Home Pesca sportiva Come pescare il gronco

Come pescare il gronco

2254
0
pesca congro
0
(0)

Come pescare il gronco: luoghi, tecniche e strategie

Il gronco è un pesce dal corpo fusiforme, maestoso e potente che sferra attacchi alla preda velocissimi sfruttando il buio delle tenebre.

Un suo morso puo’ recidere in due un pesce, ma spesso preferisce non perdere nulla ed ingoiare il suo pasto per intero. Lo scoviamo tra rocce e relitti, dove passa nascosto le ore di luce per poi andare a predare alle prime ore del buio. Dotato di una forte mascella e di tanti denti, questo pesce si ciba prevalentemente di molluschi e pesci.

Naturalmente una battuta per pescare il gronco deve affrontata principalmente di notte, quando il pesce esce dal suo rifugio. Le tecniche per catturalo sono molto simili, dipende soltanto da dove lo si insedia.

Come pescare il gronco dalla barca

Per la pescare il gronco dalla barca è utile munirsi di un buon ecoscandaglio ed andare a cercare punti prossimi a relitti o a zone rocciose dove sappiamo che si possono trovare anfratto o cunicoli.

L’unico elemento da non tralasciare è la robustezza delle attrezzature; questi pesci possono raggiungere anche i 2/3 metri di lunghezza ed arrivare a pesare anche 30 kg per cui una canna da bolentino potrebbe essere non adatta alla cattura di questo pesce.

Un solido e robusto terminale per la cattura del gronco deve essere essenziale. Il terminale deve  essere composto da un filo d’acciaio dello  lungo circa 50 centimetri e armato con amo Mustad.irlandese azzurro del numero 2/0 – 3/0. E’ utile rivestire il terminale con un tubicino di plastica per evitare che il gronco una volta ferrato, appena comincia a girarsi attorno al suo asse potrebbe lacerare il terminale sfregandolo contro le rocce.
Di grande importanza a questo punto diventa la girella che deve essere robusta e resistere alle torsioni.

Naturalmente anche il mulinello deve essere in condizione da poter recuperare una preda che non finirà di lottare sino a quando non sarà issato in barca.

L’esca da utilizzare per pescare il gronco

L’esca migliore rimane sempre la sardina

Non formalizzatevi troppo sulla scelta delle esche, un predatore del genere si getta a capofitto su tutto ciò che è commestibile, quindi sgombri, sardine e calamari sono apprezzatissimi.

*Una volta che il pesce abbocca comincia a ruotare attorno al suo asse e può facilmente liberarsi dall’amo.

Fai clic su una stella per votare il post!

Voto medio 0 / 5. Conteggio voti: 0

Nessun voto finora! Sii il primo a votare questo post.

GRAZIE !!!!! Aiutami a far crescere il blog, condividi l'articolo sui social !

Miglioreremo questo post!

Dicci come possiamo migliorare questo post?

Articolo precedenteUn messaggio in bottiglia …ricevuto dopo piu’ di 100 anni
Articolo successivoQuale pesce scegliere? Qual è il pesce che fa bene?
Web Editor : Marcello Guadagnino. Io sono Marcello, sono nato a Palermo ed ho vissuto a Marinella di Selinunte (Tp). Sono stato a contatto di pescatori sia sportivi che professionali che mi hanno dato la spinta dopo le scuole superiori a studiare biologia marina per poi terminare gli studi con un master in gestione della fascia costiera e delle risorse acquatiche nelle Marche. Oggi vivo in Francia a Montpellier dove mi occupo di pesca. Rimango sempre in contatto con la mia Sicilia dove torno spesso in particolare in estate dove mi aspetta la mia barca. Qui a Montpellier pratico tanta pesca sportiva, faccio subacquea, vado in barca e la sera quando si spengono le luci del giorno mi dedico al giornale dei marinai andando alla ricerca di news, articoli, guide per cercare di sensibilizzare il grande pubblico sui temi legati al mare.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui