La vongola verace


La vongola verace o Tapes decussatus (e non come erroneamente riporta il Decreto Ministeriale 27/3/2002 sull’ etichettatura dei prodotti ittici, Tapes decussata), è ormai scomparsa dalle nostre tavole.

La specie alloctona Tapes philippinarum ha completamente occupato l’areale di distribuzione della  specie autoctona. La vongola filippina viene quindi commercializzata come vongola verace, ma in realtà si tratta di una specie ben distinta, molto simili morfologicamente alla verace. Il Decreto suddetto riporta il nome Tapes semidecussatus, per indicare la vongola filippina, ma in realtà questa è diffusamente conosciuta come Ruditapes semidecussatus, quindi il legislatore ha commesso un errore. Molluschi di una stessa specie possono avere diversi nomi scientifici (R. semidecussatus e V. japonica) e si possono, quindi, fregiare di ben due distinte denominazioni commerciali, vale a dire “vongola verace” e, rispettivamente “vongola giapponese”. In altri casi si parla di vongola verace filippina, soprattutto nella zona del Polesine.     Dal punto di vista biologico la specie Tapes philippinarum sopporta notevoli variazioni di salinità ed è molto resistente a fenomeni  di anossia, al parassitismo, alla competizione e, soprattutto, il suo  periodo riproduttivo si prolunga per un tempo doppio rispetto a  quello della Tapes decussatus. In soli due anni raggiunge una dimensione notevole, ben 40 mm., contro i tre anni necessari alla verace.

NOME SCIENTIFICO: Tapes decussatus (Linneo, 1758)

NOME VOLGARE:  Vongola verace, cappa, venere incrocicchiata, caparozzolo (Veneto), carpet shell o cross cut carpet shell (Inglese), clovisse, palourde (Francese), teppichmuschel (Tedesco), almeja (Spagnolo), chàvaro (Greco).

Caratteristiche della vongola verace

Solida conchiglia con colore esterno bianco-grigio, giallastro e interno bianco-giallastro. La riproduzione avviene tra luglio e agosto. E’ un organismo filtratore, si nutre prevalentemente da organismi del fitoplancton e da piccole particelle di materia organica. Molto diffusa nelle lagune è la specie target dell’ alto-medio Adriatico.

La pesca delle vongole

La vongola verace selvatica viene pescata dalle «vongolare», imbarcazioni dotate di draghe idrauliche o turbosoffianti che catturano le vongole (e tutti gli altri organismi presenti) penetrando il fondale sabbioso di qualche cm e avanzando. La pesca delle vongole veraci è effettuata con un rastrello a mano, essendo vietata la raccolta con draghe turbosoffianti.

Web Editor : Marcello Guadagnino. Io sono Marcello, sono nato a Palermo ed ho vissuto a Marinella di Selinunte (Tp). Sono stato a contatto di pescatori sia sportivi che professionali che mi hanno dato la spinta dopo le scuole superiori a studiare biologia marina per poi terminare gli studi con un master in gestione della fascia costiera e delle risorse acquatiche nelle Marche. Oggi vivo in Francia a Montpellier dove mi occupo di pesca. Rimango sempre in contatto con la mia Sicilia dove torno spesso in particolare in estate dove mi aspetta la mia barca. Qui a Montpellier pratico tanta pesca sportiva, faccio subacquea, vado in barca e la sera quando si spengono le luci del giorno mi dedico al giornale dei marinai andando alla ricerca di news, articoli, guide per cercare di sensibilizzare il grande pubblico sui temi legati al mare.

3 Commenti

  1. La scheda dovrebbe insistere maggiormente sulle differenze morfologiche tra le due specie (Tapes decussatus e tapes philippinarum) anche per tutelare il consumatore. Giusta e doverosa la nota sulla incredibile leggerezza ed estrema ignoranza del legislatore, sottolineata più avanti nel testo, che nel D.M. 27.3.2002 definisce il mollusco come “t. decussata”. Per dio, basta un vocabolario!

  2. La scheda dovrebbe insistere maggiormente sulle differenze morfologiche tra le due specie (Tapes decussatus e tapes philippinarum) anche per tutelare il consumatore. Giusta e doverosa la nota sulla incredibile leggerezza ed estrema ignoranza del legislatore, sottolineata più avanti nel testo, che nel D.M. 27.3.2002 definisce il mollusco come “t. decussata”. Per dio, basta un vocabolario! Cordiali saluti.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui