La lega anseatica e la pesca delle aringhe

Il Giornale dei MARINAI La pesca professionaleLa lega anseatica e la pesca delle aringhe
3
(1)

Lega anseatica : Quando le aringhe diventarono “denari”

Tra il XII e il XVII, quando in Italia le Repubbliche marinare si contrastavano per il dominio del Mar Mediterraneo, le città portuali del Mar Baltico cooperavano scambiandosi i prodotti del mare cominciando cosi un epoca di floridi commerci tra tutte le regioni che si affacciavano sul mare del Nord.  Da Tallin a Danzica, passando da Londra a Bruges sino a lambire la costa nord della Francia. Tutte queste città si riunirono in una organizzazione con una alleanza commerciale. Questa organizzazione prendeva il nome di Hansa che deriva proprio dalla parola alleanza  creando la “Lega Anseatica”  che per circa 4 secoli ebbe il predomino sul commercio in tutto il mare del Nord.

Diversamente dagli stretti regolamenti delle repubbliche marinare Italiane la Lega Anseatica aveva una struttura organizzativa molto elastica aprendo il mercato a tutte le città che avesse voluto parteciparvi ed aprirsi al commercio estero. Una sorta di autonomia commerciale tra le città che aveva trovato anche i Federico II di Svevia uno dei suoi sostenitori.

aringhe

La Lega Anseatica era dapprima interessata soltanto al commercio ma si trovo anche a scendere in battaglia nel 1370 contro Valdemiro IV Re di Danimarca, per prendere il possesso  dell’isola di Gothland, una battaglia vinta che nel tempo porto’ all’interno della lega un grande profitto.

Ma la vera fortuna della lega furono le aringhe del mare del Nord. Questi pesci venivano trasportati su e giu per tutto il mare del nord, aprendo le porte a grandi scambi tra popoli diversi. Queste aringhe una volta pescate venivano subito caricate e stipate in delle imbarcazioni che erano state progettate appositamente chiamate Kogge o Kocche in Italiano.

Questa imbarcazione nasce nei mari del nord, probabilmente intorno al XII secolo, per far fronte alla necessità di adeguare l’incremento dei commerci via mare con navi sempre più capaci e sempre più in grado di ben veleggiare sia in condizioni di mare calmo che di mare agitato. La cocca aveva un ponte scoperto, sotto il quale un unico vano costituiva la stiva. Possedeva un solo albero con una sola vela, quadra e di grandi dimensioni.

Nel Medioevo e fino a tutto il ‘500, questo pesce ha avuto un grande interesse economica nel Nord EUROPA, perché la sua cattura rappresentava una fonte di cibo proteico, quando allevamento, agricoltura e commercio erano insufficienti a nutrire le popolazioni. Le dimensioni di questo pesce, tradizionalmente uniformi ne fecero una merce di scambio ideale, Sino a diventare addirittura una sorta di moneta. Si stipulavano contratti basati su rendite di aringhe, e certe imposte venivano pagate in aringhe. A testimoniare l’importa di questo pesce segnaliamo il dizionario di Dumas, che ricorda come ancora nel ‘500, sopravvivesse un’usanza assai bizzarra fra i canonici della cattedrale di Reims. “Il mercoledì santo, si andava in chiesa in processione, ordinati su due file, trascinando ciascuno un’aringa attaccata ad una corda. Ogni canonico era occupato a camminare sull’aringa di quello che lo precedeva e a salvare la sua dalle sorprese di quello che lo seguiva.

L’aringa oggi

Ancora oggi la pesca delle aringhe alimenta un’importantissima industria che, nelle regioni nordiche, si dedica alla preparazione e conservazione di questo alimento. Le aringhe più pregiate sono quelle giovani, pescate fra maggio e giungo lungo le coste della Scozia e dell’Irlanda. Sul mercato italiano l’aringa non si trova fresca, ma conservata in vari modi: salata, affumicata, marinata. Un tempo, nelle zone povere del Veneto e della Toscana, c’era l’uso di “battere” un’aringa affumicata sopra delle fette di pane per “mangiarne” il profumo, e nelle occasioni speciali si usava arricchire la polenta di tutta la famiglia con un’aringa, perché un solo pezzettino ne bastava ad insaporire una grande quantità.

Fai clic su una stella per votare il post!

Voto medio 3 / 5. Conteggio voti: 1

Nessun voto finora! Sii il primo a votare questo post.

Miglioreremo questo post!

Dicci come possiamo migliorare questo post?

Categories:
Web Editor : Marcello Guadagnino, biologo marino ed esperto di pesca professionale. Autore del Giornale dei Marinai

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi anche

delfini drone I droni infastidiscono i delfini?
5 (1) Oggi sempre più droni sono utilizzati per riprendere immagini, fare foto, monitorare ma
Lampedusa. affonda barcone, 125 migranti salvati dalla Guardia Costiera
3 (2) Lampedusa 09.09.2021 – Questa mattina, alle prime luci dell’alba, 125 migranti sono stati
Concorso fotografico “Aliens in the sea” : progetto citizen partecipativo per la sensibilizzazione delle invasioni biologiche.
5 (1) Favorire forme innovative di ‘Citizen Science’ per accrescere la partecipazione dei cittadini. E’ questo
granchio zombie Sacculina carcini : il parassita che zombifica i granchi verdi
4 (4) Sacculina carcini è un piccolo crostaceo parassita del granchio verde Carcinus maenas e
Pesce in scatola: tutti i benefici delle conserve di pesce!
3.4 (8) Con un’economia che gira sempre più rapidamente oggi si puo’ trasportare il pesce
Barracuda-luccio-di-mare La differenza tra barracuda e luccio di mare
5 (4) Un tempo in Mediterraneo era presente solamente il luccio di mare (Sphyraena sphyraena),
Gli attrezzi da pesca del Mediterraneo
5 (1) Pesca industriale o artigianale, piccola pesca costiera oppure i grandi strascichi ? Quali
Il gamberetto di scogliera Il gamberetto di scogliera – Gen. Palaemon
4 (1) In Mediterraneo esistono diverse specie appartenenti al genere Palaemon, tutti soprannominati gamberetti di
Torpedine La Torpedine -Torpedo marmorata
5 (2) L’areale della Torpedine varia dal Mare del Nord dove è raro, al Golfo
Fotosub e ricerca : competizioni per lo studio della biodiversità ittica
5 (3) La biodiversità delle nostre coste presenta una distribuzione piuttosto eterogenea dal punto di
vacanze in barca a vela Vacanze in barca a vela : i 10 vantaggi
4.3 (7) Per molti la vela è più di una passione. È infatti un esercizio per il
GUARDIA COSTIERA: I RISULTATI DELL’OPERAZIONE COMPLESSA «NO DRIFTNETS» CONTRO LA PESCA ILLEGALE
3.9 (19) Il contrasto all’utilizzo delle reti da posta derivanti illegali è sempre stato uno
Datterari arrestati, l’Amp Punta Campanella:”Grande operazione, noi parte civile”
4.8 (5) Blitz nella notte da parte degli uomini della Guardia Costiera coordinati dalla Procura
Pesca sostenibile Pesca sostenibile : taglie minime e specie protette
4.5 (2) Questa guida presenta le principali specie ittiche catturate sulla costa italiana e gli
pennatula La pennatula rossa – Pennatula rubra
5 (1) La pennatula rossa è un antozoo a forma di alberello delle dimensione massime
Le Mangrovie
3.8 (4) Gli ecosistemi a Mangrovie sono sicuramente tra gli ecosistemi più produttivi del pianeta.
vermocane Quali sono gli animali più velenosi del Mediterraneo?
4.5 (11) In Mar Mediterraneo sono presenti almeno una cinquantina di animali velenosi . Tutti sono
pyrosoma Pyrosoma, il gigante gli oceani
3.7 (3) Nonostante le apparenze, il pyrosoma non è in realtà un gigantesco verme marino
nomi oceani CHI HA SCELTO IL NOME DEGLI OCEANI?
5 (1) Vi siete mai chiesti qual è l’origine del nome degli oceani? Come è stato possibile
Inquinamento: trote selvatiche dipendenti dalla metanfetamina
4 (1) Animali che si drogano (o che lo fanno non consapevolmente) Uno studio condotto