Il Giornale dei MARINAI News,Uomini di mare Lisa Mondy: Io vittima di attacco di uno squalo bianco, vi spiego perché sono contraria agli abbattimenti.

Lisa Mondy: Io vittima di attacco di uno squalo bianco, vi spiego perché sono contraria agli abbattimenti.


0
(0)

La Wakeboarder Lisa Mondy, sopravvissuta all’attacco di uno squalo bianco spiega perché è contraria all’abbattimento di questi animali.

shark_attack_survival_hero_1702e2e-1702e2m

Lisa Mondy porta le cicatrici sul suo corpo di un attacco di uno squalo bianco.

Nonostante ciò non è mai riuscita ad odiare questi animali. Lisa racconta che nel 2011, ha passato una giornata con dei colleghi di lavoro a fare del kite surf sulla spiaggia di Jimmy, nel nuovo Galles del Sud. Racconta di essersi accorta che la sua tavola non era più’ legata ai suoi piedi e di cercarla tra le acque cristalline della spiaggia. Ad un tratto uno squalo bianco di circa 4 metri sbuca dall’acqua, colpendola più’ volte con il muso fino ad averla stretta nelle sue fauci. Ma lo squalo aveva già pranzato e non ferrò le mascelle. Lisa rimase in acqua, in una chiazza di sangue enorme, fino a che i suoi amici non la tirarono fuori dall’acqua e la portarono in ospedale. Dopo mesi di riabilitazione Lisa ritornò alla sua vita, segnata sia fisicamente che psicologicamente da quel giorno.

778096-lisa-mondy

Solamente dopo mesi di riabilitazione Lisa ritornò alla sua vita, segnata sia fisicamente che psicologicamente da quel giorno.

Ma nonostante ciò’ non approva le nuove norme “salva-bagnanti” promosse dal premier australiano  Colin Barnett, che per rendere sicure le spiagge ha ordinato l’abbattimento di qualsiasi squalo nuoti entro il mezzo miglio dalla costa.

Lisa afferma di capire le emozioni della gente, soprattutto di chi ha perso un caro sulle spiagge australi dovute ad attacchi di squali, ma crede fermamente che la loro esistenza nei mari della terra abbia un ruolo importante per mantenere in equilibrio l’intero ecosistema marino.

681740-shark-attack-victims

Lisa racconta anche di aver parlato con altre persone che hanno avuto la sua stessa disavventura, e tutti all’unanimità dicono di nutrire un profondo rispetto per questi animali, senza alcun rancore.

Ancora non ci sono delle chiare prove che gli abbattimenti rendano le spiagge piu’ sicure, sarebbe meglio che fossero i bagnanti a fare attenzione nel nuotare in acque dove il rischio di incontri potrebbe essere frequente.

1687517

Uccidere qualsiasi squalo passi per le coste dell’Australia è solo una reazione emotiva, priva di significato. Gli squali uccisi sino ad oggi sono stati piccoli di squalo tigre e squali toro, i quali erano fin troppo piccoli per sferrare attacchi mortali.

Sembra piu’ una vendetta, continua ancora Lisa, non un’azione programmata con delle basi scientifiche. Cosi le long-line piazzate su tutto il litorale uccidono non solo squali ma anche delfini, balene e foche, oltre ad aumentare la presenza di squali con tutta quella carne morta appesa agli ami. Come  sopravvissuto  mi sconvolge vedere questo accanimento verso gli squali, ed io porto le cicatrici di un incontro con un grande squalo bianco .

Fai clic su una stella per votare il post!

Voto medio 0 / 5. Conteggio voti: 0

Nessun voto finora! Sii il primo a votare questo post.

Miglioreremo questo post!

Dicci come possiamo migliorare questo post?

Cosa ne pensi ? Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi anche

Riparte l’Aula sul mare: un progetto di educazione ambientale e velica nell’Area Marina Protetta Isole EgadiRiparte l’Aula sul mare: un progetto di educazione ambientale e velica nell’Area Marina Protetta Isole Egadi

0 (0) “Isole Egadi”, il progetto L’AULA SUL MARE”, un progetto di formazione marinaresca e integrazione giovanile sviluppato dall’Associazione sportiva dilettantistica Oxygene. Partito come progetto pilota, grazie alla partecipazione dell’Istituto