Iceberg: mostri di ghiaccio in balia della corrente

Il Giornale dei MARINAI Biologia marina, NewsIceberg: mostri di ghiaccio in balia della corrente
0
(0)

Freddi e giganti mostri ghiacciati, gli Iceberg nascondono sotto la superficie del mare la loro vera natura. Come dei sottomarini che navigano in superficie, la parte visibile rappresenta solo il 10% di tutta la struttura.

Una volta gli Iceberg erano parte integrante di un ghiacciaio, staccandosi a causa del peso, di una frattura o dello stesso aumento della temperatura, diventano vere e proprie isole di ghiaccio destinate a spostarsi tra le fredde acque degli oceani freddi dalle correnti. La parola Iceberg significa letteralmente “montagna di ghiaccio“. Il nome deriva piu’ precisamente dall’olandese Ijsberg. Queste strutture di ghiaccio alla deriva, in passato,hanno  provocato tragedie in mare date dalle collisioni di navi ed imbarcazioni con tali strutture. La piu’ celebre e’ sicuramente la collisione con l’RMS TITANIC, la nave da crociera che navigava da Southampton sino a New York ed affondata il 15 aprile del 1912 al largo di Terranova.

Tutta una questione di densità.

Gli Iceberg nascondono la loro vera struttura: e’ celata infatti sotto la superficie ed e’ difficile immaginare la dimensione guardando solo la parte emersa.

Poiché la densità del ghiaccio puro è minore della densità dell’acqua di mare, l’Iceberg galleggia e circa il 90% del suo volume rimane sotto il pelo dell’acqua… e, lentamente, si scioglie. G. Rodari

Una volta staccatisi dal ghiacciaio madre, gli iceberg cominciano a galleggiare sulla superficie del mare o dei laghi. Il fenomeno che crea la frattura e’ chiamato calving, ed accade una volta che la parte finale del ghiacciaio comincia a galleggiare. Questo accade a causa delle correnti e delle mare dell’acqua sottostante che spingendo sulla grande massa provocano tali fratture. In Antartide, ogni hanno si staccano tra i 1450 ed i 2000 km3 di ghiaccio.

L’iceberg piu’ grande del mondo

subacquei-icebergLa letteratura scientifica parla di grandi masse ghiacciate alla deriva a partire dal 2012, sebbene in passato, in diversi racconti si narra di grandi Iceberg che hanno affondato navi e bloccato passaggi. Fu la tragedia del RMS TITANIC, avvenuta il 15 aprile del 1912 a dare la spinta alla Marina Americana per monitorare gli Iceberg. Fu nel 1913, che durante la Conferenza Internazionale sulla Sicurezza in Mare diede i natali alla International Ice Patrol (IIP), che aveva il compito di raccogliere dati metereologici e monitorare proprio gli Iceberg. In Antartico, nel 1956 la International Ice Patrol segnalo’ un Grande Iceberg delle dimensioni di 335 chilometri di larghezza per 97 chilometri di lunghezza, con una superficie di circa 31.000 km2 pari alla superficie di tutto il Belgio. Invece il piu’ grande Iceberg mai registrato in Atlantico fu il B-15, un grosso mostro ghiacciato alto quanto un edificio di 55 piani. B-15, si stacco’ dalla barriera di Ross nel 2000 e si frammento’ due anni dopo. La parte piu’ grande, il B15-A, sino al 2004 era ancora l4Iceberg piu’ grande del mondo sino a quando si frammento’ ancora in piu’ parti fondendosi poi con l’acqua del mare e scomparendo del tutto.

Il canto degli Iceberg

Quando un blocco di ghiaccio si scioglie, produce un suono spumeggiante denominato Bergie Seltzer: esso è dovuto alla liberazione delle bolle di aria compressa rimaste intrappolate negli strati di ghiaccio dell’iceberg.

Progetti mai realizzati

Durante la seconda Guerra Mondiale, l’esercito della Regina d’Inghilterra, porto’ avanti un progetto che prendeva il nome di Habakkuk  e che prevedeva l’utilizzo del ghiaccio degli Iceberg per costruire una portaerei inaffondabile per combattere gli U-Boot Tedeschi. Il progetto prevedeva circa 280.000 blocchi di ghiaccio mescolati a cellulosa, tenuto allo stato solido da un gruppo di 26 motori che avrebbe messo in funzione un potentissimo impianto refrigerante e avrebbe dato anche la spinta per muoversi sino a 18 Km/H.

Fai clic su una stella per votare il post!

Voto medio 0 / 5. Conteggio voti: 0

Nessun voto finora! Sii il primo a votare questo post.

Miglioreremo questo post!

Dicci come possiamo migliorare questo post?

Categories:
Web Editor : Marcello Guadagnino, biologo marino ed esperto di pesca professionale. Autore del Giornale dei Marinai

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Lampedusa. affonda barcone, 125 migranti salvati dalla Guardia Costiera
3 (2) Lampedusa 09.09.2021 – Questa mattina, alle prime luci dell’alba, 125 migranti sono stati
Concorso fotografico “Aliens in the sea” : progetto citizen partecipativo per la sensibilizzazione delle invasioni biologiche.
5 (1) Favorire forme innovative di ‘Citizen Science’ per accrescere la partecipazione dei cittadini. E’ questo
granchio zombie Sacculina carcini : il parassita che zombifica i granchi verdi
4 (4) Sacculina carcini è un piccolo crostaceo parassita del granchio verde Carcinus maenas e
Pesce in scatola: tutti i benefici delle conserve di pesce!
3.4 (8) Con un’economia che gira sempre più rapidamente oggi si puo’ trasportare il pesce
Barracuda-luccio-di-mare La differenza tra barracuda e luccio di mare
5 (4) Un tempo in Mediterraneo era presente solamente il luccio di mare (Sphyraena sphyraena),
Gli attrezzi da pesca del Mediterraneo
5 (1) Pesca industriale o artigianale, piccola pesca costiera oppure i grandi strascichi ? Quali
Il gamberetto di scogliera Il gamberetto di scogliera – Gen. Palaemon
4 (1) In Mediterraneo esistono diverse specie appartenenti al genere Palaemon, tutti soprannominati gamberetti di
Torpedine La Torpedine -Torpedo marmorata
5 (2) L’areale della Torpedine varia dal Mare del Nord dove è raro, al Golfo
Fotosub e ricerca : competizioni per lo studio della biodiversità ittica
5 (3) La biodiversità delle nostre coste presenta una distribuzione piuttosto eterogenea dal punto di
vacanze in barca a vela Vacanze in barca a vela : i 10 vantaggi
4.3 (7) Per molti la vela è più di una passione. È infatti un esercizio per il
GUARDIA COSTIERA: I RISULTATI DELL’OPERAZIONE COMPLESSA «NO DRIFTNETS» CONTRO LA PESCA ILLEGALE
3.9 (19) Il contrasto all’utilizzo delle reti da posta derivanti illegali è sempre stato uno
Datterari arrestati, l’Amp Punta Campanella:”Grande operazione, noi parte civile”
4.8 (5) Blitz nella notte da parte degli uomini della Guardia Costiera coordinati dalla Procura
Pesca sostenibile Pesca sostenibile : taglie minime e specie protette
4.5 (2) Questa guida presenta le principali specie ittiche catturate sulla costa italiana e gli
pennatula La pennatula rossa – Pennatula rubra
5 (1) La pennatula rossa è un antozoo a forma di alberello delle dimensione massime
Le Mangrovie
3.8 (4) Gli ecosistemi a Mangrovie sono sicuramente tra gli ecosistemi più produttivi del pianeta.
vermocane Quali sono gli animali più velenosi del Mediterraneo?
4.5 (11) In Mar Mediterraneo sono presenti almeno una cinquantina di animali velenosi . Tutti sono
pyrosoma Pyrosoma, il gigante gli oceani
3.7 (3) Nonostante le apparenze, il pyrosoma non è in realtà un gigantesco verme marino
nomi oceani CHI HA SCELTO IL NOME DEGLI OCEANI?
5 (1) Vi siete mai chiesti qual è l’origine del nome degli oceani? Come è stato possibile
Inquinamento: trote selvatiche dipendenti dalla metanfetamina
4 (1) Animali che si drogano (o che lo fanno non consapevolmente) Uno studio condotto
mal di mare Naupatia o mal di mare : cosa fare e come prevenire
5 (3) Classificato tra le cinetosi (malessere che si presenta durante un viaggio), il mal