Home Notizie sul mare e sulla pesca Ritrovamento di una rara tartaruga liuto lungo la costa Emiliano-romagnola.

Ritrovamento di una rara tartaruga liuto lungo la costa Emiliano-romagnola.

100
0
Tartaruga liuto rimini
5
(3)


Ritrovamento eccezionale di tartaruga marina appartenente alla rarissima specie Dermochelys coriacea lungo la costa Emiliano-romagnola.

La mattina di martedì 22 ottobre la Fondazione Cetacea è stata allertata per un recupero davvero eccezionale di tartaruga marina: un motopeschereccio di Cesenatico, il MICHELA, aveva infatti catturato accidentalmente nelle proprie reti al largo di Ravenna una tartaruga marina di dimensioni ragguardevoli e dalle fattezze “particolari”. Dalle poche indicazioni ricevute non è stato difficile per gli esperti di Fondazione comprendere di ritrovarsi di fronte ad un evento unico nella storia degli interventi sulla fauna marina in Adriatico: il recupero di una “tartaruga liuto”, specie presente in piccolo numero nel Mediterraneo e che è possibile incrociare solamente in via quasi eccezionale nell’Alto Adriatico. Mai era capitato però di dover provvedere ad un recupero lungo le nostre coste. Una volta giunto il Michela in porto i veterinari della Fondazione hanno potuto visitare a bordo l’esemplare (di circa 140 cm di carapace, probabilmente una giovane subdulta di sesso femminile), che presentava qualche escoriazione superficiale a causa della cattura nelle reti.

Constatato il buono stato di salute dell’animale (battezzato “Priscilla”), in collaborazione con il motopeschereccio Michela e la Capitaneria di Porto di Cesenatico, Fondazione Cetacea ne ha organizzato il rilascio a tre miglia e mezzo dalla costa, estremamente difficoltoso viste le dimensioni e il peso (si suppone sui 300 kg) dell’esemplare, ma che si è concluso con un lieto fine che ha davvero emozionato tutti i presenti.

La tartaruga liuto (Dermochelys coriacea) è la tartaruga più grande del mondo. È l’unica specie del genere Dermochelys e della famiglia Dermochelyidae. La specie è considerata in pericolo critico di estinzione, tanto che la sua cattura è proibita anche in paesi che permettono la pesca di altre tartarughe. Il carapace è formato da piccole placche ossee disposte a mosaico, ricoperte da una pelle cuoiosa e liscia, spessa ma flessibile, tratto che in inglese le è valso il nome comune di leatherback turtle, ovvero tartaruga dorso di cuoio. Il suo colore è nerastro o bruno scuro con macchie chiare. Visita occasionalmente l’Adriatico ma predilige mari più caldi.

Fai clic su una stella per votare il post!

Voto medio 5 / 5. Conteggio voti: 3

GRAZIE !!!!! Aiutami a far crescere il blog, condividi l'articolo sui social !

Miglioreremo questo post!

Web Editor : Marcello Guadagnino. Io sono Marcello, sono nato a Palermo ed ho vissuto a Marinella di Selinunte (Tp). Sono stato a contatto di pescatori sia sportivi che professionali che mi hanno dato la spinta dopo le scuole superiori a studiare biologia marina per poi terminare gli studi con un master in gestione della fascia costiera e delle risorse acquatiche nelle Marche. Oggi vivo in Francia a Montpellier dove mi occupo di pesca. Rimango sempre in contatto con la mia Sicilia dove torno spesso in particolare in estate dove mi aspetta la mia barca. Qui a Montpellier pratico tanta pesca sportiva, faccio subacquea, vado in barca e la sera quando si spengono le luci del giorno mi dedico al giornale dei marinai andando alla ricerca di news, articoli, guide per cercare di sensibilizzare il grande pubblico sui temi legati al mare.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui