La Torpedine – Torpedo marmorata

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Email
torpedine

L’areale della Torpedine varia dal Mare del Nord dove è raro, al Golfo di Guinea nell’Atlantico. Presente nel Mediterraneo.

Si rinviene mediamente tra 2 e 100 m di profondità nel Mediterraneo, più spesso su zone sabbiose-fangose, praterie di posidonia o nascosta tra gli scogli dove riposa sulla sabbia.

La torpedine ha la forma circolare, può raggiungere 80 cm di diametro, 100 cm per gli individui più grandi. Ha una pinna caudale sviluppata che fornisce la propulsione per sbattimento e due pinne dorsali, la prima un po’ più sviluppata della seconda.
I suoi spiracoli, appena dietro gli occhi, sono provvisti sul loro bordo di lunghe papille (da sei a otto).
Il suo colore è generalmente screziato simile alla colorazione del marmo (Per tale motivo il nome marmorata) con disegni chiari o scuri su fondo dal beige al marrone scuro , a volte anche più o meno giallastro, verdastro o nerastro.

Cosa mangia

Specie predatrice per lo più di piccoli pesci bentonici, molto più raramente di crostacei (gamberi) e molluschi (seppie). Si avvicina alla sua preda e, una volta vicino, la paralizza con una scossa elettrica, prima di coprirla per divorarla. La torpedine ingoia la sua preda senza smettere di eseguire scosse elettriche.
A volte la scossa elettrica può essere tale da avere la capacità di recidere la spina dorsale del pesce di passaggio quando il pesce si contrae in stato di shock.

Torpedine

Riproduzione

Gli individui sono di sessi separati. Questa specie è vivipara, con un ciclo riproduttivo che dura 2 anni.
Il maschio possiede due organi di copulazione: gli pterigopodi (modificazione delle pinne pelviche). Al momento dell’accoppiamento ne userà uno solo per penetrare nella cloaca della femmina.
La fecondazione è quindi interna, e dopo una gestazione di 8-10 mesi, la femmina darà alla luce da due a trenta giovani alla volta. Più grande è la femmina, maggiore è il numero di piccoli.
Il periodo del parto varia a seconda della posizione geografica e si estende da ottobre a dicembre per gli individui che vivono nel Mediterraneo e da novembre a maggio nell’Atlantico.

Biologia

Questo pesce rimane spesso immobile sul fondo, più o meno ben interrato, e lascia che gli occhi sporgere per scrutare le prede, le torpedini sono attive soprattutto di notte.

Le scosse elettriche provocate da questa specie durano una frazione di secondo. La loro intensità è correlata alla taglia dell’individuo e vengono erogati grazie a specifici organi, a forma di fagiolo, situati nelle zone ispessite, ai lati della testa . Queste scariche possono raggiungere i 45 V.
La scarica elettrica è un atto volontario dell’animale. Può generare più scariche successive ma l’intensità degli impulsi diminuisce bruscamente quando si susseguono. Ci vorrà quindi, come una batteria elettrica, un certo tempo perché l’individuo ricarichi i suoi organi elettrici.
Il campo elettrico generato aiuta a localizzare, attaccare e stordire la preda, ma consente anche al pesce di difendersi.

Per produrre elettricità, la Torpedine dispone quindi di organi elettrici specializzati. Si tratta di strutture muscolari costituite in particolare da cellule chiamate elettrociti. Sono formati da colonne di dischi impilati dalla pelle della schiena a quella dello stomaco e legati tra loro da una sostanza gelatinosa.
I dischi sono collegati in serie e ciascuno di essi porta sulle facce cariche di segno opposto. Infatti, la superficie ventrale di questi dischi è carica negativamente, la faccia dorsale è positiva. Il collegamento in serie dei dischi permette di generare una notevole differenza di potenziale elettrico per un’intensità da 5 a 10 ampere e una frequenza fino a 600 hertz. Questo è un potenziale di membrana elettrochimico dello stesso tipo che può produrre qualsiasi cellula animale ma nelle torpedini è amplificato dalla grande concentrazione di canali ionici.

Avvicinarsi alle torpedini è abbastanza facile, ma attenzione alle scosse elettriche! Possono essere dolorose per gli esseri umani, anche se di solito sono innocue. Tuttavia, un esemplare di grandi dimensioni può causare uno shock che può portare a un incidente subacqueo.

Le scosse elettriche delle torpedini erano una volta utilizzate come trattamento terapeutico per superare gli shock epilettici. Anche i romani usavano questa capacità per curare i reumatismi.
Oggi le capacità elettriche di Torpedo marmorata, ed in particolare gli organi interessati ricchi di canali ionici, ne fanno una materia di studio privilegiata per le neuroscienze.

Clicca per votare questo articolo!
[Voti: 3 Media: 5]
Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Pinterest
Email
Tags :

Lascia un commento

Ultimi articoli
Le schede degli organismi marini