Da Policoro alleanza per le tartarughe marine

Il Giornale dei MARINAI La pesca professionaleDa Policoro alleanza per le tartarughe marine
0
(0)

Biologi, veterinari, ricercatori, staff e volontari WWF dei centri di recupero si sono dati appuntamento a Policoro, presso l’Oasi WWF (che ospita un importante Centro tartarughe) per fare il punto sul progetto Euroturtles e sulla nuova stagione estiva alle porte, come sempre fondamentale per questi rettili marini che da giugno in poi cominceranno a deporre le loro uova sotto la sabbia.
“Questa due giorni ha dimostrato come l’azione congiunta di chi fa ricerca, di chi si dedica al recupero degli esemplari che incappano in lenze e reti,  e chi fa divulgazione e sensibilizzazione verso il pubblico può portare a grandi risultati di conservazione per la Caretta caretta in Mediterraneo – ha dichiarato Isabella Pratesi, Direttore Conservazione del WWF Italia presente a Policoro.

La liberazione della tartaruga marina Valentina al largo di Policoro
© L.Agresti /WWF Italia

Gestione della pesca e sensibilizzazione dei pescatori,  tutela dei nidi e ricerca scientifica su questi straordinari rettili marini, per conoscerne meglio abitudini e spostamenti sono le azioni fondamentali che come WWF già svolgiamo e che implementeremo grazie al Progetto Euroturtles. Le tartarughe marine sono una specie altamente simbolica, ci siamo resi conto in questi anni di quanto la gente le ami, forse perché uniscono terra e mare. Basti dire che ogni anno centinaia di volontari partecipano ai campi di sorveglianza dei nidi organizzati dal WWF. Per questa specie il lavoro dei volontari puo’ davvero fare la differenza, come quando si organizzano vere e proprie staffette per portare gli animali in difficoltà ai centri di recupero”.
 “Le tartarughe – conclude la Pratesi – subiscono anche il nostro modello di sviluppo insostenibile, basti pensare alle plastiche che ogni anno vengono riversate in mare e finiscono spesso per essere ingerite da tartarughe marine e cetacei, con esiti spesso mortali”.
Il Progetto Europeo LIFE Euroturtles, di cui il WWF Italia è partner, si propone di realizzare “azioni collettive per implementare lo status di conservazione della popolazione europea di tartarughe marine”, e viene svolto nei seguenti paesi: Croazia, Cipro, Grecia, Malta, Slovenia e Italia, nelle regioni Puglia, Basilicata e Sicilia.
Daniela Freggi, Responsabile del Centro Recupero Tartarughe Marine di Lampedusa, ha raccontato a Policoro la storia di Homerus, la tartaruga che aveva subito un grave trauma e sembrava destinata a passare il resto dei suoi giorni in vasca, con le pinne posteriori inutilizzabili. Invece ce l’ha fatta. “L’abbiamo liberata a fine ottobre e la seguiamo con il satellitare, si trova ora nelle acque calde del Golfo di Gabes, in Tunisia, dove speriamo si alimenti e ritorni alla sua vita selvatica dopo 9 anni di convalescenza e cure nel nostro centro lampedusano. Un grande successo di tutta la famiglia del WWF e di cooperazione con la svizzera Octopus Foundation che ha permesso l’acquisto del trasmettitore. Volere è potere, e tutti insieme ce la possiamo fare: le tartarughe marine ci danno proprio questo segnale”

Fai clic su una stella per votare il post!

Voto medio 0 / 5. Conteggio voti: 0

Nessun voto finora! Sii il primo a votare questo post.

Miglioreremo questo post!

Dicci come possiamo migliorare questo post?

Categories:
Web Editor : Marcello Guadagnino, biologo marino ed esperto di pesca professionale. Autore del Giornale dei Marinai

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Lampedusa. affonda barcone, 125 migranti salvati dalla Guardia Costiera
3 (2) Lampedusa 09.09.2021 – Questa mattina, alle prime luci dell’alba, 125 migranti sono stati
Concorso fotografico “Aliens in the sea” : progetto citizen partecipativo per la sensibilizzazione delle invasioni biologiche.
5 (1) Favorire forme innovative di ‘Citizen Science’ per accrescere la partecipazione dei cittadini. E’ questo
granchio zombie Sacculina carcini : il parassita che zombifica i granchi verdi
4 (4) Sacculina carcini è un piccolo crostaceo parassita del granchio verde Carcinus maenas e
Pesce in scatola: tutti i benefici delle conserve di pesce!
3.4 (8) Con un’economia che gira sempre più rapidamente oggi si puo’ trasportare il pesce
Barracuda-luccio-di-mare La differenza tra barracuda e luccio di mare
5 (4) Un tempo in Mediterraneo era presente solamente il luccio di mare (Sphyraena sphyraena),
Gli attrezzi da pesca del Mediterraneo
5 (1) Pesca industriale o artigianale, piccola pesca costiera oppure i grandi strascichi ? Quali
Il gamberetto di scogliera Il gamberetto di scogliera – Gen. Palaemon
4 (1) In Mediterraneo esistono diverse specie appartenenti al genere Palaemon, tutti soprannominati gamberetti di
Torpedine La Torpedine -Torpedo marmorata
5 (2) L’areale della Torpedine varia dal Mare del Nord dove è raro, al Golfo
Fotosub e ricerca : competizioni per lo studio della biodiversità ittica
5 (3) La biodiversità delle nostre coste presenta una distribuzione piuttosto eterogenea dal punto di
vacanze in barca a vela Vacanze in barca a vela : i 10 vantaggi
4.3 (7) Per molti la vela è più di una passione. È infatti un esercizio per il
GUARDIA COSTIERA: I RISULTATI DELL’OPERAZIONE COMPLESSA «NO DRIFTNETS» CONTRO LA PESCA ILLEGALE
3.9 (19) Il contrasto all’utilizzo delle reti da posta derivanti illegali è sempre stato uno
Datterari arrestati, l’Amp Punta Campanella:”Grande operazione, noi parte civile”
4.8 (5) Blitz nella notte da parte degli uomini della Guardia Costiera coordinati dalla Procura
Pesca sostenibile Pesca sostenibile : taglie minime e specie protette
4.5 (2) Questa guida presenta le principali specie ittiche catturate sulla costa italiana e gli
pennatula La pennatula rossa – Pennatula rubra
5 (1) La pennatula rossa è un antozoo a forma di alberello delle dimensione massime
Le Mangrovie
3.8 (4) Gli ecosistemi a Mangrovie sono sicuramente tra gli ecosistemi più produttivi del pianeta.
vermocane Quali sono gli animali più velenosi del Mediterraneo?
4.5 (11) In Mar Mediterraneo sono presenti almeno una cinquantina di animali velenosi . Tutti sono
pyrosoma Pyrosoma, il gigante gli oceani
3.7 (3) Nonostante le apparenze, il pyrosoma non è in realtà un gigantesco verme marino
nomi oceani CHI HA SCELTO IL NOME DEGLI OCEANI?
5 (1) Vi siete mai chiesti qual è l’origine del nome degli oceani? Come è stato possibile
Inquinamento: trote selvatiche dipendenti dalla metanfetamina
4 (1) Animali che si drogano (o che lo fanno non consapevolmente) Uno studio condotto
mal di mare Naupatia o mal di mare : cosa fare e come prevenire
5 (3) Classificato tra le cinetosi (malessere che si presenta durante un viaggio), il mal