Le regole da rispettare del pescatore subacqueo. Disciplina regolamentata dal  decreto n° 1639/1968 e successivi.

La pesca subacquea è considerato un vero e proprio sport e regolamentato da un decreto che dalla sua approvazione è stato varie volte modificato. In Italia la pratica della pesca subacquea è aperta a tutti ma non esiste alcun tipo di formazione per informare i pesca-sportivi su cosa è vietato e cosa no. In questo articolo cercherò di essere esaustivo e di mettervi al corrente sulla regolamentazione della pesca subacquea, sia dal punto di vista prettamente legislativo ma anche etico e morale.

Per essere considerato un pescatore subacqueo il Mipaaf (Ministero delle politiche agricole ) ha emesso nel 2010 un decreto che obbligo chiunque svolga la pesca in apnea a registrasi al censimento dei pescatori sportivi con il rilascio di una ricevuta da tenere sempre con se durante lo sport praticato. Naturalmente una ricevuta di carta è difficile da portate con se in acqua, pertanto basta averla in macchina o comunque con voi nel borsone o con altri documenti.

Le importanti regole da rispettare per i pescatori subacquei

Limite di 5Kg di pesce procapite

Ogni pescatore non puo’ catturare piu’ di 5 kg di pesce. Tale regola vale anche per i pescatori sportivi. Si considera che ogni pescatore possa pescare sino ad un massimo di 5 Kg di pesce a meno che non vi sia una preda che superi i 5 Kg. Solo in questo caso allora il pescatore subacqueo ha diritto ad aumentare il peso del carniere. Nel caso il pescatore avesse già catturato ad esempio 2 Kg di pesce e poi peschi un esemplare da 7 Kg allora la battuta di pesca deve essere interrotta. Considerando che il pescatore abbia pescato 9 Kg in questo caso rimane in regola e non è sottoposta a nessuna multa da parte delle autorità.

Divieto di pesca di crostacei e molluschi

I crostacei ed i molluschi (che non siano polpi, seppie e calamari) non possono essere catturati. In pratica si possono catturare soltanto i  molluschi cefalopodi. Dimenticate quindi astici, aragoste e magnose. Ad esempio per queste ultime in particolare, vista la loro scarsa presenza in Mediterraneo, la Sardegna ha vietato anche la cattura e lo sbarco da parte della pesca professionale.

E’ vietata la raccolta di coralli e datteri di mare e da qualche tempo anche delle oloturie di mare. Per i ricci di mare invece vige un regolamene differente in base alle regioni. Nei periodi di apertura della pesca al riccio di mare è consentita la raccolta di un massimo di 50 esemplari pro capite.

500 metri dai bagnanti e 100m da imbarcazioni di pesca professionale e da attrezzi da pesca

Le distanze sono importantissime da rispettare. Il divieto di pescare tra i bagnanti è assoluto e in caso di bagnanti che si avvicinano, deve essere il pescasub ad allontanarsi anche se si trova in una zona dove c’è molto pesce. Inoltre è vietata la pesca nei lidi e nelle acque delle spiagge attrezzate. La pesca in zone protette che siano riserve marine o parchi naturali è assolutamente vietata. Ricordate che la pesca sub è uno sport e pertanto i praticanti sono obbligati a rispettarne le regole.

Ricordate di mantenervi a debita distanza da attrezzi da pesca professionale. Almeno 100m da reti palamiti e nasse. Oltre ad arrecare un danno ai pescatori professionali potreste rischiare seriamente di rimanere impigliati nelle reti o nel cordame. Voi siete sportivi, i pescatori professionali stanno lavorando !

Stessa cosa vale per la pesca in zone portuali. Assolutamente vietata in zone di mare di regolare transito di navi per l’uscita o l’entrata nei porti ed ancoraggi.

La distanza deve anche essere rispettata in merito alla boa segna sub. Sono 50 metri, e questa distanza deve essere rispettata al massimo. Ogni anno infatti sono tantissimi gli incidenti che avvengono in mare. Spesso tali incidenti avvengono anche a pochi metri dalla boa a causa di diportisti disattenti o poco pratici. Perché rischiare la vita ?

Caricate e sparate solo in acqua

Il fucile deve essere caricato in acqua e lontano dai bagnanti. Un fucile carico fuori dall’acqua infatti ha una potenza maggiore e potrebbe essere un arma molto pericolosa anche contro voi stessi.

Non pescare la notte

La pesca subacquea notturna è vietata. L’utilizzo di fonti luminose infatti permette di catturare i pesci più facilmente. La pesca sub è autorizzata dall’alba al tramonto

Le bombole sono per i subacquei

La pesca con le bombole è assolutamente vietata nel 80% dei mari e degli oceani del pianeta. Diversamente dagli altri paesi della Comunità Europea si possono trasportare nello stesso mezzo nautico attrezzature per le immersioni e fucili da pesca purché non siano ami utilizzati insieme.

Almeno 16 anni per l’utilizzo del fucile

Il fucile deve utilizzato soltanto da pescatori che abbiano compiuto almeno i 16 anni di età.

Ritrovamento di oggetti bellici, relitti o oggetti di interesse storico

In questo caso il pescatore è obbligato a chiamare la Guardia Costiera per segnalare i ritrovamenti.

La Cernia

Le cernie in Italia si possono catturare se superino la misura minima consentita. In ogni caso è consentita la cattura di un solo esemplare al giorno per pescatore.

Le multe

Ecco cosa si rischia a non rispettare le regole e superare la cattura pro capite massimale disposta dal Mipaaf

Oltre 5 kg e fino a 10 kg di pescato una sanzione amministrativa pecuniaria compresa tra 500 e 3.000 euro

Oltre 10 kg e fino a 50 kg di pescato una sanzione amministrativa pecuniaria compresa tra 2.000 e 12.000 euro

Oltre 50 kg di pescato una sanzione amministrativa pecuniaria compresa tra 12.000 e 50.000 euro

Anche se queste regole possono starvi strette state certi che sono state fatte per salvare la vostra vita e quella di altri bagnanti oltre a proteggere le specie marine in pericolo.

Ultimo ma non importante dettaglio. E’ assolutamente vietata la vendita proveniente dalla pesca sportiva. 

2 Commenti

  1. C’è un errore. Si può trasportare una bombola insieme ai fucili, purché non superi i 10 litri, in più deve esserci nel caso si trasporti la suddetta bombola, un barcaiolo è una cima adatta a soccorrere il pescatore in apnea.

  2. La legge sulle distanza è a mio avviso molto sbagliata…..ok per quanto riguarda lidi e bagnanti vicino…ma stare a 500metri tra barche e acquascooter….e da suicidio

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui