Haenyeo, le donne del mare di Jeiu

Il Giornale dei MARINAI La pesca professionaleHaenyeo, le donne del mare di Jeiu
0
(0)

Le donne Haenyeo hanno ancora una struttura familiare matriarcale. Figlie di quella Korea del sud, che si evolve ad una velocità rapidissima, le Haenyeo rimangono legate  alla cultura ed al loro lavoro. E lo fanno da centinaia di anni.

Il termine Haenyeo è stato utilizzato per la prima volta nel 17° secolo, quando una grande migrazione partita dalla terra ferma portò in Giappone, e più esattamente nella Provincia di Jeiu, diverse popolazioni a stabilirsi sull’Isola.

In quel tempo erano gli uomini ad andar per mare: pescatori o marinai, il mare era legato ad una cultura  maschile come anche la gestione della famiglia.

Le donne invece, arrivate in Giappone con la migrazione, si avvicinarono al mare pian piano, raccogliendo dapprima i frutti di mare nella zona prossima alla costa. Col tempo questa attività divenne un vero e proprio lavoro.  Come dettato da un piccolo processo evolutivo, le Haenyeo si allontanarono sempre più dalla costa per ricercare il cibo. Un cibo che permetteva alle famiglie di sostentarsi, data l’abbondanza del conchigliame e dei molluschi in particolare sotto costa.

Le Haenyeo cominciarono quindi ad immergersi in acqua per raccogliere i frutti di mare, sino a quando arrivarono sull’isola le prime mascherine subacquee. Quel momento permise una rivoluzione nel lavoro delle “donne del mare”. Magre, piccole ma instancabili, le Haenyeo cominciarono ad immergersi in apnea, raccogliendo quanto più frutti di mare possibile. Si attrezzarono, investirono. Le prime mute, zavorre, retini ed arpioni fecero si che si sviluppasse un proprio circuito economico attorno a queste donne coraggiose.

Le Haenyeo a quel punto trasferirono il ruolo degli uomini a se stesse, compresa la gestione domestica e familiare, divenendo una società matriarcale. Sull’isola di Mara i ruoli uomo donna si sono invertiti. Sono adesso le donne a portare il denaro a casa mentre gli uomini si occupano dei figli.

Un evoluzione che ha fatto scontrare la stessa cultura coreana, dove la donna tradizionalmente svolgeva un ruolo minore nella società. Tanto che lo Stato Coreano cercò di frenare il lavoro di queste donne, ma senza successo.

Haenyeo

La tabella mostra come dal 1970 questo lavoro stia pian piano scomparendo

Tra la fine del 1970 e i primi anni del 1980, il Giappone cominciò ad esportare i frutti di mare come conchiglie, polpi e le grosse orecchie di mare (abaloni), portando un reddito nelle casse delle donne Haenyeo non indifferente. Allora le donne cominciarono a costruire case, mandare i figli a scuola e rendere ricca la provincia di Jeiu.

Un lavoro usurante che scompare

La cultura scolastica è diventata una minaccia per il mestiere che rese benestanti le donne Haenyeo. Le loro figlie scelsero di lavorare nel settore del turismo o di trasferirsi nelle grandi città portando ad una calo drastico nel numero delle “lavoratrici del mare”. Se nel 1950 le donne registrate con alla camera di commercio Giapponese erano circa 30.000, sull’isola adesso sono meno di 5000 a portare avanti questo mestiere destinato a scomparire. Gli ultimi dati del 2014 registrano poco meno di 4500 donne che continuano a fare questo mestiere, molte delle quali sono di età superiore ai 60 anni.

Fai clic su una stella per votare il post!

Voto medio 0 / 5. Conteggio voti: 0

Nessun voto finora! Sii il primo a votare questo post.

Miglioreremo questo post!

Dicci come possiamo migliorare questo post?

Categories:
Web Editor : Marcello Guadagnino, biologo marino ed esperto di pesca professionale. Autore del Giornale dei Marinai

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi anche

Lampedusa. affonda barcone, 125 migranti salvati dalla Guardia Costiera
3 (2) Lampedusa 09.09.2021 – Questa mattina, alle prime luci dell’alba, 125 migranti sono stati
Concorso fotografico “Aliens in the sea” : progetto citizen partecipativo per la sensibilizzazione delle invasioni biologiche.
5 (1) Favorire forme innovative di ‘Citizen Science’ per accrescere la partecipazione dei cittadini. E’ questo
granchio zombie Sacculina carcini : il parassita che zombifica i granchi verdi
4 (4) Sacculina carcini è un piccolo crostaceo parassita del granchio verde Carcinus maenas e
Pesce in scatola: tutti i benefici delle conserve di pesce!
3.4 (8) Con un’economia che gira sempre più rapidamente oggi si puo’ trasportare il pesce
Barracuda-luccio-di-mare La differenza tra barracuda e luccio di mare
5 (4) Un tempo in Mediterraneo era presente solamente il luccio di mare (Sphyraena sphyraena),
Gli attrezzi da pesca del Mediterraneo
5 (1) Pesca industriale o artigianale, piccola pesca costiera oppure i grandi strascichi ? Quali
Il gamberetto di scogliera Il gamberetto di scogliera – Gen. Palaemon
4 (1) In Mediterraneo esistono diverse specie appartenenti al genere Palaemon, tutti soprannominati gamberetti di
Torpedine La Torpedine -Torpedo marmorata
5 (2) L’areale della Torpedine varia dal Mare del Nord dove è raro, al Golfo
Fotosub e ricerca : competizioni per lo studio della biodiversità ittica
5 (3) La biodiversità delle nostre coste presenta una distribuzione piuttosto eterogenea dal punto di
vacanze in barca a vela Vacanze in barca a vela : i 10 vantaggi
4.3 (7) Per molti la vela è più di una passione. È infatti un esercizio per il
GUARDIA COSTIERA: I RISULTATI DELL’OPERAZIONE COMPLESSA «NO DRIFTNETS» CONTRO LA PESCA ILLEGALE
3.9 (19) Il contrasto all’utilizzo delle reti da posta derivanti illegali è sempre stato uno
Datterari arrestati, l’Amp Punta Campanella:”Grande operazione, noi parte civile”
4.8 (5) Blitz nella notte da parte degli uomini della Guardia Costiera coordinati dalla Procura
Pesca sostenibile Pesca sostenibile : taglie minime e specie protette
4.5 (2) Questa guida presenta le principali specie ittiche catturate sulla costa italiana e gli
pennatula La pennatula rossa – Pennatula rubra
5 (1) La pennatula rossa è un antozoo a forma di alberello delle dimensione massime
Le Mangrovie
3.8 (4) Gli ecosistemi a Mangrovie sono sicuramente tra gli ecosistemi più produttivi del pianeta.
vermocane Quali sono gli animali più velenosi del Mediterraneo?
4.5 (11) In Mar Mediterraneo sono presenti almeno una cinquantina di animali velenosi . Tutti sono
pyrosoma Pyrosoma, il gigante gli oceani
3.7 (3) Nonostante le apparenze, il pyrosoma non è in realtà un gigantesco verme marino
nomi oceani CHI HA SCELTO IL NOME DEGLI OCEANI?
5 (1) Vi siete mai chiesti qual è l’origine del nome degli oceani? Come è stato possibile
Inquinamento: trote selvatiche dipendenti dalla metanfetamina
4 (1) Animali che si drogano (o che lo fanno non consapevolmente) Uno studio condotto
mal di mare Naupatia o mal di mare : cosa fare e come prevenire
5 (3) Classificato tra le cinetosi (malessere che si presenta durante un viaggio), il mal