La ricciola


La ricciola, dal nome scientifico di Seriola dumerili è un pesce che vive ad una profondità compresa tra 20 m (giovanili) e 70 m (adulti). E’ una specie carnivora, che negli stadi giovanilie si nutre prevalentemente di alghe e policheti, mentre in età adulta preferisce cibarsi di specie pelagiche, in particolare di clupeidi. La prima maturità sessuale della ricciola viene raggiunta quando gli animali hanno un peso corporeo di 8-10 kg e raggiungono la lunghezza di circa 113 cm.

Il periodo della riproduzione va dalla fine di maggio alla prima metà di luglio.  Nel periodo degli amori la ricciola si sposta in acque più calde, più adatte ai rituali sessuali e alla deposizione delle uova. Le ricciole sono solite sostare in prossimità delle coste, in particolare a ridosso di secche sabbiose o di falesie imponenti.

accrescimento-annuale-esemplari-adulti-di-ricciola La ricciola
Accrescimento ponderale Ricciola.

La pesca della ricciola

In passato, e anche se in maniera minore ancora oggi, sono soliti farsi trovare a questo appuntamento i pescatori i frodo, chiamati anche bombaroli, per via dell’ utilizzo assolutamente illegale di ordigni esplosivi. Le bombe vengono gettate in mare e man mano che esse affondano affonda richiamano l’attenzione di questi grossi pelagici, che si avvicinano  inconsapevoli. Dopo alcuni secondi la bomba esplode compiendo una vera strage. La maggior parte dei pesci muore sul colpo ed affonda nelle profonde acque, mentre solo una piccola minoranza, quelle stordite dal boato, rimangono a galla. I pescatori con un supporto nautico ed un raffio sono lesti a recuperare le prede e a portarle a terra.

Caratteristiche della ricciola

Specie pelagica, la ricciola ha un corpo  ovale ed allungato, leggermente compresso, robusto, può raggiungere i due metri ed i 25 Kg di peso, anche se esemplari così grandi sono sempre piu’ rari. Bocca con piccoli denti ovunque. La colorazione è grigio-azzurra, argentea sul ventre. Una banda gialla decorre sui fianchi, così come una stria obliqua dagli occhi al capo. Al tatto risulta quasi liscia. Presenta 2 dorsali, la prima con 6-8 raggi spinosi e con una spina rivolta anteriormente, la seconda si prolunga sino quasi alla caudale. Questa è nettamente incisa, con i lobi appuntiti. La pinna anale è preceduta da due spine alloggiate in un solco. Gli adulti formano piccoli gruppi e cacciano attivamente pesci ed invertebrati. Si avvicina alle coste d’estate. Si avvicina alle coste d’estate durante la frega.

Pesca professionale della ricciola

La ricciola si pesca con reti da circuizione e da posta.

Pesca sportiva

Traina costiera, traina di fondo con il piombo guardiano

Diffusione

Diffusa in tutto il Mediterraneo e nell’Atlantico.

Allevamento della ricciola

Essendo una specie pelagica e soprattutto molto vorace, quindi sempre in movimento, la ricciola non si presta facilmente all’allevamento, anche per la notevole quantità di proteine necessarie alla sua crescita, che non rendono economica tale attività. Tuttavia si stanno svolgendo dei tentativi in Sicilia che lasciano prevedere diverse possibilità. È comunque facilmente adattabile alla vita in acquario. L’Aquarium di Alghero, fin dagli anni ’80, ha allevato delle piccole ricciole catturate in mare aperto ed aventi una taglia media di circa 1 kg di peso e circa 30 cm di lunghezza, e dopo pochi anni queste sono cresciute con successo fino a circa 20 kg di peso e circa 1 metro di lunghezza con un’alimentazione di solo pesce.

Vuoi votare questo post

Fai clic su una stella per votarle!

Voto medio / 5. Conteggio voti:

Nessun voto finora! Sii il primo a votare questo post.

Grazie

Aiutami a far crescere il blog, condividi l'articolo sui social !

Siamo spiacenti che questo post non sia stato utile!

Miglioreremo questo post!

Web Editor : Marcello Guadagnino. Io sono Marcello, sono nato a Palermo ed ho vissuto a Marinella di Selinunte (Tp). Sono stato a contatto di pescatori sia sportivi che professionali che mi hanno dato la spinta dopo le scuole superiori a studiare biologia marina per poi terminare gli studi con un master in gestione della fascia costiera e delle risorse acquatiche nelle Marche. Oggi vivo in Francia a Montpellier dove mi occupo di pesca. Rimango sempre in contatto con la mia Sicilia dove torno spesso in particolare in estate dove mi aspetta la mia barca. Qui a Montpellier pratico tanta pesca sportiva, faccio subacquea, vado in barca e la sera quando si spengono le luci del giorno mi dedico al giornale dei marinai andando alla ricerca di news, articoli, guide per cercare di sensibilizzare il grande pubblico sui temi legati al mare.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui