Il beluga: caratteristiche e habitat della “balena bianca”

beluga-balena

Cetaceo appartenente alla famiglia dei monodontidi come il narvalo e lo zifio, il beluga vive nelle fredde acque dell’ AlaskaCanada e Russia. Il suo nome deriva dal russo «beluhka» che significa balena bianca.

I Beluga sviluppano completamente il loro colore bianco quando sono adulti,  poiché alla nascita sono grigi o marrone chiaro. La mancanza di pinna dorsale, una testa prominente e un corpo robusto e voluminoso; possono essere elencate tante altre caratteristiche distintive di queste creature come ad esempio il melone( un organo costituito da tessuto adiposo posto al centro della fronte)

Sono creature gregarie, formano gruppi di 10 individui; anche se durante l’estate questo numero cresce fino a migliaia di individui.

I beluga, sono dei nuotatori lenti , ma possono immergersi fino a quasi 700 metri di profondità.

Lo zoologo e botanico Peter Simon Pallas , fu il primo a scoprire questa specie nel 1776. Sebbene molto simili alle balene i beluga sono invece strettamente imparentati con in delfini. Lo zoologo e botanico Peter Simon Pallas , fu il primo a scoprire questa specie nel 1776. Sebbene molto simili alle balene i beluga sono invece strettamente imparentati con in delfini. Palla diede alla specie il nome scientifico di Delphinapterus leucas.

Questi cetacei hanno un’aspettativa di vita tra i 70 e gli 80 anni. La loro età è solitamente determinata dalla quantità di carbonato di calcio presente nei denti. Un po’ come per gli alberi si contano gli strati di carbonato di calcio che si accrescono ogni anno.

I maschi di questa specie sono generalmente più grandi del 25% rispetto alle femmine. Misurano tra 3,5 e 5,5 metri di lunghezza, mentre una femmina raggiunge al massimo 3-4 metri.

Un maschio adulto raggiunge fino a 1.100-1.600 chilogrammi di peso, mentre la femmina raggiunge solo 700-1.200 chilogrammi . .

I beluga raggiungono raggiungono il massimo della taglia quando hanno 10 anni. Hanno delle pieghe di grasso lungo la zona del ventre e quasi la metà del loro corpo è ricoperta di grasso che funge da strato protettivo, contro le basse temperature delle zone artiche dove abitano abitualmente.

Alla nascita questi cetacei hanno un colore grigio o in alcuni casi marrone chiaro. I maschi impiegano 9 anni per raggiungere il caratteristico colore bianco, mentre le femmine lo raggiungono in soli 7 anni.

Come la maggior parte degli animali che abitano le aree polari, il loro colore aiuta a proteggerli dai predatori come gli orsi polari poiché funge da « mimetizzazione » per nascondersi nella neve artica. I beluga, tendono a variare il loro colore a seconda delle stagioni. È quindi possibile notare una colorazione giallastra durante l’inverno; a causa dell’ispessimento degli strati superficiali della pelle, che li protegge dalla bassa temperatura. All’inizio dell’estate, durante la migrazione, strofinano contro la sabbia per rimuovere questo rivestimento.

I beluga, tendono a stabilire un contatto fisico con altri esemplari della stessa specie. Ciò indica che hanno un sensibile senso del tatto e si sentono al sicuro nell’essere circondati da altri beluga.

In alcuni studi è stata rilevata la presenza di chemiocettori nella lingua che mostra che identificano i sapori attraverso il gusto.

I beluga possono consumare pesce, grandi quantità di molluschi, gamberetti, polpi, ma anche vermi marini.

Per procurarsi il cibo possono immergersi a 20 e 40 metri di profondità , rimanendo in apnea per un massimo di 5 minuti.  Riescono ad immergersi a grandi profondità grazie alla capacità di immagazzinare ossigeno,  che consente loro di abbassare la frequenza cardiaca,  deviando l’ossigeno in questo modo verso gli organi principali come cervello, cuore e polmoni. Questi organi devono rimanere attivi durante l’immersione.

Inoltre i muscoli sono ricchi di mioglobina , una proteina che ha la funzione di trasportare l’ossigeno, che usano come riserva per le immersioni profonde.

Riproduzione

Le balene beluga raggiungono la maturità sessuale tra i 4 e i 7 anni per i maschi e tra i 4 e i 9 anni per le femmine. Sono considerati pienamente fertili all’età di 8 anni e mezzo; Sembra che dopo 25 anni i beluga non siano più in grado di riprodursi.

Le femmine partoriscono solitamente ogni 2 o 3 anni e il periodo di gestazione può variare tra 12 e 14 mesi

Comunicazione

Le balene bianche Beluga comunicano attraverso onde sonore, cioè producono suoni per localizzare la distanza in cui si trova un oggetto. Questo sistema è chiamato ecolocalizzazione e li aiuta a muoversi nelle acque profonde.

Fanno uno schiocco che genera una sorta di segnale acustico, che quando rimbalza contro un ostacolo, ritorna e viene catturato dal melone che lo trasforma il segnale in suono.. Questo è il modo in cui calcolano la velocità, le dimensioni, la distanza, la forma e la struttura di altre specie marine.

La comunicazione tra loro è stabilita attraverso un sistema ad alta frequenza, composto da suoni molto acuti

100.000 beluga in tutto il pianeta

Le balene bianche beluga, abitano solitamente le zone costiere dell’Artico , soprattutto sulle coste dove c’è più luce solare. E’ possibile vederli anche vicino alle foci del fiume, soprattutto durante l’estate.

Si stima che ci siano circa  100.000  beluga sparsi in tutto il mondo. Tuttavia, questo numero varia soprattutto durante la stagione della caccia alle balene; dove ovviamente la popolazione diminuisce. È considerato un approssimativo di 40.000 specie nel Mare di Beaufort,18.500 nel Mare di Bering e circa 28.000 nel Basso Artico canadese . Inoltre, vi sono circa 1.000 individui, nella foce di San Lorenzo. .

La balena bianca Beluga è stata una delle prime specie di cetacei catturate per essere mostrate al pubblico. La prima  apparizione fu coordinata dall’American Museum of Barnum, a New York, nel 1861.

I beluga sono stati e sono tutt’oggi catturati dai pescatori per esporli al pubblico in acquari o per venderne la carne e la pelle. È importante sapere che durante il diciottesimo e diciannovesimo secolo il consumo di carne e grasso delle balene, faceva parte della dieta degli europei e del Nord America.

Predatori

Il principale predatore del beluga è l’orso polare. Approfittano del momento in cui le balene vengono in superficie per respirare e le colpiscono. Inoltre, durante l’inverno, alcune di queste balene rimangono intrappolate tra gli strati di ghiaccio, dove sono facili prede degli orsi.

Un altro predatore è l’orca, che per la sua velocità può raggiungere i beluga facilmente, soprattutto i più giovani che sono meno abili nel nuoto.

Tags :

Share :

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest

1 commento su “Il beluga: caratteristiche e habitat della “balena bianca””

Lascia un commento

Ultimi articoli

Le schede degli organismi marini