Le strategie alimentari e di caccia delle orche, mammiferi maestosi ed altrettanto intelligenti

Le orche non sono poi cosi celebri, se pensiamo che nella letteratura si parla più di squali e balene. Questi animali sono stati quasi sempre etichettati come i clown del mare, facendole esibire in piccole piscine nei parchi marini con salti e capriole.

Soltanto la cinematografia ha reso omaggio alle orche nel 1977, con il film di Michael Anderson ed ispirato al romanzo  di Arthur Herzog l’ORCA ASSASSINA. Ma anche lì le orche sono passate in secondo piano visto che l film inizialmente fu scarsamente accolto da critica e pubblico, ed ebbe poco successo nei cinema, a causa anche della somiglianza con il film Lo squalo di Steven Spielberg, uscito solo due anni prima.

orca_assassina-215x300 Orche, strategie d'attacco e d'alimentazione di questo grande delfinide
La copertina del film Orca assassina

Ma le orche sono mammiferi diversi, diversi da come li vede la società, differenti da quegli esemplari che nuotano nelle piscine con la pinna dorsale piegata, tristi, obbligate a saltare e tuffarsi per rendere felice il pubblico. Le orche sono intelligenti, astute, sagaci. E come in una società ben organizzata cooperano. Ne avevamo già parlato di tattiche astute utilizzate dalle orche nell’articolo Killer in paradiso. La strana alleanza tra orche e cacciatori di balene

orche-sardine-750x500 Orche, strategie d'attacco e d'alimentazione di questo grande delfinide
Photograph by Paul Nicklen

Cosa mangiano le orche ?

Parafrasando De Andrè “ quando le acciughe fanno il pallone”, in questo caso le aringhe, le famiglie cominciano a cooperare, stordendo i piccoli pesci con colpi di coda e balzi sul banco per poi banchettare in comunione. Uno spettacolo che si può osservare soprattutto nelle acque dei fiordi Norvegesi. Come in una danza, ogni orca ha il suo ruolo. La sua posizione. E, con una sincronia quasi perfetta riescono colpire in banco di aringhe e a nutrirsene tutte insieme. Le orche riescono a non far scappare le aringhe, non le fanno disperdere e le mantengono riunite sino a fine pasto.

orchee-in-caccia-763x500 Orche, strategie d'attacco e d'alimentazione di questo grande delfinideMa questa strategia di caccia delle orche non è la sola adottata da questi splendidi animali. In Argentina le orche si scagliano sulla battigia per catturare i leoni marini, in Antartide riescono a far scivolare le foche dai lastroni di ghiaccio galleggianti. Ed imparano tutte queste tecniche sin da subito.

Ma riescono anche ad attaccare da sole, contando soltanto sulla loro forza e sulla loro astuzia. Riescono ad attaccare e ad uccidere balene, delfini, squali, addirittura orsi polari. Tutto ciò che è commestibile e proteico potrebbe essere alla loro portata.

Delle orche si sa comunque poco. Anche a livello scientifico.

I primi studi verso le orche sono cominciati soltanto nel 1970. Ad oggi sembra che esistano 3 famiglie (ecotipi) che si differenziano principalmente per tipologie di alimentazione.

denti-delle-orche-463x400 Orche, strategie d'attacco e d'alimentazione di questo grande delfinide
La dentatura delle orche

Viva la famiglia

Le orche sono animali fortemente sociali, e la caccia coinvolge tutto il gruppo. Il tipo di prede dipende dalle abitudini del gruppo: popolazioni dette residenti, sono stanziali e si nutrono essenzialmente di pesci; le transienti invece cacciano soprattutto mammiferi marini come foche, leoni marini e addirittura cuccioli di balene. Durante la caccia le transienti diventano molto silenziose, per cogliere di sorpresa le loro prede, ma l’attacco è ben coordinato e ogni individuo ha un preciso ruolo.

Rientrano nella loro dieta anche pinguini e altri uccelli marini. Nel 1988 in mare aperto è stato scoperto un nuovo tipo di popolazione detto Offshore, che viaggia in gruppi di circa 60 esemplari, distinto geneticamente dai transienti e dai residenti. È poco conosciuto, anche se le femmine Offshore si riconoscono perché hanno strisce che circondano le pinne. Le due popolazioni di residenti e transienti qualora frequentino lo stesso ambiente marino, evitano contatti reciproci.

orche-in-gruppo-750x500 Orche, strategie d'attacco e d'alimentazione di questo grande delfinide
Photograph by Paul Nicklen

Fin sulla spiaggia

Alcune popolazioni hanno sviluppato delle tecniche peculiari di caccia. Ad esempio le orche argentine si radunano in febbraio di fronte alle spiagge dove si riproducono i leoni marini per cacciare i cuccioli ancora inesperti. La tecnica è semplice: un individuo nuota di fronte alla spiaggia con la pinna dorsale ben visibile sopra la superficie del mare facendosi quindi notare, un altro individuo tenendosi sott’acqua, incrocia dalla direzione opposta. Se ci sono cuccioli distratti che riposano sulla battigia, l’orca che si è tenuta nascosta, con una impressionante rapidità, nuota verso la spiaggia cercando di catturare la preda. In quest’impresa l’animale si spiaggia, ma con decisi movimenti del corpo scivola indietro riguadagnando il mare e portando con sé l’eventuale preda.

orca-feeding-opener-615-300x225 Orche, strategie d'attacco e d'alimentazione di questo grande delfinideNei loro viaggi per mare le orche vengono spesso in contatto con altri grandi predatori del mare. Sono stati documentati scontri con esemplari di squalo mako, tigre e Squalo Bianco. In genere questi due predatori tendono ad evitarsi (c’è anche da tener conto che l’osservazione nei mari non è certo completa, registra solo una minima parte dei casi). L’8 ottobre 1997 nei pressi delle Isole Farallon fu filmato lo scontro tra un’orca di circa 6 metri ed uno Squalo bianco lungo poco più della metà.

orca-contro-squalo-1-300x180 Orche, strategie d'attacco e d'alimentazione di questo grande delfinideVerso la fine del 2009, la biologa marina Ingrid Vissen e il suo team ha documentato con diverse foto il comportamento predatorio di alcuni branchi di orche a largo della Nuova Zelanda a danno di grossi esemplari di squalo.  L’unico animale in grado di sopraffarla è un Capodoglio adulto che grazie alla sua capacità d’immersione riesce a sfuggirle. Esemplari non ancora maturi possono invece rientrare nella dieta dell’orca stessa.

Fai clic su una stella per votare il post!

Voto medio / 5. Conteggio voti:

Nessun voto finora! Sii il primo a votare questo post.

GRAZIE !!!!! Aiutami a far crescere il blog, condividi l'articolo sui social !

Miglioreremo questo post!

Web Editor : Marcello Guadagnino. Io sono Marcello, sono nato a Palermo ed ho vissuto a Marinella di Selinunte (Tp). Sono stato a contatto di pescatori sia sportivi che professionali che mi hanno dato la spinta dopo le scuole superiori a studiare biologia marina per poi terminare gli studi con un master in gestione della fascia costiera e delle risorse acquatiche nelle Marche. Oggi vivo in Francia a Montpellier dove mi occupo di pesca. Rimango sempre in contatto con la mia Sicilia dove torno spesso in particolare in estate dove mi aspetta la mia barca. Qui a Montpellier pratico tanta pesca sportiva, faccio subacquea, vado in barca e la sera quando si spengono le luci del giorno mi dedico al giornale dei marinai andando alla ricerca di news, articoli, guide per cercare di sensibilizzare il grande pubblico sui temi legati al mare.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui