marinai

Cosa é la neve oceanica

0
(0)

La neve oceanica è una pioggia ininterrotta di detriti marini che cadono dagli strati superiori dell’acqua al fondo dell’oceano. Risultato dell’attività della zona fotica molto produttiva , è costituito da particelle abiotiche , vive o da necromasse (fango calcareo e siliceo dell’attività biologica della superficie, principalmente plancton).

La neve marina è una pioggia macroscopica di aggregati, costituita da detriti di origine organica o non organica . Nello specifico la composizione che comprende: piante e animali morti o morenti, protisti come le diatomee, scarti fecali, sabbia, e polveri inorganiche. I flocculi sono aggregazioni di particelle più piccole legate insieme da un muco, le particelle di un esopolimero trasparente. Questi aggregati crescono nel tempo e possono raggiungere diversi centimetri di diametro, viaggiando per diverse settimane prima di raggiungere il fondo dell’oceano.

Una fonte inesauribile di carbonio per le zone profonde.

Tuttavia, la maggior parte dei componenti organici della neve marina viene consumata da microrganismi , zooplancton e animali filtratori durante i primi 1.000 metri della loro discesa. Di conseguenza, la neve marina può essere considerata la base degli ecosistemi mesopelagici e bentonici: poiché la luce del giorno non li raggiunge, gli organismi che vivono a grandi profondità fanno molto affidamento sulla neve oceanica come fonte di energia. La piccola percentuale di neve non consumata nelle acque poco profonde viene incorporata nel fango che ricopre il fondale oceanico, dove si decompone, attraverso processi chimici naturali.

La quantità di neve oceanica varia con le fluttuazioni stagionali dell’attività fotosintetica e delle correnti oceaniche. È più importante in primavera quando i cicli riproduttivi di alcuni animali di acque profonde sono sincronizzati con esso, per trarne pieno vantaggio.

La neve marina inizia a interessare i microbiologi, proprio per le comunità microbiche ad essa associate. Una ricerca recente indica che i batteri trasportati possono scambiare informazioni genetiche con quelle che in precedenza erano viste come popolazioni isolate di batteri che vivevano sul fondo dell’oceano. In uno spazio così vasto potrebbero rimanere ancora specie sconosciute, tolleranti alle alte pressioni e alle temperature estreme, che potrebbero essere utili in bioingegneria e farmacia .

Il ruolo della neve marina nel ciclo del carbonio consente di ridurre di alcuni gradi l’effetto serra : il carbonio atmosferico sotto forma di CO2 fissato dal fitoplancton viene così trasportato verso i fondali oceanici dove rimane, secondo le ipotesi, fuori contatto con l’atmosfera per migliaia di anni. Prevedibili aumenti della temperatura oceanica possono portare alla stratificazione della colonna d’acqua, portando a un calo del sequestro del carbonio in acque profonde .

Immagine : Atlasobscura

Fai clic su una stella per votare il post!

Voto medio 0 / 5. Conteggio voti: 0

Nessun voto finora! Sii il primo a votare questo post.

GRAZIE !!!!! Aiutami a far crescere il blog, condividi l'articolo sui social !

Miglioreremo questo post!

Dicci come possiamo migliorare questo post?

Leggi anche

Strombolicchio

0 (0) Strombolicchio è un faro situato sulla costa nord-orientale dell’isola di Stromboli, nell’arcipelago delle Eolie. È uno dei fari più antichi e iconici d’Italia,

Leggi Tutto »
submarine shark

Mostri marini

1 (1) I mostri marini hanno affascinato gli esseri umani per millenni. Nelle storie e nei miti antichi, queste creature mostruose abitavano le profondità degli

Leggi Tutto »
Share :
Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi anche
Iscriviti alla newsletter