Il Vermocane o verme di fuoco

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Email
vermocane

Il vermocane, dal nome scientifico di Hermodice carunculata è un polichete, un verme marino conosciuto anche con il nome di verme di fuoco o verme cane.

Sembra che il nome derivi dal fatto che gli antichi greci li descrivevano come animali con due sembianze, poteva infatti essere un cane che strisciava senza le zampe o semplicemente un verme infernale che abbaiava.

Il vermocane, sebbene sia una specie Mediterranea pian piano si sta spostando sempre piu’ verso nord, tanto da essere stato segnalato nella costa della Francia del Sud.

In Italia e specialmente in Sicilia e Calabria il vermocane lo trova facilmente su bassi fondali. Questo verme marino puo’ raggiungere facilmente i 25cm di lunghezza si nutre di organismi in decomposizione.

I subacquei ed i pescatori in apnea lo conoscono bene. Il vermocane infatti è dotato di setole urticanti che rilasciano aghi ad uncino. Il risultato dell’attacco di un vermocane è una dolorosa irritazione della pelle. Capita spesso tra i pescatori in apnea che sono alla ricerca di polpi o di ricci di toccare a mani nude un vermocane. Il dolore si acutizza rapidamente con forte prurito ed intorpidimento della mano. Lo stesso vale per i pescatori professionali che ogni tanto lo ritrovano nelle reti da posta.

Hermodice carunculata è una specie di verme marino appartenente alla famiglia Amphinomidae.

H. carunculata è un verme di grandi dimensioni, che può raggiungere i 30 centimetri di lunghezza. Ha un corpo sottile e allungato, . Il colore può variare dal marrone scuro al nero, con una serie di bande più chiare lungo il corpo.

Uno dei tratti distintivi di questo verme sono le setole. Il vermocane a ha una serie di setole spinose su tutto il corpo, che le conferiscono una consistenza ruvida. Queste setole sono spesso coperte da una sostanza appiccicosa che può irritare la pelle degli umani.

Hermodice carunculata è un verme che si può trovare in molti oceani del mondo, ma predilige acque calde e poco profonde. È stata segnalata in aree costiere della Florida, del Golfo del Messico, delle Bahamas, dei Caraibi, del Mediterraneo e dell’Oceano Indiano.

Il vermocane è un predatore attivo, che caccia altri animali marini come crostacei, molluschi e altri vermi. Grazie alle sue setole spinose, è in grado di catturare le prede e trascinarle nella sua tana, dove le divora.

Questa creatura è anche nota per essere molto resistente e adattabile. Può sopravvivere in acque con bassi livelli di ossigeno e tollerare temperature estreme. Inoltre, può rigenerare facilmente parti del corpo danneggiate o perse.

Il vermocane è considerato specie invasiva in alcune aree, dove può competere con altre specie autoctone per le risorse alimentari.

I rimedi della nonna per il vermocane

In caso di contatto con un vermocane la cosa migliore da fare è di eliminare i piccoli aculei conficcatisi nella pelle aiutandosi con una pinzetta o con del nastro adesivo ed applicare una pomata antistaminica per il dolore. In ogni caso io consiglio di andare alla guardia media o ad un pronto soccorso per scongiurare infezioni dovute dal contatto con un vermocane.

Le immagini nell’articolo sono state scattate tra le acque della Riserva dello Zingaro a Castellamare del Golfo ed a Marinella di Selinunte (Tp).

Clicca per votare questo articolo!
[Voti: 3 Media: 3.7]
Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Pinterest
Email
Tags :

Lascia un commento

Ultimi articoli
Le schede degli organismi marini