La ricciola e’ una delle prede di eccellenza della pesca a traina. Insediata con artificiali o con esca viva la ricciola rimane sempre un famelico predatore.

Le ricciole vengono pescate quasi esclusivamente con la pesca traina. Le ore migliori sono quelle che seguono il sorgere del sole, ma soprattutto bisogna  dedicarsi a questa pesca dopo un paio di giorni di bonaccia, infatti la ricciola dopo una perturbazioni è solita allontanarsi dalle acque costiere. I risultati migliori si ottengono trainando con un’esca viva come aguglia, cefali e sugherelli; con terminali che pescano  in prossimità del fondo ad una velocità mai superiore a 2 Nodi. Utile sarà allora praticare una pesca a traina costiera  per reperire le esche vive. Utilizzando esche artificiali come minnow o polipetti piombati o le matassine per le aguglie si potrà fare una buona scorta di esche che ci permetteranno di restare in pesca  più tempo possibile.

Azione di pesca alla ricciola

ricciola-seriola-dumerilii-300x247 La pesca della ricciola a traina
La ricciola è un pesce pelagico, grande nuotatore e predatore. Gli adulti si muovono in mare aperto, i giovani vivono nei pressi della costa;

La pesca alla traina alla ricciola sia con il vivo che con gli artificiali ci porta a percorrere decine di miglia prima di avere delle “toccate“. E’ bene regolare subito la distanza del terminale dalla barca, e soprattutto avere all’amo delle esche ancora in vita. Per tanto è bene avere in barca un contenitore per le esche vive munito di ossigenatore, utile a tenere vive  le esche reperite prima della battuta di pesca.

Quando si ha la prima allamata bisogna stare attentissimi  alle altre canne in quanto il pesce con le sue sfuriate può ingarbugliare la lenza provocandone la rottura. Anche se le attrezzature permettono di applicare una robusta resistenza è utile fare sfuriare il pesce all’amo durante le prime fughe, aspettare che cominci a stancarsi per poi cominciare l’azione di pompaggio e recupero.

Attrezzature per la pesca alla ricciola

Spesso si utilizza un monofilo di diametro tra 0,50 mm e 0,70 mm.  La ricciola e’ molto sospettosa e studia attentamente l’esca prima di attaccare, quindi è necessario utilizzare un monofilo di alta qualità. Una canna da 20/30 libre ed un mulinello a tamburo rotante, meglio se con frizione a leva tarata a circa il 70% del carico di rottura del monofilo. Per l’affondamento dell’esca, i metodi migliori sono il piombo guardiano e la palla di cannone montati a non meno di 15/20 mt dall’esca. Anche gli  artificiali quali calamari siliconati, piumette, testine piombate danno ottimi risultati, ovviamente con accorgimenti e velocità di traina diverse.

Web Editor : Marcello Guadagnino. Io sono Marcello, sono nato a Palermo ed ho vissuto a Marinella di Selinunte (Tp). Sono stato a contatto di pescatori sia sportivi che professionali che mi hanno dato la spinta dopo le scuole superiori a studiare biologia marina per poi terminare gli studi con un master in gestione della fascia costiera e delle risorse acquatiche nelle Marche. Oggi vivo in Francia a Montpellier dove mi occupo di pesca. Rimango sempre in contatto con la mia Sicilia dove torno spesso in particolare in estate dove mi aspetta la mia barca. Qui a Montpellier pratico tanta pesca sportiva, faccio subacquea, vado in barca e la sera quando si spengono le luci del giorno mi dedico al giornale dei marinai andando alla ricerca di news, articoli, guide per cercare di sensibilizzare il grande pubblico sui temi legati al mare.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui