Home Notizie sul mare e sulla pesca Greenpeace: mezzo milione di rifiuti in plastica raccolti. Coca cola, Nestlé e...

Greenpeace: mezzo milione di rifiuti in plastica raccolti. Coca cola, Nestlé e pepsi i marchi

73
0
2.7
(7)


ROMA, 23.10.19 – La coalizione internazionale Break Free From Plastic, di cui fanno parte più di mille e ottocento organizzazioni, tra le quali Greenpeace, ha catalogato, per il secondo anno consecutivo, contenitori e imballaggi usa e getta raccolti nel corso di 484 attività di pulizia. Dal brand audit, condotto in 51 Paesi e sei continenti, risulta ancora una volta che la maggior parte dei rifiuti appartiene a Coca-Cola, Nestlé e PepsiCo.

Dalla catalogazione di quasi mezzo milione (476 mila) di rifiuti in
plastica da parte di più di 72 mila volontari, sono stati identificati
migliaia di marchi i cui imballaggi in plastica sono principalmente
monouso. In particolare, gli imballaggi in plastica usa e getta
appartenenti a Coca-Cola sono risultati i più comuni su scala globale, seguiti nell’ordine da Nestlé, PepsiCo, Mondelēz International, Unilever, Mars, P&G, Colgate-Palmolive, Phillip Morris e Perfetti Van Melle. In Italia Greenpeace ha condotto nove attività di pulizia e catalogazione dei rifiuti in plastica e tra i marchi più frequenti, così come evidenziato dall’iniziativa Plastic Radar, ci sono Coca Cola, San Benedetto, Nestlé e Ferrero.

«Questo lavoro conferma ancora una volta che le multinazionali devono fare molto di più per affrontare la crisi dell’inquinamento da plastica che hanno creato. La loro dipendenza dagli imballaggi in plastica monouso si traduce nell’immissione di quantità crescenti di plastica nell’ambiente, i cui impatti sono già oggi devastanti. Il riciclo da solo non è la soluzione, bisogna ridurre urgentemente la produzione di plastica usa e getta”, dichiara Von Hernandez, coordinatore globale della coalizione Break Free From Plastic.

I tre marchi a cui appartiene il maggior numero di imballaggi
identificati in tutto il mondo – Coca-Cola, Nestlé e PepsiCo – negli
ultimi mesi hanno più volte affermato di voler intervenire sul
problema ma all’atto pratico si sono affidati a false soluzioni come
evidenziato nel recente rapporto di Greenpeace “Il Pianeta usa e
getta. Le false soluzioni delle multinazionali alla crisi
dell’inquinamento da plastica”. Le soluzioni promosse da queste
multinazionali, che non prevedono la riduzione a monte della
produzione di packaging usa e getta, consentiranno loro di continuare a perpetuare un modello di business e di consumo insostenibile per il Pianeta.

“I recenti impegni di multinazionali come Coca-Cola, Nestlé e PepsiCo promuovono come sostenibili alternative come la carta o le bioplastiche che rischiano di generare ulteriori impatti su risorse naturali già eccessivamente sfruttate, come le foreste e i terreni agricoli. Per risolvere il problema dell’inquinamento da plastica, le grandi aziende devono ridurre drasticamente la produzione di usa e getta, investendo in sistemi di consegna dei prodotti basati sul riuso e sulla ricarica e che non prevedano il ricorso a packaging monouso” dichiara Giuseppe Ungherese, responsabile campagna inquinamento di Greenpeace.

Per spingere le grandi multinazionali a intervenire sul problema
dell’inquinamento da plastica, Greenpeace ha da tempo lanciato una petizione (no-plastica.greenpeace.it), sottoscritta da più di quattro milioni di persone in tutto il mondo, con cui chiede ai grandi marchi come Nestlé, Unilever, Coca-Cola, PepsiCo, Ferrero, San Benedetto e Danone di ridurre subito la produzione, investendo in sistemi di consegna alternativi che non prevedano il ricorso a contenitori e imballaggi in plastica e altri materiali monouso.

Fai clic su una stella per votare il post!

Voto medio 2.7 / 5. Conteggio voti: 7

GRAZIE !!!!! Aiutami a far crescere il blog, condividi l'articolo sui social !

Miglioreremo questo post!

Web Editor : Marcello Guadagnino. Io sono Marcello, sono nato a Palermo ed ho vissuto a Marinella di Selinunte (Tp). Sono stato a contatto di pescatori sia sportivi che professionali che mi hanno dato la spinta dopo le scuole superiori a studiare biologia marina per poi terminare gli studi con un master in gestione della fascia costiera e delle risorse acquatiche nelle Marche. Oggi vivo in Francia a Montpellier dove mi occupo di pesca. Rimango sempre in contatto con la mia Sicilia dove torno spesso in particolare in estate dove mi aspetta la mia barca. Qui a Montpellier pratico tanta pesca sportiva, faccio subacquea, vado in barca e la sera quando si spengono le luci del giorno mi dedico al giornale dei marinai andando alla ricerca di news, articoli, guide per cercare di sensibilizzare il grande pubblico sui temi legati al mare.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui