Polignano a Mare


Polignano a Mare, un tuffo nel mare più blu.

Polinsea, questo l’antico toponimo della cittadina pugliese di origine greca, sorge su un altopiano roccioso a picco sul mare Adriatico, solcato da una profonda lama, come tante che caratterizzano il territorio della regione.

Poco distante dal capoluogo, ha sempre goduto di una posizione geografica strategica, protesa fra Oriente ed Occidente, ha rappresentato un punto d’incontro tra il mare e la terra, crocevia di popoli e  culture diverse che si sono succedute nel corso dei secoli: Arabi, Bizantini, Spagnoli e Normanni che hanno lasciato tracce indelebili del loro passaggio.

Il fenomeno carsico delinea il paesaggio della provincia di Bari fatto di lame e gravine.

La morfologia del suolo di Polignano a Mare presenta numerose grotte, alcune marine, già utilizzate in epoca preistorica per gli insediamenti umani. Alcune di esse sono visitabili solo via mare, altre hanno raggiunto un grande interesse turistico come la spettacolare Grotta Palazzese, famosa per le sue acque verdi-azzurre. Essa è costituita da due anfratti principali, una cavità di circa 30 metri di diametro e 30 metri di altezza comunica con una seconda grotta più piccola e più aperta sul mare; attraverso una scaletta è possibile affacciarsi su una balconata artificiale e godere della vista sul mare e sulla grotta; ma vanno ricordate anche la suggestiva Grotta delle Rondinelle, la grotta Ardito, la g. delle Monache, la g. Valentini e tante altre.

La famosa scalinata di Polignano a Mare
La famosa scalinata di Polignano a Mare

 

Tutta la costa a falesia rappresenta con molta probabilità la fascia superiore di una scarpata tettonica retrocessa e rimodellata dall’azione del mare e da altri processi morfo-dinamici. Da un punto di vista morfogenetico l’origine e l’età della falesia sono molto diverse da quelle delle superfici immediatamente sovrastanti, la falesia è il risultato dell’azione demolitrice del mare e dei crolli conseguenti, mentre le superfici sovrastanti sono delle forme relitte, interpretabili come dei terrazzi marini.

Ben conservato il centro storico di Polignano a Mare, attraverso un dedalo di viuzze, tra case e cortili imbiancati di calce, si giunge quasi inaspettatamente, su terrazze a strapiombo sul mare con panorami mozzafiato.

Polignano a Mare
Una barca nel porto di Polignano a mare.

A Polignano a Mare d’estate è un pullulare di turisti locali e non,  tra negozi di souvenir, locande, bar, ristoranti, atelier di artisti, mostre di pittura,  profumi di focaccia calda, di polpo arrosto o di fritture di pesce appena pescato, è facile perdersi alla ricerca dello scorcio più romantico o pittoresco da immortalare. Proprio da una di queste meravigliose terrazze si lanciano ogni estate decine e decine di tuffatori in occasione del Campionato mondiale di tuffi. Si lanciano nel blu del cielo e del mare, si librano nell’aria, gettandosi nel vuoto da un’altezza di circa 27 metri. Si tratta di uno sport estremo: “Cliff diving”, “Tuffi da grandi altezze”,  in tutto il mondo i praticanti sono pochissime decine. I migliori specialisti disputano il Campionato del Mondo che si svolge in forma itinerante.

La statua Modugno Polignano a Mare
La statua Modugno Polignano a Mare

Polignano a Mare è stata patria di artisti come Pino PascaliDomenico Modugno,  che nella sua  “Volare” ha sublimato la sua città natale per sempre.

Replica

Please enter your comment!
Please enter your name here