La stella gorgone – Astrospartus mediterraneus

Il Giornale dei MARINAI Gli echinodermiLa stella gorgone – Astrospartus mediterraneus
5
(2)

La stella gorgone Astrospartus mediterraneus, è un echinoderma bentonico e sedentario che vive tra i 30 ed i 500m di profondità. Abitante del coralligeno la stella gorgone la si ritrova spesso su gorgonie rosse o spugne.

Ripiegato all’indietro, l’ Astrospartus mediterraneus appare come un ammasso di appendici intrecciate e filiformi. La dimensione varia da 6 a 20 cm. Specie fotofobica (che non ama la luce), la stella gorgone vive in zone buie in corrispondenza di forti correnti. Le 10 braccia della stella sono ramificate più volte, quasi a sembrare più un corallo che un echinoderma.

Da notare che Astrospartus mediterraneus appartiene alla classe degli Ofiuridi (e non dei Crinoidi) la cui simmetria pentaraggiata si osserva sul disco centrale.

Astropartus mediterraneus è un filtratore microfago attivo che cattura particelle organiche e piccoli animali planctonici grazie alla rete circolare formata dalle sue braccia. 
L’Astropartus mediterraneus attende di aver catturato una quantità sufficiente di particelle di cibo per formare a spirale le sue braccia una dopo l’altra. Questo accade spesso al mattino presto dopo aver catturato le prede durante la notte.

Morfologia

Corpo costituito da disco pentagonale con un diametro di 6/8cm. Dal disco pentaraggiato si dipartono le 10 braccia che come già detto si ramificano sino a formare una fitta rete utile a frenare il viaggio di piccoli organismi planctonici.

La riproduzione

Questo animale è gonocorico . L’emissione dei gameti e la fecondazione avvengono in acqua, le larve inizialmente planctoniche si attaccano al substrato.

Origine del nome scientifico

Astrospartus : dal latino [aster] = stella; e [spartum] = sparto, una specie di giunco ​​o vimini

mediterraneus : dal latino [mediterraneus] = che vive in mediterraneo

Raro da incontrare in immersione, la stella gorgone non ama la luce ne tantomeno i flash delle macchine fotografiche. SI consiglia ai fotosub per tanto, durante le immersioni notturne, di ridurre l’illuminazione. Si consiglia di non disturbare questo animale che non si incontra frequentemente e che reagisce particolarmente alla luce, come a qualsiasi altro disturbo.
Durante le immersioni notturne, evitare di accende i fari direttamente o se possibile ridurre l’illuminazione.

Fai clic su una stella per votare il post!

Voto medio 5 / 5. Conteggio voti: 2

Nessun voto finora! Sii il primo a votare questo post.

Miglioreremo questo post!

Dicci come possiamo migliorare questo post?

Iscriviti alla newsletter del GDM

 

Loading
Categories:
Web Editor : Marcello Guadagnino, biologo marino ed esperto di pesca professionale. Autore del Giornale dei Marinai

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi anche

siluro giallo Curiosità : Uomo pesca un siluro di colore giallo in Olanda
3.7 (6) Eccezionale cattura per un pescatore olandese che ha portato fuori dall’acqua un pesce
Primo avvistamento di squalo balena in Mediterraneo
4 (45) Una notizia che sprima o poi sarebbe arrivata, uno squalo balena è entrato
spada israele cavalieri crociate templari Un subacqueo israeliano trova una spada appartenuta ad un crociato
3.6 (8) Un subacqueo israeliano ha scoperto una spada ancora intatta appartenuta a un cavaliere
Abusi nel campo della miticoltura: scattata all’alba l’operazione “Oro di Taranto”.
4 (18) Continua, senza sosta, l’attività della Guardia costiera di Taranto, delle Autorità locali e
plancton Il cambiamento climatico influenzerà negativamente le comunità planctoniche
5 (1) Le simulazioni suggeriscono che le interazioni tra le comunità di plancton (la miriade
Studio: 3.760 tonnellate di plastica ricoprono il Mar Mediterraneo
3.8 (4) Circa 3.760 tonnellate di plastica galleggiano attualmente sulla superficie del Mar Mediterraneo, una