Maja squinado la granceola


La granceola è un granchio dal nome scientifico di Maja squinado.

Conosciuta anche con il nome di ragno di mare o ragno reale, la granceola possiede delle sottili zampe che utilizza per muoversi sul fondale. Vive in Mediterraneo, in Atlantico e nel Canale della Manica. In Italia la granceola viene pescata prevalentemente in alto adriatico con le nasse. Nella laguna di Venezia esistono anche dei piccoli allevamenti di granceole.  Granchio molto prelibato ed apprezzato in cucina, viene mangiato bollito o cucinato in zuppe.

Specie bentonica, la granceola si trova ovunque, su fondali rocciosi e sabbiosi, tra alghe o tra le praterie di posidonia, sino a 300/400 metri di profondità. I giovani crescono vicino alla costa, in baie sabbiose e fangose ​​tra la superficie e 20 m di profondità.

Il carapace della granceola può misurare fino a 25 cm di lunghezza e 18 cm di larghezza. È curvo e arrotondato. Negli individui più grandi, è leggermente più grande che lungo, mentre negli individui giovani la lunghezza è molto maggiore della larghezza.

Granceola Il granchio GranceolaVista dall’alto, il carapace ha una forma triangolare, arrotondata nella parte posteriore. L’addome non è visibile nella vista dorsale perché piegato sotto il cefalotorace.

Gli occhi sono completamente retrattili. Tra gli occhi è presente un rostro.

Di cosa si nutre la granceola?

Nella fase larvale si nutre principalmente di plancton, da adulti si cibano di stelle marine, ricci di mare, piccoli crostacei, e pesci morti.

La stagione riproduttiva dura da dicembre ad aprile. Nella granceola i sessi sono separati. Questi granchi riuniscono in gran numero durante la riproduzione formando una vera e propria piramide. Queste aggregazioni piramidali sembrano avere due vantaggi: incontrare un partner e proteggersi dai predatori.

Web Editor : Marcello Guadagnino. Io sono Marcello, sono nato a Palermo ed ho vissuto a Marinella di Selinunte (Tp). Sono stato a contatto di pescatori sia sportivi che professionali che mi hanno dato la spinta dopo le scuole superiori a studiare biologia marina per poi terminare gli studi con un master in gestione della fascia costiera e delle risorse acquatiche nelle Marche. Oggi vivo in Francia a Montpellier dove mi occupo di pesca. Rimango sempre in contatto con la mia Sicilia dove torno spesso in particolare in estate dove mi aspetta la mia barca. Qui a Montpellier pratico tanta pesca sportiva, faccio subacquea, vado in barca e la sera quando si spengono le luci del giorno mi dedico al giornale dei marinai andando alla ricerca di news, articoli, guide per cercare di sensibilizzare il grande pubblico sui temi legati al mare.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui