Cosa vuol dire migrazione lessepsiana

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Email
migrazione-lessepsiana

La migrazione lessepsiana è la migrazione di specie marine attraverso il Canale di Suez , solitamente dal Mar Rosso verso il Mar Mediterraneo , e più raramente nella direzione opposta. Quando il canale di Suez fu completato nel 1869,molti organismi marini furono esposti a un contatto tra i due corpi idrici naturalmente separati e fu resa possibile la contaminazione incrociata tra ecosistemi precedentemente isolati . Il fenomeno si verifica ancora oggi. Prende il nome da Ferdinand de Lesseps, il diplomatico francese incaricato della costruzione del canale.

La migrazione di specie invasive attraverso il Canale di Suez dalla regione indo-pacifica è stata facilitata da molti fattori, sia abiotici che antropici , e presenta implicazioni significative per la salute ecologica e la stabilità economica delle aree contaminate; di particolare interesse è l’industria della pesca nel Mediterraneo orientale . Nonostante queste minacce, il fenomeno ha permesso agli scienziati di studiare un evento invasivo su larga scala in un breve periodo di tempo, che di solito richiede centinaia di anni in condizioni naturali.

In un contesto più ampio, il termine migrazione lessepsiana è utilizzato anche per descrivere qualsiasi migrazione animale facilitata da strutture artificiali, cioè che non si sarebbe verificata se non fosse stato per la presenza di una struttura artificiale.

pesce scorpione o pesce leone

Un esempio di migrazione lessepsiana è la presenza della fistularia (Fistularia commersonii) in Tunisia e Sicilia , o del pesce scorpione (Pterois volitans), entrambe specie tipiche del Mar Rosso. L’introduzione dell’alga Caulerpa racemosa nel Mediterraneo negli anni ’30 è un altro caso di migrazione lessepsiana. La sua espansione iniziale fu limitata alle coste dell’Egitto, della Turchia e della Tunisia. tuttavia, dal 1991 è proseguita la colonizzazione di C. racemosa verso occidente: Grecia, Croazia, Italia, Francia, Spagna.

Costruzione del canale di Suez

L’apertura del Canale di Suez ha creato il primo contatto di acqua tra il Mar Mediterraneo e il Mar Rosso. Costruito nel 1869 per avere una rotta commerciale dall’Europa all’India e all’Estremo Oriente, il canale è lungo 162,5 km con una profondità di 10-15 m e una larghezza variabile tra 200 e 300 m. 

Poiché la superficie del Mar Rosso è leggermente più elevata rispetto al Mediterraneo orientale, il canale funge da stretto di marea attraverso il quale l’acqua del Mar Rosso si riversa nel Mediterraneo. I Laghi Amari, che sono laghi naturali ipersalini che fanno parte del canale, hanno bloccato per molti decenni la migrazione delle specie del Mar Rosso nel Mediterraneo, ma man mano che la salinità dei laghi si è gradualmente eguagliata a quella del Mar Rosso, la barriera alla migrazione è stata rimossa e piante e animali del Mar Rosso hanno iniziato a colonizzare il Mediterraneo orientale.

I due Laghi Amari, il piccolo e il grande, si trovano lungo il canale di Suez. Il canale di Suez non ha dighe per cui l’acqua fluisce liberamente dal Mar Mediterraneo e dal Mar Rosso, rimpiazzando quella persa per evaporazione.

Il Mar Rosso, prolungamento dell’Oceano Indiano, è generalmente più salato e meno ricco di sostanze nutritive del Mediterraneo, prolungamento dell’Oceano Atlantico , per cui le specie del Mar Rosso, in grado di tollerare ambienti ostili, hanno vantaggi rispetto alle specie atlantiche nelle condizioni del Mediterraneo orientale. Di conseguenza, la maggior parte delle migrazioni tra i due corpi idrici sono invasioni di specie del Mar Rosso nel Mediterraneo e relativamente poche migrazioni avvengono nella direzione opposta. 

Impatti ecologici

Specie di ampio respiro nell’Atlantico orientale e nel Mediterraneo, l’ombrina boccadoro Argyrosomus regius è una specie indigena del Mediterraneo orientale ed era uno dei pesci commerciali più comuni . Dall’apertura del canale questa specie è quasi scomparsa, mentre la popolazione dello sgombro spagnolo Scomberomorus commerson, noto migratore lessepsiano, è notevolmente aumentata. Gli studi condotti su questo evento concludono che, a causa di storie di vita e diete simili, questo potrebbe essere un esempio di un migratore invasivo che supera una specie autoctona e occupa la sua nicchia. 

Invasori parassiti

L’invasione di nuove specie del Mar Rosso nel Mediterraneo ha anche facilitato l’invasione dei loro parassiti associati, ad esempio il copepode Eudactylera aspera, che è stato trovato su uno squalo tessitore, Carcharhinus brevipinna , prelevato al largo delle coste della Tunisia. Il copepode era stato originariamente descritto da esemplari prelevati da C. brevipinna al largo del Madagascar e il suo ritrovamento nel Mediterraneo ha probabilmente confermato lo status precedentemente contestato di C. brevipinna come migratore lessepsiano. Inoltre, i parassiti originari del Mar Rosso hanno dimostrato la capacità di utilizzare specie ittiche autoctone mediterranee correlate come ospiti alternativi ; ad esempio il copepode Nipergasilus bora era noto per parassitare i cefali Mugil cephalus e Liza carinata nel Mar Rosso, entrambi i taxa essendo stati registrati come migranti lessepsiani, ed è stato successivamente trovato parassitare i cefali mediterranei nativi Chelon aurata e Chelon labrosus .

Al contrario, l’invasione di questi parassiti può avere l’effetto di ridurre i vantaggi competitivi che gli invasori del Mar Rosso hanno nel Mediterraneo. Ad esempio, il granchio nuotatore dell’Indo-Pacifico Charybdis longicollis è stato registrato per la prima volta nel Mediterraneo a metà degli anni ’50 ed è diventato dominante nei substrati limosi e sabbiosi al largo della costa di Israele, costituendo fino al 70% della biomassa totale in questi habitat. Fino al 1992 nessuno degli esemplari raccolti era stato infettato dal parassita Heterosaccus dollfusi , ma in quell’anno furono raccolti alcuni granchi infetti. Il parassita è un cirripede che disinfesta il suo ospite . Nel giro di tre anni, il parassita si era diffuso nel sud della Turchia e il 77% dei granchi raccolti nella baia di Haifa è stato infettato. Questo rapido aumento e l’alto tasso di infezione sono attribuiti alla densità di popolazione estremamente elevata dell’ospite e alla riproduzione del parassita durante tutto l’anno. Un effetto di questo è stato che la popolazione del granchio nuotatore nativo del Mediterraneo Liocarcinus vernalis si è in qualche modo ripresa. [9]

Spostamenti

La triglia del Mar rosso, Upeneus moluccensis , è stata registrato per la prima volta nel Mediterraneo orientale negli anni ’30 e da allora si é stabilita in Mediterraneo con una popolazione abbondante. Dopo il caldo inverno del 1954-1955, è aumentata all’83% delle catture israeliane, sostituendo la triglia di scoglio autoctona. Le elevate temperature dell’acqua di quell’inverno insolitamente caldo possono aver portato alla scarsa sopravvivenza di novellame di triglia, che possono hanno permesso alla triglia tropicale di espandersi .

Migrazione antilessepsiana

Solo poche specie hanno colonizzato il Mar Rosso dal Mediterraneo, e queste sono indicate come migranti anti-lessepsiane. Poiché il flusso predominante del canale è da sud a nord, questo agisce contro il movimento verso sud delle specie mediterranee e, come detto sopra, il Mar Rosso ha una maggiore salinità, meno nutrienti e un biota molto più diversificato rispetto al Mediterraneo orientale. Alcuni dei migranti anti-lessepsiani come la stella marina Sphaerodiscus placenta si trovano solo in habitat specializzati come nella laguna di El  Bilaiyim, che si trova a 180 km a sud dell’ingresso meridionale del Canale di Suez, ma è molto più salmastro rispetto alle acque circostanti del Golfo di Suez .

La spigola : uno dei pochi migranti antilessepsiani

Tra le specie ittiche confermate come migratrici antilessepsiane vi sono la bavosa pavone ( Salaria pavo ), Solea aegyptiaca , la murena mediterranea ( Muraena helena ), il ghiozzo delle rocce ( Gobius paganellus ), la perchia ( Serranus cabrilla ), la spigola ( Dicentrarchus labrax ), e la spigola maculata ( Dicentrarchus punctatus ).

Clicca per votare questo articolo!
[Voti: 4 Media: 5]
Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Pinterest
Email
Tags :

Lascia un commento

Ultimi articoli
Le schede degli organismi marini