Home Articoli sulla pesca e sull'alimentazione, mangiare pesce Cobia : la nuova frontiera della pesca sostenibile?

Cobia : la nuova frontiera della pesca sostenibile?

689
0
pesce cobia


Preda ambita della pesca sportiva oggi il pesce cobia sta pian piano conquistando i mercati ittici d’ Europa dopo aver già occupato un posto di rilievo nei banconi delle pescherie dei Caraibi.

La pesca intensiva ha spopolato i mari di tutto il mondo. Il mar Mediterraneo oramai è quasi un deserto sottomarino ed il pesce che troviamo sui banconi dei mercati proviene da allevamenti intensivi. Un esempio ne sono la Tilapia ed il Pangasio, due pesci allevati in Asia in condizioni  incompatibili con il loro benessere e soprattutto con la salute dei consumatori.

Oggi i mercati cercano di offrire prodotti ittici provenienti da allevamenti responsabili come il pesce Cobia. Il Cobia (Rachycentron canadum) è un pesce diffuso il Mar Rosso e nelle costiere tropicali e subtropicali. Un pesce con un profilo longilineo che puo’ raggiungere i 2 metri e pesare sino a 80 Kg. Rapido e muscoloso, il cobia è conosciuto come preda della pesca sportiva. 
Oggi il cobia viene allevato a scopo alimentare in allevamenti in mare aperto. Le carni hanno un buon sapore e sono consumate sia a filetti che affumicate.
Questo pesce pelagico solitario possiede delle carni delicate ricche di grassi Omega3, DHA e EPA.

Un pesce dal rapido accrescimento che viene allevato in ambienti naturali con cibo naturale e controllato.

Rachycentron-canadum-cobia-pesce Cobia : la nuova frontiera della pesca sostenibile?Cobia, il pesce del futuro ?

Potrebbe trattarsi di una soluzione per alleggerire il carico che ha la pesca professionale sugli stock ittici. Una specie in ottima stato di conservazione e che non soffre lo sforzo di pesca. Allevato o prelevato in mare, il pesce cobia in pochi anni rischia fortemente di ritrovarsi sul banco del vostro pescivendolo di fiducia.

Il Cobia in Mediterraneo

Specie non presente in Mediterraneo, il cobia è già stato pero’ segnalato lungo le coste di Israele nel 1986.

Web Editor : Marcello Guadagnino. Io sono Marcello, sono nato a Palermo ed ho vissuto a Marinella di Selinunte (Tp). Sono stato a contatto di pescatori sia sportivi che professionali che mi hanno dato la spinta dopo le scuole superiori a studiare biologia marina per poi terminare gli studi con un master in gestione della fascia costiera e delle risorse acquatiche nelle Marche. Oggi vivo in Francia a Montpellier dove mi occupo di pesca. Rimango sempre in contatto con la mia Sicilia dove torno spesso in particolare in estate dove mi aspetta la mia barca. Qui a Montpellier pratico tanta pesca sportiva, faccio subacquea, vado in barca e la sera quando si spengono le luci del giorno mi dedico al giornale dei marinai andando alla ricerca di news, articoli, guide per cercare di sensibilizzare il grande pubblico sui temi legati al mare.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui