L‘uso consapevole del PET come pratica di rispetto dell‘ambiente

Il Giornale dei MARINAI Biologia marina, NewsL‘uso consapevole del PET come pratica di rispetto dell‘ambiente
0
(0)

È opinione comune, almeno in linea teorica, che tra gli obiettivi della ricerca scientifica ci sia il proposito di migliorare la vita della comunità ed incentivarne il progresso. Forse era proprio questo il desiderio di Nathaniel Wyeth, l’ingegnere americano che nel 1973 trovò nel PET il materiale ideale per l’imbottigliamento di bevande gasate, evitando il rischio di piccole esplosioni indesiderate.
Offrire al largo consumo un materiale economico e durevole nel tempo (nonché adatto ad una produzione di massa) poteva sembrare davvero allettante per una popolazione in costante crescita.
A questo iniziale boom dei consumi ne seguì un altro, e poi un’altro ancora, portando l’accumulo di bottiglie in plastica a livelli vertiginosi. Così la curva dei consumi divenne esponenziale e tutt’oggi sembra essere inarrestabile, tanto da indurci a pensare che la classica bottiglia in PET sia un elemento imprescindibile della nostra quotidianeità.

Proprio uno dei suoi maggiori pregi, la resistenza al deterioramento nel tempo, sembra essersi ritorto contro il pianeta – un esempio sono le numerose isole di plastica fluttuanti negli oceani.
In poco più di 4 decadi il PET ha messo a repentaglio un ecosistema sviluppatosi in millenni, creando un danno per il pianeta che solo adesso cominciamo davvero a comprendere. È proprio di quest’anno lo studio che ha creato molto sconcerto affermando che l’83% dell’acqua sgorgante dai nostri rubinetti è contaminata da microplastiche. Ma questo non salva affatto la bottiglia in PET da questa contaminazione, dato che spesso le fonti sono le stesse e l’esposizione prolungata al sole di casse d’acqua può aumentare la mole di particelle.
Lasciando ai ricercatori il tempo di rilevare le cause di questo problema, possiamo già identificare alcune delle vie principali che portano la plastica ad inficiare la qualità delle nostre acque.

PET, un mare di Plastica

Uno dei canali di maggior portata passa per il suolo, dato che le infiltrazioni provenienti dalle discariche (a volte insufficienti a contenere l’enorme mole di plastica depositata) generano un pericoloso rilascio di tossine nel terreno circostante. Queste sostanze nocive possono poi raggiungere falde acquifere e fiumi, da lì l’oceano.
A questo si aggiunge l’ingente quantità di oggetti in plastica semplicemente dispersi nell’ambiente, preda degli agenti atmosferici e accumulatisi al largo degli oceani negli anni.
Oltre che sull‘ambiente, questo processo di contaminazione si riversa tanto sulla fauna marina (inclusi i volatili) quanto sull‘uomo, andando ad immettere sostanze nocive nella catena alimentare.

Come ovviare a questo problema?
La strada è in salita, ma un primo passo sta in un consumo più consapevole della plastica. Quando possibile, effettuando test appositi in caso di dubbi, si può consumare l’acqua del rubinetto che, qualitativamente, non è inferiore a quella imbottigliata (dovendo sottostare a controlli più rigidi). Nonostante si sia già citato lo studio che incrimina l’acqua corrente come contaminata da plastica, va anche detto che è proprio l’uso smodato di plastica ad incrementare la possibilità di contaminazione. Se l’acqua del proprio domicilio è priva di queste microplastiche, l’alternativa al PET è più che attuabile.

Per avere una panoramica, con dati relativi al 2016, si può far riferimento a quest’infografica che TradeMachines ha di recente pubblicato per sensibilizzare i propri utenti riguardo il tema.
La plastica vive la sua forza come una condanna: nata per durare a lungo, ma acquistata per esser subito gettata via.

Fai clic su una stella per votare il post!

Voto medio 0 / 5. Conteggio voti: 0

Nessun voto finora! Sii il primo a votare questo post.

Miglioreremo questo post!

Dicci come possiamo migliorare questo post?

Categories:
Web Editor : Marcello Guadagnino, biologo marino ed esperto di pesca professionale. Autore del Giornale dei Marinai

2 thoughts on “L‘uso consapevole del PET come pratica di rispetto dell‘ambiente”

  1. Sergio Servadio ha detto:

    Una sola, marginale, osservazione di natura ‘scientifica’.
    Anche qui ho notato il libero uso dell’aggettivo ‘esponenziale’ per indicare una crescita vertiginosa. Sarebbe bene tener presente che la funzione esponenziale non è necessariamente crescente, ma può anche essere decrescente. Dipende dal suo argomento … .

  2. Sebastiano ha detto:

    Il ritorno al vuoto a rendere potrebbe contribuire a contenere il problema. Vuoto a rendere valido anche per i contenitori in pet. Altra via potrebbe essere quella di aumentare le casette delle acque, diversi comuni le stanno adottando con ottimi risultati. Ancora si potrebbe incentivare il mercato dello sfuso, dai legumi ai detersivi. Per non parlare infine di un migliore utilizzo della risorsa idrica incentivando sistemi di recupero e riutilizzo delle acque dalle abitazioni private agli hotel: ad esempio l’acqua che usiamo per la doccia potrebbe essere riutilizzata per lo sciacquone e via discorrendo. Le tecnologie ci sono, i mezzi pure come sempre ci vorrebbe un pò di volonta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi anche

delfini drone I droni infastidiscono i delfini?
5 (1) Oggi sempre più droni sono utilizzati per riprendere immagini, fare foto, monitorare ma
Lampedusa. affonda barcone, 125 migranti salvati dalla Guardia Costiera
3 (2) Lampedusa 09.09.2021 – Questa mattina, alle prime luci dell’alba, 125 migranti sono stati
Concorso fotografico “Aliens in the sea” : progetto citizen partecipativo per la sensibilizzazione delle invasioni biologiche.
5 (1) Favorire forme innovative di ‘Citizen Science’ per accrescere la partecipazione dei cittadini. E’ questo
granchio zombie Sacculina carcini : il parassita che zombifica i granchi verdi
4 (4) Sacculina carcini è un piccolo crostaceo parassita del granchio verde Carcinus maenas e
Pesce in scatola: tutti i benefici delle conserve di pesce!
3.4 (8) Con un’economia che gira sempre più rapidamente oggi si puo’ trasportare il pesce
Barracuda-luccio-di-mare La differenza tra barracuda e luccio di mare
5 (4) Un tempo in Mediterraneo era presente solamente il luccio di mare (Sphyraena sphyraena),
Gli attrezzi da pesca del Mediterraneo
5 (1) Pesca industriale o artigianale, piccola pesca costiera oppure i grandi strascichi ? Quali
Il gamberetto di scogliera Il gamberetto di scogliera – Gen. Palaemon
4 (1) In Mediterraneo esistono diverse specie appartenenti al genere Palaemon, tutti soprannominati gamberetti di
Torpedine La Torpedine -Torpedo marmorata
5 (2) L’areale della Torpedine varia dal Mare del Nord dove è raro, al Golfo
Fotosub e ricerca : competizioni per lo studio della biodiversità ittica
5 (3) La biodiversità delle nostre coste presenta una distribuzione piuttosto eterogenea dal punto di
vacanze in barca a vela Vacanze in barca a vela : i 10 vantaggi
4.3 (7) Per molti la vela è più di una passione. È infatti un esercizio per il
GUARDIA COSTIERA: I RISULTATI DELL’OPERAZIONE COMPLESSA «NO DRIFTNETS» CONTRO LA PESCA ILLEGALE
3.9 (19) Il contrasto all’utilizzo delle reti da posta derivanti illegali è sempre stato uno
Datterari arrestati, l’Amp Punta Campanella:”Grande operazione, noi parte civile”
4.8 (5) Blitz nella notte da parte degli uomini della Guardia Costiera coordinati dalla Procura
Pesca sostenibile Pesca sostenibile : taglie minime e specie protette
4.5 (2) Questa guida presenta le principali specie ittiche catturate sulla costa italiana e gli
pennatula La pennatula rossa – Pennatula rubra
5 (1) La pennatula rossa è un antozoo a forma di alberello delle dimensione massime
Le Mangrovie
3.8 (4) Gli ecosistemi a Mangrovie sono sicuramente tra gli ecosistemi più produttivi del pianeta.
vermocane Quali sono gli animali più velenosi del Mediterraneo?
4.5 (11) In Mar Mediterraneo sono presenti almeno una cinquantina di animali velenosi . Tutti sono
pyrosoma Pyrosoma, il gigante gli oceani
3.7 (3) Nonostante le apparenze, il pyrosoma non è in realtà un gigantesco verme marino
nomi oceani CHI HA SCELTO IL NOME DEGLI OCEANI?
5 (1) Vi siete mai chiesti qual è l’origine del nome degli oceani? Come è stato possibile
Inquinamento: trote selvatiche dipendenti dalla metanfetamina
4 (1) Animali che si drogano (o che lo fanno non consapevolmente) Uno studio condotto