La clavellina – Clavelina oblonga

Set 30, 2020 By Marcello Guadagnino
5
(1)

La clavellina (Clavelina oblonga) è un’ascidia coloniale che vive in colonie da 10 a 20 individui grandi non più di 3cm. Le clavelline formano una palla vaporosa attaccata a substrati duri nei primi meri di acqua.  

Vive in Mediterraneo, Atlantico, Manica e Mare del Nord, sino ai Caraibi nei primi metri di acqua. La si trova abbondantemente negli stagni costieri, in aree portuali e su substrati artificiali come corde, relitti e qualsiasi altra struttura solida disponibile.

C. oblonga è originaria degli Stati Uniti sudorientali e dei Caraibi. 

La diffusione della clavellina è indubbiamente legata al traffico marittimo (acque di zavorra delle navi) e all’allevamento di molluschi (trasporto di ostriche).

Descrizione

 Gli individui detti zoidi  misurano da 1 a 3 cm di lunghezza e sono raggruppati in grappoli spesso ben sferici di 10-20 cm di diametro. Ogni bouquet è composto da diverse decine a diverse centinaia di zoidi.
Gli individui sono uniti da una base comune chiamata stolon.
Ogni zoide, a forma di campana con un lungo manico , è gelatinoso, traslucido e leggermente lattiginoso, rendendo difficile l’osservazione degli organi interni. Questi includono in particolare una struttura branchiale visibile punteggiata di nervature bianche.

clavellina
Fuori dall’acqua le colonie assumono l’aspetto di una massa compatta di piccole palline cartilaginee quasi trasparenti.

In alto si trova il sifone boccale  (ingresso acqua) mentre il sifone cloacale  (uscita acqua) è laterale e leggermente inferiore. Entrambi hanno il loro bordo macchiato di bianco .

Clavelina oblonga è un’ascidia coloniale fissa che ricorda un grappolo di campanule traslucide .

Alimentazione

L’acqua viene aspirata dal sifone di inalazione, viene poi filtrata in una faringe branchiale crivellata di piccole fessure e passa attraverso una grande cavità peribranchiale chiamata atrio prima di uscire attraverso il sifone espiratorio o il sifone cloacale. 

I rifiuti vengono evacuati dall’ano situato nel sifone cloacale.
Si nutre di fitoplancton , batteri e materia organica in sospensione.

Riproduzione

Clavelina oblonga ha un ciclo di crescita annuale che inizia in primavera, quando nuovi zoidi si sviluppano dalle larve che si sono formate in inverno. La produzione larvale si ha luogo da giugno a settembre, ed è seguita dalla scomparsa dei zoidi.
L’animale si sviluppa anche per moltiplicazione asessuata. Gli zoidi sono collegati tra loro da uno stolone. 

Biologia

Negli stagni e nelle lagune del Mediterraneo, la clavellina presenta uno sviluppo esplosivo dall’inizio dell’estate all’inizio dell’autunno prima di scomparire visivamente durante l’inverno. Questa specie invasiva può ostacolare seriamente la coltivazione di ostriche e cozze durante i mesi caldi.

Per più di 80 anni la clavellina é stata erroneamente considerata appartenente a una specie endemica  diversa da C. oblonga , con il nome di Clavelina phlegraea Salfi, 1929. Uno studio del 2016 (Ordóñez & col.) basato sulla morfologia e la genetica mostra inequivocabilmente che si tratta della stessa specie. Clavelina oblonga , originaria dei Caraibi, si è quindi stabilita nel Mediterraneo da quasi un secolo.

Fai clic su una stella per votare il post!

Voto medio 5 / 5. Conteggio voti: 1

Nessun voto finora! Sii il primo a votare questo post.

Miglioreremo questo post!

Dicci come possiamo migliorare questo post?