Il plancton animale e vegetale

Il plancton animale e vegetale

2447
0
CONDIVIDI

Plancton : i piccoli organismi che sono stati in grado di cambiare il mondo.

L’acqua di mare spesso cambia colore. Lungo la costa questo avviene a causa del fango e delle correnti turbolente che si rimescolano tra i banchi di sabbia. Poi c’è’ la luce solare: in base alla penetrazione della luce, il mare assorbe più o meno radiazioni e questo permette di vedere il mare sotto diversi colori. Ma uno dei veri responsabili dei cambiamenti di colore delle acque e’ il plancton.

Il Plancton: il vagabondo dei mari

Con la parola Plancton indichiamo solitamente gli organismi galleggianti animali o vegetali che non sono dotati di movimento proprio. Vanno dovunque l’acqua li trasporti e spesso nel loro insieme si ritrovano piccole meduse e larve di pesci e o di animali appartenenti al benthos. In ogni caso la popolazione di Plancton vegetale e’ superiore a quella animale. Generalmente c’è una specie predominante che ne determina il colore delle acque.plancton 1 682x500 - Il plancton animale e vegetale

Il plancton e gli andamenti stagionali

Con l’avvicendarsi  delle stagioni, una specie succede ad un’altra, provocando in questo modo i mutamenti di colore dell’acqua in una zona di mare più o meno vasta. Ma la composizione dell’acqua di mare non e’ identica ovunque. Ci sono differenze di temperatura e la luce non si irradia in maniera regolare. Tipi di acqua differenti non si mescolano facilmente per cui nei punti in cui si incontrano le correnti si notano nette linee di demarcazione. Il Plancton animale e vegetale celato sotto quelle acque blu o verdi può’ essere descritto soltanto con parola: magico, e se non fosse cosi minuscolo possiamo indicarlo come sufficientemente terrificante da poter interpretare il ruolo principale di un incubo.

Microscopi e lenti ad ingrandimento per osservarlo

moderno retino da plancton 598x400 - Il plancton animale e vegetale
Un moderno retino da plancton

Per studiare ed osservare il plancton animale e vegetale e’ sufficiente un retino adatto anche fatto in casa. Basta un telo di seta a cui possiamo legare un barattolo sul fondo che servirà da raccoglitore. Gettandolo in acqua e decidendo poi la profondità con un piombo possiamo raccogliere esemplari di plancton per osservarli al microscopio.

Il Plancton, l’energia della vita

la catena alimentare marina 700x175 - Il plancton animale e vegetale
la catena alimentare marina a partire dal plancton (produttori) sino ai grandi predatori pelagici (consumatori)

Per più di due miliardi di anni queste piccole cellule hanno prodotto ossigeno per il mare e per l’atmosfera e diventando di diritto la fonte di tutte le catene alimentari. Tutto il plancton è il cibo di piccoli crostacei (ad esempio i gamberetti) o di piccoli pesci, che, se mangiano del plancton vegetale, sono dei consumatori primari. Ma anche i gamberetti possono essere ingeriti da pesci come le sardine, che sono consumatori secondari; questi, a loro volta, può essere predati dal tonno, che in questo caso è il consumatore terziario.

La pesca delle aringhe ed il plancton.

la grande pesca delle aringhe - Il plancton animale e vegetale
la grande pesca delle aringhe

 

Durante la grande pesca delle aringhe che avviene nel mare del nord, un brulicare di pesci (si considera più di 3 miliardi soltanto lungo la costa dell’Inghilterra) consumano tanto fitoplancton in una stagione quanto ne possano consumare tutti gli erbivori dell’Inghilterra in 50 anni. Se le aringhe fossero animali da pascolo in breve tempo divorerebbero tutti i vegetali che l’Inghilterra e’ capace di produrre. Dunque la terraferma non sarebbe capace di produrre la quantità di cibo necessari per la vita in mare.

Plancton e fitoplancton

*Il fitoplancton o plancton vegetale galleggia in prossimità della superficie perché’ ha bisogno di luce per la propria sopravvivenza. Utilizza questa fonte di energia per convertire l’anidride carbonica ed acqua in carboidrati ed ossigeno.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO