La clavellina – Clavelina oblonga

Il Giornale dei MARINAI I TunicatiLa clavellina – Clavelina oblonga
5
(2)

La clavellina (Clavelina oblonga) è un’ascidia coloniale che vive in colonie da 10 a 20 individui grandi non più di 3cm. Le clavelline formano una palla vaporosa attaccata a substrati duri nei primi meri di acqua.  

Vive in Mediterraneo, Atlantico, Manica e Mare del Nord, sino ai Caraibi nei primi metri di acqua. La si trova abbondantemente negli stagni costieri, in aree portuali e su substrati artificiali come corde, relitti e qualsiasi altra struttura solida disponibile.

C. oblonga è originaria degli Stati Uniti sudorientali e dei Caraibi. 

La diffusione della clavellina è indubbiamente legata al traffico marittimo (acque di zavorra delle navi) e all’allevamento di molluschi (trasporto di ostriche).

Descrizione

 Gli individui detti zoidi  misurano da 1 a 3 cm di lunghezza e sono raggruppati in grappoli spesso ben sferici di 10-20 cm di diametro. Ogni bouquet è composto da diverse decine a diverse centinaia di zoidi.
Gli individui sono uniti da una base comune chiamata stolon.
Ogni zoide, a forma di campana con un lungo manico , è gelatinoso, traslucido e leggermente lattiginoso, rendendo difficile l’osservazione degli organi interni. Questi includono in particolare una struttura branchiale visibile punteggiata di nervature bianche. 

clavellina
Fuori dall’acqua le colonie assumono l’aspetto di una massa compatta di piccole palline cartilaginee quasi trasparenti.

In alto si trova il sifone boccale  (ingresso acqua) mentre il sifone cloacale  (uscita acqua) è laterale e leggermente inferiore. Entrambi hanno il loro bordo macchiato di bianco .

Clavelina oblonga è un’ascidia coloniale fissa che ricorda un grappolo di campanule traslucide .

Alimentazione

L’acqua viene aspirata dal sifone di inalazione, viene poi filtrata in una faringe branchiale crivellata di piccole fessure e passa attraverso una grande cavità peribranchiale chiamata atrio prima di uscire attraverso il sifone espiratorio o il sifone cloacale. 

I rifiuti vengono evacuati dall’ano situato nel sifone cloacale.
Si nutre di fitoplancton , batteri e materia organica in sospensione.

Riproduzione

Clavelina oblonga ha un ciclo di crescita annuale che inizia in primavera, quando nuovi zoidi si sviluppano dalle larve che si sono formate in inverno. La produzione larvale si ha luogo da giugno a settembre, ed è seguita dalla scomparsa dei zoidi.
L’animale si sviluppa anche per moltiplicazione asessuata. Gli zoidi sono collegati tra loro da uno stolone. 

Biologia

Negli stagni e nelle lagune del Mediterraneo, la clavellina presenta uno sviluppo esplosivo dall’inizio dell’estate all’inizio dell’autunno prima di scomparire visivamente durante l’inverno. Questa specie invasiva può ostacolare seriamente la coltivazione di ostriche e cozze durante i mesi caldi.

Per più di 80 anni la clavellina é stata erroneamente considerata appartenente a una specie endemica  diversa da C. oblonga , con il nome di Clavelina phlegraea Salfi, 1929. Uno studio del 2016 (Ordóñez & col.) basato sulla morfologia e la genetica mostra inequivocabilmente che si tratta della stessa specie. Clavelina oblonga , originaria dei Caraibi, si è quindi stabilita nel Mediterraneo da quasi un secolo.

Fai clic su una stella per votare il post!

Voto medio 5 / 5. Conteggio voti: 2

Nessun voto finora! Sii il primo a votare questo post.

Miglioreremo questo post!

Dicci come possiamo migliorare questo post?

Categories:
Web Editor : Marcello Guadagnino, biologo marino ed esperto di pesca professionale. Autore del Giornale dei Marinai

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Lampedusa. affonda barcone, 125 migranti salvati dalla Guardia Costiera
3 (2) Lampedusa 09.09.2021 – Questa mattina, alle prime luci dell’alba, 125 migranti sono stati
Concorso fotografico “Aliens in the sea” : progetto citizen partecipativo per la sensibilizzazione delle invasioni biologiche.
5 (1) Favorire forme innovative di ‘Citizen Science’ per accrescere la partecipazione dei cittadini. E’ questo
granchio zombie Sacculina carcini : il parassita che zombifica i granchi verdi
4 (4) Sacculina carcini è un piccolo crostaceo parassita del granchio verde Carcinus maenas e
Pesce in scatola: tutti i benefici delle conserve di pesce!
3.4 (8) Con un’economia che gira sempre più rapidamente oggi si puo’ trasportare il pesce
Barracuda-luccio-di-mare La differenza tra barracuda e luccio di mare
5 (4) Un tempo in Mediterraneo era presente solamente il luccio di mare (Sphyraena sphyraena),
Gli attrezzi da pesca del Mediterraneo
5 (1) Pesca industriale o artigianale, piccola pesca costiera oppure i grandi strascichi ? Quali
Il gamberetto di scogliera Il gamberetto di scogliera – Gen. Palaemon
4 (1) In Mediterraneo esistono diverse specie appartenenti al genere Palaemon, tutti soprannominati gamberetti di
Torpedine La Torpedine -Torpedo marmorata
5 (2) L’areale della Torpedine varia dal Mare del Nord dove è raro, al Golfo
Fotosub e ricerca : competizioni per lo studio della biodiversità ittica
5 (3) La biodiversità delle nostre coste presenta una distribuzione piuttosto eterogenea dal punto di
vacanze in barca a vela Vacanze in barca a vela : i 10 vantaggi
4.3 (7) Per molti la vela è più di una passione. È infatti un esercizio per il
GUARDIA COSTIERA: I RISULTATI DELL’OPERAZIONE COMPLESSA «NO DRIFTNETS» CONTRO LA PESCA ILLEGALE
3.9 (19) Il contrasto all’utilizzo delle reti da posta derivanti illegali è sempre stato uno
Datterari arrestati, l’Amp Punta Campanella:”Grande operazione, noi parte civile”
4.8 (5) Blitz nella notte da parte degli uomini della Guardia Costiera coordinati dalla Procura
Pesca sostenibile Pesca sostenibile : taglie minime e specie protette
4.5 (2) Questa guida presenta le principali specie ittiche catturate sulla costa italiana e gli
pennatula La pennatula rossa – Pennatula rubra
5 (1) La pennatula rossa è un antozoo a forma di alberello delle dimensione massime
Le Mangrovie
3.8 (4) Gli ecosistemi a Mangrovie sono sicuramente tra gli ecosistemi più produttivi del pianeta.
vermocane Quali sono gli animali più velenosi del Mediterraneo?
4.5 (11) In Mar Mediterraneo sono presenti almeno una cinquantina di animali velenosi . Tutti sono
pyrosoma Pyrosoma, il gigante gli oceani
3.7 (3) Nonostante le apparenze, il pyrosoma non è in realtà un gigantesco verme marino
nomi oceani CHI HA SCELTO IL NOME DEGLI OCEANI?
5 (1) Vi siete mai chiesti qual è l’origine del nome degli oceani? Come è stato possibile
Inquinamento: trote selvatiche dipendenti dalla metanfetamina
4 (1) Animali che si drogano (o che lo fanno non consapevolmente) Uno studio condotto
mal di mare Naupatia o mal di mare : cosa fare e come prevenire
5 (3) Classificato tra le cinetosi (malessere che si presenta durante un viaggio), il mal