La rana pescatrice – Lophius piscatorius

Il Giornale dei MARINAI I pesci del Mediterraneo, Organismi mariniLa rana pescatrice – Lophius piscatorius
4.2
(6)

La rana pescatrice inverte i ruoli e da preda diventa pescatore.

La rana pescatrice vive su fondali sabbiosi o fangosi a profondità elevate. Anche se possiamo ritrovarla dai 30 metri in poi, ama vivere tra le tenebre degli abissi dove con pazienza aspetta che le sue prede “abbocchino” al suo “amo”.

La rana pescatrice, nome scientifico Lophius piscatorius, e’ diffusa nel Mare del Nord, in Atlantico, in Mediterraneo e nel Mar Nero. Raggiunge i 2 metri di lunghezza e puo’ pesare sino a 60 Kg. Il suo aspetto fisico non le rende giustizia. Considerato un mostro degli abissi, la rana pescatrice e’ dotata di una bocca assai grande rivolta verso l’alto. I denti della rana pescatrice sono acuminati, capaci di serrarsi e tranciare di netto la preda.

La rana pescatrice e la sua “canna da pesca”

illicio-rana-pescatrice

Per predare la rana pescatrice ha evoluto una tecnica di caccia avanzata. Dopo aver scavato il fondale ed essersi infossata per nascondersi, lascia l’illicio sporgere sul fondo, “sventolato” dalla corrente marina. Grazie ad un’appendice che si trova sulla testa chiamato Illicio, la rana pescatrice aspetta che la preda sia attirata da quest’appendice che funge da esca. Una volta che la preda, incuriosita, si avvicina la rana pescatrice spalanca la bocca ingoiando il malcapitato.

La riproduzione della rana pescatrice

La rana pescatrice si riproduce tra gennaio e giugno. La femmina deposita le uova in aggregati gelatinosi che diventano larve pelagiche in breve tempo.

La pesca della rana pescatrice

Anche se a volte puo’ essere preda dei palamiti di fondo, la rana pescatrice rimane catturata dalle reti a strascico. E’ un pesce abbastanza facile da trovare al mercato, ma le dimensioni non sono quasi mai enormi, normalmente sui banconi si trovano esemplari dai 2 ai 5 Kg.

La pesca sportiva

Non e’ preda target della pesca sportiva ma a volte puo’ cadere in trappoli nei bolentini di profondità, soprattutto di notte, momento in cui la rana pescatrice va in caccia.

La rana pescatrice in cucina

Considerato come pesce pregiato per le sue carni bianche, la rana pescatrice viene commercializzata fresca congelata o surgelata. Il sapore delle carni puo’ variare in base alla dieta del pesce. Al mercato la possiamo anche trovare con il nome di coda di rospo.

Al mercato possiamo trovare la rana pescatrice a prezzi spesso altalenanti. In periodi di abbondanza il prezzo scende al di sotto dei 10 euro al Kg, ma puo’ facilmente arrivare a superare il 30 euro nei mercati del Nord Italia.

Curiosità: il “ruggito” della rana pescatrice

Sembra uno strumento musicale la rana pescatrice, che riesce a riprodurre ben 5 diversi tipi di suoni. il pesce pescatore, che vive in ambienti profondi riesce ad emettere ruggiti, fischi e grugniti. Questi suoni hanno incuriosito gli scienziati dell’ ISPRA, centro di ricerca portoghese che hanno provato a dare una spiegazione a questo fenomeno. Sarebbero i maschi ad emettere la maggior parte dei suoni, soprattutto nella stagione degli amori , forse un modo per farsi trovare dal partner nonostante la forte capacità mimetica della specie.
Una volta avvenuto l’accoppiamento e predisposto le uova nel nido, la femmina di rana pescatrice difende la progenie sino alla schiusa delle uova. Per evitare che qualche “malintenzionato” si avvicini ai nascituri, la mamma emette un suono che simile ad un ruggito allontana i predatori in caccia.

Il sistema “vocale” della rana pescatrice funziona come una cornamusa. E’ la vescica natatoria a far da cassa si risonanza e a dare vita ai suoni prodotti dalla rana pescatrice. Stesso metodo è utilizzato dalla corvina, che strofinando la vescica natatoria con le pareti dello stomaco emette dei suoni durante i rituali amorosi. Insomma, pur stando nascosta sotto la sabbia, la rana pescatrice riesce a “farsi sentire”.

Fai clic su una stella per votare il post!

Voto medio 4.2 / 5. Conteggio voti: 6

Nessun voto finora! Sii il primo a votare questo post.

Miglioreremo questo post!

Dicci come possiamo migliorare questo post?

Categories:
Web Editor : Marcello Guadagnino, biologo marino ed esperto di pesca professionale. Autore del Giornale dei Marinai

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi anche

Il granchio fantasma – Ocypode cursor
4 (2) Il granchio fantasma – Ocypode cursor è un piccolo granchio delle dimensioni massime
idrofono Monitoraggio acustico dei mammiferi marini
4 (1) I mammiferi marini, in particolare i membri dei due ordini Pinnipedi (foche) e
delfini drone I droni infastidiscono i delfini?
5 (1) Oggi sempre più droni sono utilizzati per riprendere immagini, fare foto, monitorare ma
Lampedusa. affonda barcone, 125 migranti salvati dalla Guardia Costiera
3 (2) Lampedusa 09.09.2021 – Questa mattina, alle prime luci dell’alba, 125 migranti sono stati
Concorso fotografico “Aliens in the sea” : progetto citizen partecipativo per la sensibilizzazione delle invasioni biologiche.
5 (1) Favorire forme innovative di ‘Citizen Science’ per accrescere la partecipazione dei cittadini. E’ questo
granchio zombie Sacculina carcini : il parassita che zombifica i granchi verdi
4 (4) Sacculina carcini è un piccolo crostaceo parassita del granchio verde Carcinus maenas e
Pesce in scatola: tutti i benefici delle conserve di pesce!
3.4 (8) Con un’economia che gira sempre più rapidamente oggi si puo’ trasportare il pesce
Barracuda-luccio-di-mare La differenza tra barracuda e luccio di mare
5 (4) Un tempo in Mediterraneo era presente solamente il luccio di mare (Sphyraena sphyraena),
Gli attrezzi da pesca del Mediterraneo
5 (1) Pesca industriale o artigianale, piccola pesca costiera oppure i grandi strascichi ? Quali
Il gamberetto di scogliera Il gamberetto di scogliera – Gen. Palaemon
4 (1) In Mediterraneo esistono diverse specie appartenenti al genere Palaemon, tutti soprannominati gamberetti di
Torpedine La Torpedine -Torpedo marmorata
5 (2) L’areale della Torpedine varia dal Mare del Nord dove è raro, al Golfo
Fotosub e ricerca : competizioni per lo studio della biodiversità ittica
5 (3) La biodiversità delle nostre coste presenta una distribuzione piuttosto eterogenea dal punto di
vacanze in barca a vela Vacanze in barca a vela : i 10 vantaggi
4.3 (7) Per molti la vela è più di una passione. È infatti un esercizio per il
GUARDIA COSTIERA: I RISULTATI DELL’OPERAZIONE COMPLESSA «NO DRIFTNETS» CONTRO LA PESCA ILLEGALE
3.9 (19) Il contrasto all’utilizzo delle reti da posta derivanti illegali è sempre stato uno
Datterari arrestati, l’Amp Punta Campanella:”Grande operazione, noi parte civile”
4.8 (6) Blitz nella notte da parte degli uomini della Guardia Costiera coordinati dalla Procura
Pesca sostenibile Pesca sostenibile : taglie minime e specie protette
4.5 (2) Questa guida presenta le principali specie ittiche catturate sulla costa italiana e gli
pennatula La pennatula rossa – Pennatula rubra
5 (1) La pennatula rossa è un antozoo a forma di alberello delle dimensione massime
Le Mangrovie
3.8 (4) Gli ecosistemi a Mangrovie sono sicuramente tra gli ecosistemi più produttivi del pianeta.
vermocane Quali sono gli animali più velenosi del Mediterraneo?
4.5 (11) In Mar Mediterraneo sono presenti almeno una cinquantina di animali velenosi . Tutti sono
pyrosoma Pyrosoma, il gigante gli oceani
3.7 (3) Nonostante le apparenze, il pyrosoma non è in realtà un gigantesco verme marino