Il nasello – Merluccius merluccius

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Email
nasello merluzzo

Il nasello appartiene al ordine di gadiformi.  Un cacciatore notturno e molto vorace, il nasello si nutre principalmente di pesce ma anche di crostacei e molluschi. L’età della prima maturità sessuale del nasello europeo Merluccius merluccius si ha a circa 4 anni per i maschi e 7 anni per le femmine quando misurano 60 cm e pesano circa 1,5 kg. A 20 anni le femmine possono misurare 1 m. La deposizione delle uova avviene tra Febbraio e luglio.

Questo pesce, dal corpo allungato e slanciato , ha 2 pinne dorsali : la prima è triangolare e corta; il secondo è lungo e più alto nella parte posteriore. Nei giovani, le punte delle pinne dorsali sono nerastre.

Il dorso del nasello è grigio ardesia o brunastro mentre il ventre è bianco . La sua linea laterale è marcata e scura . Ha una grande bocca carnivora con un palato scuro (grigio nei giovani), grandi denti appuntiti e una mandibola prominente. La parte superiore della sua testa è contrassegnata da creste ossee. Le aperture branchiali sono nere.
Può superare 1 m di lunghezza.

Il nasello caccia di notte quando risale in superficie e si nutre di pesci (sgombro, merlano), crostacei e cefalopodi. Da giovane sceglie i crostacei, mentre da adulto predilige una dieta piscivora.

Riproduzione

La femmina è matura intorno ai 7 anni (55 cm) e il maschio intorno ai 5 anni (40 cm). La crescita del nasello è puo’ vivere sino a vent’anni.
Il periodo riproduttivo si estende da novembre a giugno nel Mediterraneo e da febbraio a maggio nell’Atlantico.
La deposizione delle uova del nasello avviene in acque libere. La femmina emette un gran numero di piccole uova. La schiusa avviene sei giorni dopo e gli avannotti si radunano sul fondo.

Pesca intensiva

Il nasello è oggetto di sfruttamento intensivo. In Europa, è effettuato da pescherecci da strascico, reti da posta e con i palangari. Le catture sono destinato principalmente ai mercati del sud Europa, Spagna in testa. Nel 1998, circa il 65% delle catture erano immature (pesca mirata e catture accessorie, soprattutto nella pesca degli scampi) e quasi la metà erano inferiori alla taglia minima.

Merluccius merluccius vive nelle acque di l’Atlantico nord-orientale, dalla Norvegia al Mauritania e nel Mediterraneo. In Europa la taglia minima di cattura è di 20 cm.

Nasello e biomagnificazione

Ifremer ha avviato uno studio sulla contaminazione del nasello mediterraneo in alto tirreno attraverso il lo studio del bioaccumulo di alcuni contaminanti nella rete trofica . Il programma denominato  Merlumed  monitora quattro inquinanti ( PCB , PBDE , mercurio e altri metalli, e un radionuclide ( cesio 137 ). I ricercatori hanno analizzato il contenuto stomacale e i rapporti isotopici per identificare la rete alimentare del nasello.

Il contenuto dello stomaco mostra che il nasello si nutre principalmente di giovani gamberetti, piccoli cefalopodi e pesci bentonici e demersali. Man mano che il nasello cresce, mangia sempre meno invertebrati e sempre più vertebrati .

In generale, la contaminazione da clorobifenile aumenta notevolmente quando il nasello raggiunge circa i 25cm  (probabilmente a causa di un cambiamento nella dieta). I campioni prelevati in autunno sono più contaminati degli altri, ciò potrebbe essere dovuto alla dieta del nasello e/o al suo tasso di crescita.

Allo stesso modo, i livelli di mercurio aumentano quando il nasello inizia a mangiare i vertebrati; il livello di mercurio varia quindi da 0,5 a 11μg/g, i valori maggiori si trovano su pesci che superano i 41cm.

Anche per il Cesio, la contaminazione aumenta con l’età.

Clicca per votare questo articolo!
[Voti: 1 Media: 5]
Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Pinterest
Email
Tags :

Lascia un commento

Ultimi articoli
Le schede degli organismi marini