Come si evolve l’acquacultura mondiale

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Email
Immagine di acquacultura sostenibile nel mare

La sostenibilità dell’acquacoltura è stata oggetto di intenso dibattito dal 2000, quando una revisione sul contributo netto dell’acquacoltura alle forniture mondiali di pesce è stata pubblicata su Nature. Questo documento analizza gli sviluppi dell’acquacoltura globale dal 1997 al 2017, incorporando tutti gli aspetti del settore e sottolineando l’integrazione dell’acquacoltura nel sistema alimentare globale. L’acquacoltura continentale, in particolare in Asia, ha contribuito maggiormente ai volumi di produzione globali e alla sicurezza alimentare.

Si sono verificati anche importanti progressi nell’efficienza alimentare dell’acquacoltura e nella nutrizione del pesce, riducendo il rapporto tra pesce in entrata e pesce in uscita per tutte le specie, sebbene la dipendenza dagli ingredienti marini nei mangimi persista e il ricorso a ingredienti terrestri sia aumentato. La coltura di molluschi e alghe è sempre più riconosciuta per i suoi servizi ecosistemici; tuttavia, la quantificazione, la valutazione e lo sviluppo del mercato di questi servizi rimangono rari.

Il potenziale di molluschi e alghe per sostenere la sicurezza alimentare globale è sottosfruttato. La gestione di agenti patogeni e parassiti rimane una sfida per la sostenibilità a livello di settore e gli effetti dei cambiamenti climatici sull’acquacoltura rimangono incerti e difficili da validare. Le pressioni sull’industria dell’acquacoltura per adottare misure di sostenibilità complete durante questo periodo di 20 anni hanno migliorato in molti casi la governance, la tecnologia, il posizionamento e la gestione.

Vent’anni fa, Nature pubblicò una recensione che caratterizzava l’acquacoltura come una possibile soluzione e un fattore contribuente al declino delle riserve ittiche a livello globale. All’epoca, il settore dell’acquacoltura commerciale era fiorente, mentre la produzione della pesca di cattura rimaneva stagnante. La produzione di pesce e crostacei d’allevamento (peso vivo) era quasi triplicata, passando da 10 milioni di tonnellate (Mt) nel 1987 a 29 Mt nel 1997, e circa 300 specie di animali, piante e alghe venivano allevate in tutto il mondo. Lo studio era basato sulle specie marine rispetto a quelle d’acqua dolce e ai molluschi e avvertiva che il contributo netto positivo dell’acquacoltura alle forniture mondiali di pesce non poteva essere sostenuto se il settore non avesse ridotto il suo utilizzo di pesce selvatico negli alimenti per pesci e il suo impatto ambientale.

Immagine di acquacultura

Nel 2017, l’acquacoltura ha fornito oltre 80 Mt di pesce e frutti di mare e 32 Mt di alghe, comprendendo circa 425 specie coltivate. Tre modelli principali di sviluppo dell’acquacoltura hanno caratterizzato il settore con la sua maturazione: continua crescita dell’acquacoltura d’acqua dolce; progressi nella nutrizione dei pesci, nella genetica e in tipi alternativi di mangimi che riducono l’uso di pesce selvatico nelle formulazioni di mangimi per pesci e coltivazione ampliata di bivalvi e alghe.

Nel 2017, l’acquacoltura ha fornito oltre 80 Mt di pesce e frutti di mare e 32 Mt di alghe, comprendendo circa 425 specie coltivate. Tre modelli principali di sviluppo dell’acquacoltura hanno caratterizzato il settore con la sua maturazione: continua crescita dell’acquacoltura d’acqua dolce; progressi nella nutrizione dei pesci, nella genetica e in tipi alternativi di mangimi che riducono l’uso di pesce selvatico nelle formulazioni di mangimi per pesci e coltivazione ampliata di bivalvi e alghe.

Queste tendenze rivelano legami sempre più stretti tra terra e mare. Continuando una lunga storia di produzione nell’entroterra, la quota di pesce d’acqua dolce allevato con mangimi, preparati principalmente con ingredienti terrestri e alcuni marini, è aumentata negli ultimi due decenni. Nel frattempo, è aumentato l’utilizzo di ingredienti vegetali nei mangimi per pesci e la produzione di specie estrattive (molluschi e alghe) che filtrano i nutrienti dai sistemi alimentari terrestri e marini. L’acquacoltura è quindi diventata più integrata nel sistema alimentare globale, con una rapida crescita della produzione e importanti trasformazioni negli ingredienti dei mangimi, nelle tecnologie di produzione, nella gestione delle aziende agricole e nelle catene di valore. Grazie alla crescita dell’acquacoltura, i consumatori delle nazioni a basso e medio reddito hanno beneficiato della disponibilità durante tutto l’anno e dell’accesso a cibi acquatici, ricchi di proteine e micronutrienti. Il settore produce molto più di pesce, crostacei e alghe per il consumo umano diretto. Genera inoltre prodotti utilizzati nella trasformazione alimentare, nei mangimi, nei combustibili, nei cosmetici, nei nutraceutici, nei prodotti farmaceutici e in una varietà di altri prodotti industriali.

Nonostante i notevoli guadagni, il settore dell’acquacoltura continua ad affrontare gravi sfide che, in alcuni casi, minano la capacità di raggiungere risultati sostenibili. Il settore ha generalmente abbracciato un’aspettativa aziendale e sociale di pratiche ambientalmente e socialmente solide. I sistemi di pesci pinnati e crostacei commercializzati a livello globale stanno progressivamente migliorando le loro prestazioni ambientali, sia in modo indipendente che in risposta alle normative governative, agli standard del settore privato e pubblico e agli incentivi di mercato. Tuttavia, molti sistemi di acquacoltura mancano ancora della motivazione per soddisfare i criteri di sostenibilità perché i loro mercati target non premiano i produttori attraverso prezzi migliorati o accesso.

Allo stesso tempo, molluschi, pesci filtratori e alghe hanno caratteristiche sostenibili, in particolare perché non si affidano ai mangimi per pesci, ma invece rimuovono i nutrienti dalla colonna d’acqua. In sintesi, poiché l’industria globale continua ad espandersi, il suo contributo alle prestazioni economiche, sociali e ambientali varia in una vasta gamma di sistemi di acquacoltura.

I principali gruppi di specie che hanno contribuito al 75% della produzione dell’acquacoltura nel 2017 includevano alghe, carpe, bivalvi, tilapia e pangasio. Sebbene la produzione di specie di pesci marini e crostacei sia cresciuta rapidamente anche durante questo periodo, è stata eclissata dal volume a peso vivo dei bivalvi marini e delle alghe e dalla produzione dell’acquacoltura d’acqua dolce.

I pesci d’acqua dolce rappresentano il 75% del volume globale di acquacoltura commestibile, riflettendo la loro favorevole conversione da peso vivo a peso commestibile rispetto ai molluschi e ai crostacei, che hanno un peso vivo elevato. Il ruolo dei sistemi di acqua dolce ha guadagnato attenzione in parte perché i progressi nella tecnologia degli alimenti e nell’allevamento, in particolare per il salmone e i gamberetti, stanno affrontando le precedenti preoccupazioni sugli effetti dell’acquacoltura sulla pesca selvatica.

Oggi l’acquacoltura è più diversificata, con il 40% in più di specie di pesci, crostacei, piante acquatiche e alghe coltivate in un’ampia varietà di sistemi marini, salmastri e d’acqua dolce a livello globale. La produzione globale rimane tuttavia concentrata, con solo 22 di tutti i 425 gruppi di specie coltivate nel 2017 (5%) che rappresentano oltre il 75% della produzione globale in peso vivo . Una piccola parte della categoria “piante acquatiche e alghe” era costituita da piante acquatiche (1.639 tonnellate) nel 2017. Le piante acquatiche sono elencate dalla Food and Agriculture Organization (FAO) sotto “piante acquatiche NEI” e sono sottostimate data la natura informale dei raccolti per il consumo domestico e locale.

Asia, grande attore dell’acquacultura

L’Asia rimane il più grande produttore ittico, rappresentando il 92% del volume in peso vivo di animali e alghe nel 2017. L’acquacoltura in Asia è anche più diversificata di altre regioni in termini di sistemi di produzione e specie coltivate. Nove dei primi dieci paesi classificati per diversità di specie di acquacoltura si trovano in Asia, con la Cina in testa con un ampio margine. Ad esempio, la Cina ha coltivato 86 specie diverse di organismi acquatici in una varietà di sistemi di produzione nel 2017, mentre la Norvegia ha coltivato 13 specie diverse, principalmente in sistemi di gabbie marine.

La Cina ha un ruolo sovradimensionato in quasi tutti i settori della produzione dell’acquacoltura. Dal 2000, il Paese ha mantenuto il suo ruolo di maggior produttore, trasformatore e commerciante globale di pesce, crostacei e molluschi, ed è emerso come un consumatore leader grazie alla rapida crescita del reddito e della domanda interna di prodotti ittici. La Cina da sola ha fornito il 58% e il 59% del volume e del valore globale dell’acquacoltura, rispettivamente, per tutte le categorie combinate nel 2017 .

Nonostante il ruolo della Cina, il settore dell’acquacoltura è diventato sempre più globale, con tassi di crescita in Sud America e Africa che superano l’Asia negli ultimi due decenni (anche se da una base di produzione molto più piccola), e con un’espansione relativamente rapida in Sud e Sud-Est Asiatico rispetto all’Asia orientale. I maggiori produttori di acquacoltura al di fuori dell’Asia, ognuno dei quali rappresenta l’1-2% della produzione globale, includono Norvegia e Cile, che producono principalmente salmone atlantico (Salmo salar), e l’Egitto, che produce tilapia del Nilo (Oreochromis niloticus). L’acquacoltura nell’emisfero occidentale si è sviluppata in gran parte attorno a sistemi di produzione unici o duali e sistemi di produzione singoli (ad esempio, salmone atlantico in gabbie, tilapia del Nilo e pesce gatto americano (Ictalurus punctatus). Questi sistemi e specie hanno beneficiato di progressi genetici e nutrizionali mirati, ma rimangono vulnerabili a shock legati alla volatilità del mercato, eventi climatici estremi e pandemie come COVID-19.

La crescita dell’acquacoltura è stata alimentata dall’espansione del commercio globale, dal calo della disponibilità di pesce selvatico, dai prezzi competitivi dei prodotti, dall’aumento dei redditi e dall’urbanizzazione, che contribuiscono tutti ad aumentare il consumo pro capite di prodotti ittici in tutto il mondo. Il commercio globale del pesce rimane tuttavia limitato a un numero relativamente ridotto di specie e paesi: salmone, gamberetti, pesce gatto e tilapia rappresentano collettivamente circa un terzo dei prodotti ittici commercializzati a livello internazionale per valore, ma solo l’8% della produzione globale di prodotti ittici. Il processo di globalizzazione stesso è stato dinamico, con i redditi e i mercati del Sud globale in espansione più rapida rispetto al Nord globale negli ultimi decenni. La crescente importanza dei mercati interni, in particolare in Asia, significa che oltre l’89% della produzione dell’acquacoltura non entra nei mercati internazionali.

Molluschi

L’acquacoltura dei molluschi comprende circa 65 specie segnalate, principalmente bivalvi (vongole, ostriche, capesante e cozze). Le vongole, ad esempio, la vongola giapponese (Venerupis philippinarum) e l’ostrica concava del Pacifico (Crassostrea gigas), rappresentano due terzi del totale. I bivalvi non richiedono mangime, rendendoli candidati attraenti per l’espansione dei frutti di mare sostenibili. Alcuni molluschi allevati di alto valore, come l’abalone e le conchiglie, sono erbivori e dipendenti dall’alimentazione, ma rappresentano solo il 2,4% della produzione ittica coltivata.

La produzione globale di molluschi coltivati è cresciuta a un tasso annuo del 3,5% tra il 2000 e il 2017, che è inferiore a quello del pesce coltivato (5,7%) e dei crostacei (9,9%)3. In Cina, tuttavia, l’allevamento di bivalvi è cresciuto notevolmente in risposta alla domanda dei consumatori. Tra il 2005 e il 2014, il volume delle capesante è aumentato dell’80,4%, delle vongole del 40,8%, delle ostriche del 30% e delle cozze del 19%84. La Cina è il più grande consumatore e produttore di molluschi, rappresentando l’84% del volume coltivato globale nel 2017.

Oltre ai frutti di mare, i prodotti dell’acquacoltura dei molluschi sono utilizzati in una varietà di prodotti industriali, come fertilizzanti, materiali da costruzione, prodotti farmaceutici e nutraceutici. I bivalvi svolgono anche importanti funzioni ecosistemiche bentoniche e costiere.

Filtrando il fitoplancton e accumulando azoto e fosforo, rimuovono i nutrienti dall’ambiente circostante quando vengono raccolti. Inoltre, l’acquacoltura dei molluschi può fornire una struttura dell’habitat, stabilizzazione del litorale e reddito locale alle comunità costiere. Il ruolo dei bivalvi come pozzo di carbonio o fonte, tuttavia, rimane poco chiaro, e la ricerca volta a misurare il sequestro del carbonio e le prestazioni del sistema da questi sistemi è in corso.

Il servizio ecosistemico più riconosciuto dell’acquacoltura dei molluschi è l’assimilazione di nutrienti in eccesso provenienti da attività umane, ad esempio agricoltura, acquacoltura e scarichi fognari. I bivalvi filtrano quotidianamente grandi volumi di acqua e le loro capacità e impatti sono specifici per specie e area. L’estrazione di nutrienti ha due modalità: la raccolta e la rimozione dei bivalvi, e l’aumento della denitrificazione vicino a dense popolazioni di bivalvi selvatici o coltivati. La capacità dei bivalvi di mitigare completamente l’eutrofizzazione costiera richiede una produzione su larga scala e in molti casi è anche necessaria una riduzione considerevole dei nutrienti alla fonte.

Sebbene i bivalvi possano migliorare la depurazione dell’acqua e la sua limpidezza, assorbono anche virus, batteri, alghe tossiche e particelle organiche inquinate dall’ambiente circostante. Pertanto, i rischi per la sicurezza alimentare sono elevati per i molluschi coltivati in ambienti inquinati. Inoltre, l’introduzione di grandi densità di bivalvi filtranti in un habitat, sia in coltura sospesa che sul fondo, può potenzialmente comportare cambiamenti negativi nella qualità dell’acqua e negli ecosistemi bentonici (ad esempio, depauperamento del fitoplancton, e aumenti localizzati nei tassi di sedimentazione attraverso la biodeposizione) e può presentare seri rischi di malattie. La maggior parte degli impatti negativi della produzione di bivalvi sono specifici per sito e specie e non comuni. Impatti ambientali negativi possono verificarsi se i sistemi di acquacoltura sono sovrasfruttati, situati in modo inappropriato o gestiti in modo non sostenibile, come indicato in alcuni casi in Cina. La valutazione dell’influenza dell’allevamento di bivalvi sull’ambiente circostante può essere un processo complesso. Come in molti sistemi di acquacoltura, tuttavia, l’applicazione di modelli di capacità di carico e migliori pratiche di gestione modificate hanno continuamente migliorato la sostenibilità della coltura di molluschi.

L’allevamento delle alghe

Dal 2000 c’è stata una crescente apprezzamento per le alghe (dominate da macroalghe o alghe marine) per l’aumento del valore nutrizionale, l’uso industriale e i servizi ecosistemici, anche in regioni al di fuori della Cina, del Giappone, della Corea e di alcune parti del Sud America, dove le alghe marine sono state consumate come cibo per secoli. La produzione globale di piante acquatiche e alghe è triplicata da 10 Mt di biomassa umida nel 2000 a oltre 32 Mt nel 2017, con l’acquacoltura che contribuisce a oltre il 97% del volume attuale. Dei 32 Mt di alghe coltivate, il 99% delle quali viene prodotta in Asia, tra il 31% e il 38% viene consumato direttamente come alimento . La maggior parte è utilizzata dal settore dell’industria alimentare come additivi polisaccaridici e ingredienti alimentari funzionali, e dal settore non alimentare come prodotti idrocolloidi in nutraceutici, farmaceutici e cosmetici, e in misura minore come fertilizzanti, ingredienti per mangimi, biocarburanti, bioplastiche e altri prodotti industriali.

La ricerca negli ultimi decenni ha esplorato il potenziale delle alghe marine di sostituire la produzione agricola e animale terrestre nell’assunzione di proteine, grassi (omega 3) e energia – alleviando la pressione sulle risorse idriche e terrestri e sulla biodiversità – ma ci sono poche prove a oggi che le alghe marine possano contribuire sostanzialmente all’assunzione di macronutrienti umani. Numerosi studi hanno evidenziato gli attributi micronutrizionali e sensoriali delle alghe marine per il consumo umano diretto o come alimenti funzionali, ma i benefici sono difficili da quantificare a causa della variazione tra specie, stagioni e ambienti costieri, e della mancanza di chiare prove scientifiche riguardanti la biodisponibilità nutrizionale e i processi metabolici associati al consumo di alghe. La ricerca ha esaminato l’uso della biomassa di microalghe nell’alimentazione dell’acquacoltura come sostituto competitivo del mangime per pesci e l’uso di macroalghe nell’alimentazione di latticini e bovini per ridurre le emissioni di metano, ma questi tipi di mangimi devono ancora svilupparsi commercialmente su larga scala.

L’acquacoltura delle alghe marine è in ritardo rispetto ad altri settori alimentari in termini di selezione, gestione degli agenti patogeni e ottimizzazione dei sistemi di produzione per le condizioni di nutrienti, luce e temperatura. Gli attacchi batterici e virali sono particolarmente elevati nei sistemi di allevamento intensivo di alghe marine, dove la gestione delle malattie può rappresentare fino al 50% dei costi variabili delle aziende agricole. Sono necessarie nuove coltivazioni di alghe marine con un potenziale di resa più elevato, resistenza alle malattie, qualità nutrizionali e attributi per i consumatori per garantire una crescita della produzione e un aumento del valore per il settore.

Nel complesso, i progressi nella ricerca e sviluppo per l’industria delle alghe marine non hanno soddisfatto le aspettative negli ultimi decenni. Alcune importanti eccezioni includono il successo della Cina nella coltivazione di alghe marine contenenti alginato (Saccharina japonica, nota anche come Laminaria japonica) e l’espansione su larga scala dell’acquacoltura di alghe marine contenenti agar (Gracilaria). Il settore rimane frammentato al di fuori dell’Asia (principalmente Cina e Indonesia) e i prezzi competitivi limitano i ricavi netti e gli incentivi all’innovazione. Il valore del settore delle alghe marine potrebbe essere migliorato adottando un approccio di “bioraffineria” alla lavorazione, in cui i prodotti più preziosi dalla biomassa algale vengono estratti sequenzialmente, lasciando il materiale rimanente per usi commerciali e minimizzando gli sprechi, gli input energetici e i danni ambientali. Questo approccio ha avuto successo in vari segmenti dell’agricoltura terrestre.

L’acquacoltura in italia nel 2022

L’acquacoltura italiana è un settore in forte crescita, con un giro d’affari di oltre 300 milioni di euro nel 2021. In quell’anno, sono state prodotte 53.900 tonnellate di pesce di venti specie diverse, distribuite in più di settecento siti produttivi.

La trota è la specie più coltivata, con 29.000 tonnellate prodotte e un valore di 113,1 milioni di euro. Seguono l’orata e la spigola, con 17.600 tonnellate ciascuna e un valore di 146,5 milioni di euro.

I piscicoltori italiani sono impegnati da sempre a garantire ai consumatori prodotti di alta qualità, sani e nutrienti, fondamentali anche nelle diete dei più piccoli. I loro prodotti sono inoltre accessibili a un prezzo decisamente competitivo.

SPECIEImpianti a terra e a mare
(tonnellate)
Impianti vallivi e salmastri
(tonnellate)
TOTALE
(tonnellate)
VALORE -PLV
(migliaia di euro)
SPIGOLA7.3002007.50064.575
ORATA9.95015010.10081.900
OMBRINA3003002.400
ANGUILLA4501005507.425
CEFALI2.5002.5008.750
TROTA29.00029.000113.100
SALMERINO DI FONTE8508504.200
PESCE GATTO3503502.200
CARPE6006002.700
STORIONE (*)9509504.750
ALTRI PESCI (**)1.2001.20011.800
TOTALE50.9502.95053.900303.800
Clicca per votare questo articolo!
[Voti: 0 Media: 0]
Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Pinterest
Email
Tags :

Lascia un commento

Ultimi articoli
Le schede degli organismi marini