielo
1 okta (giallo): nuvole rare e sparse
2 okta (magenta): nuvole sparse
3 okta (verde chiaro): nuvole sparse che hanno tendenza a raggrupparsi e accumularsi
4 okta (argento): metà del cielo è coperta da nuvole
5 okta (blu-nero): la maggior parte del cielo è coperta da nuvole
6 okta (marrone): cielo generalmente coperto
7 okta (grigio): cielo coperto con rare schiarite
8 okta (viola): cielo totalmente coperto
9 okta (rosso): cielo completamente invisibile (a causa di nebbia o neve).

Fai clic su una stella per votare il post!

Voto medio 5 / 5. Conteggio voti: 1

Nessun voto finora! Sii il primo a votare questo post.

Miglioreremo questo post!

Dicci come possiamo migliorare questo post?

Categories:
Web Editor : Marcello Guadagnino, biologo marino ed esperto di pesca professionale. Autore del Giornale dei Marinai

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi anche

Lampedusa. affonda barcone, 125 migranti salvati dalla Guardia Costiera
3 (2) Lampedusa 09.09.2021 – Questa mattina, alle prime luci dell’alba, 125 migranti sono stati
Concorso fotografico “Aliens in the sea” : progetto citizen partecipativo per la sensibilizzazione delle invasioni biologiche.
5 (1) Favorire forme innovative di ‘Citizen Science’ per accrescere la partecipazione dei cittadini. E’ questo
granchio zombie Sacculina carcini : il parassita che zombifica i granchi verdi
4 (4) Sacculina carcini è un piccolo crostaceo parassita del granchio verde Carcinus maenas e
Pesce in scatola: tutti i benefici delle conserve di pesce!
3.4 (8) Con un’economia che gira sempre più rapidamente oggi si puo’ trasportare il pesce
Barracuda-luccio-di-mare La differenza tra barracuda e luccio di mare
5 (4) Un tempo in Mediterraneo era presente solamente il luccio di mare (Sphyraena sphyraena),
Gli attrezzi da pesca del Mediterraneo
5 (1) Pesca industriale o artigianale, piccola pesca costiera oppure i grandi strascichi ? Quali
Il gamberetto di scogliera Il gamberetto di scogliera – Gen. Palaemon
4 (1) In Mediterraneo esistono diverse specie appartenenti al genere Palaemon, tutti soprannominati gamberetti di
Torpedine La Torpedine -Torpedo marmorata
5 (2) L’areale della Torpedine varia dal Mare del Nord dove è raro, al Golfo
Fotosub e ricerca : competizioni per lo studio della biodiversità ittica
5 (3) La biodiversità delle nostre coste presenta una distribuzione piuttosto eterogenea dal punto di
vacanze in barca a vela Vacanze in barca a vela : i 10 vantaggi
4.3 (7) Per molti la vela è più di una passione. È infatti un esercizio per il
GUARDIA COSTIERA: I RISULTATI DELL’OPERAZIONE COMPLESSA «NO DRIFTNETS» CONTRO LA PESCA ILLEGALE
3.9 (19) Il contrasto all’utilizzo delle reti da posta derivanti illegali è sempre stato uno
Datterari arrestati, l’Amp Punta Campanella:”Grande operazione, noi parte civile”
4.8 (5) Blitz nella notte da parte degli uomini della Guardia Costiera coordinati dalla Procura
Pesca sostenibile Pesca sostenibile : taglie minime e specie protette
4.5 (2) Questa guida presenta le principali specie ittiche catturate sulla costa italiana e gli
pennatula La pennatula rossa – Pennatula rubra
5 (1) La pennatula rossa è un antozoo a forma di alberello delle dimensione massime
Le Mangrovie
3.8 (4) Gli ecosistemi a Mangrovie sono sicuramente tra gli ecosistemi più produttivi del pianeta.
vermocane Quali sono gli animali più velenosi del Mediterraneo?
4.5 (11) In Mar Mediterraneo sono presenti almeno una cinquantina di animali velenosi . Tutti sono
pyrosoma Pyrosoma, il gigante gli oceani
3.7 (3) Nonostante le apparenze, il pyrosoma non è in realtà un gigantesco verme marino
nomi oceani CHI HA SCELTO IL NOME DEGLI OCEANI?
5 (1) Vi siete mai chiesti qual è l’origine del nome degli oceani? Come è stato possibile
Inquinamento: trote selvatiche dipendenti dalla metanfetamina
4 (1) Animali che si drogano (o che lo fanno non consapevolmente) Uno studio condotto
mal di mare Naupatia o mal di mare : cosa fare e come prevenire
5 (3) Classificato tra le cinetosi (malessere che si presenta durante un viaggio), il mal